Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La madre dà la nascita ai gemelli con diversi padri, Stati Uniti

I gemelli di 11 mesi di Dallas, Justin e Jordan, hanno diversi padri, un fenomeno noto come superfecundazione eteroposferica che è così raro che sono solo una manciata di casi documentati nel mondo.

I loro genitori, Mia Washington e il suo fidanzato James Harrison, sono stati resi pubblici con le loro notizie la scorsa settimana quando hanno contattato FOX4 per raccontare la loro storia.

Ammettendo che stava avendo una relazione con un altro uomo nel momento in cui i gemelli furono concepiti, Washington disse che era scioccata dal fatto che fosse successo:

“Ho due gemelli, ma sono di padri diversi”, ha detto all’agenzia televisiva.

Washington e Harrison hanno notato che i gemelli avevano caratteristiche facciali diverse e hanno deciso di sottoporsi a un test di paternità. Andarono a Dallas DNA Lab ClearDiagnostics che disse che non avevano mai visto un risultato simile prima e che c’era una probabilità del 99,999% che Justin e Jordan fossero generati da uomini diversi.

Il risultato altamente probabile è che Jordan è il figlio biologico di Harrison e il padre biologico di Justin è l’uomo con cui Washington ha avuto una relazione.

Il presidente di Lab Clear Diagnostics Genny Thibodeaux ha descritto la notizia come “molto pazza” e “la maggior parte della gente non crede che possa accadere”.

Il dott. Chris Dreiling, della Pediatric Association di Dallas, che non ha incontrato la famiglia, ha detto a Fox News che una donna può rilasciare più di una ovulazione di ovodeposizione, e se ha rapporti con più di un partner in quel periodo, quindi sperma da partner diversi possono fertilizzare ogni uovo:

“Poiché gli spermatozoi impiegano un po ‘di tempo per viaggiare e le uova impiegano un po’ di tempo per spostarsi, può esserci una sovrapposizione”, ha detto Dreiling, spiegando che è stato molto raro e probabile che sia “l’unica volta in cui vedremo questo accadere nel città di Dallas “.

Harrison ha detto che porterà i suoi due figli come suoi. Ha detto che ha perdonato la sua fidanzata e ha promesso di rimanere con lei.

Ha detto che lo stanno prendendo giorno per giorno, “ci vorrà del tempo per costruire quella fiducia come avevamo”, ha aggiunto.

Washington ha detto che all’inizio si è sentita cauta, pensando che ci avrebbe provato, ma poi si è arreso e se ne andava. Ma lei ha detto che non è successo.

“James è un brav’uomo, è un grande padre e ama sinceramente entrambi i gemelli”, ha detto Washington, aggiungendo che per quanto lo riguardava era il padre di entrambi i ragazzi perché “è lì ogni mattina quando si alzano e ogni notte quando vanno a dormire “.

Washington ha detto che si rammarica del suo errore e vuole che le altre persone sappiano che questo può accadere.

“Non metterti nei miei panni, perché può ferire e fa male, ma devi ancora andare avanti con la vita”. Aveva questo consiglio per altre donne:

“Stai attento a iniziare una relazione – guarda cosa mi è successo, pensa prima le conseguenze, perché le cose più bizzarre possono accadere quando meno te lo aspetti!”

Washington ha detto che dirà ai suoi figli del loro diverso DNA quando sono abbastanza grandi per capire. Non ha intenzione di dirlo all’altro padre, anche se ha detto “se quando è più grande, Justin vuole incontrare il suo vero papà, allora questa è la sua decisione”.

Anche se rara negli esseri umani, la superfecundazione eteropaterna è più comune in altri animali come cani e gatti, un fatto che è ben noto allevatori topofessionali. Alcuni club per cani permettono, ad esempio, la registrazione di cucciolate a più di un cane maschio o “sire”, un fenomeno chiamato “multi-siring”, ed è possibile acquistare kit di test del DNA da loro a tale scopo.

Fonti: myFox DALLAS / FORTWORTH, Daily Mail, American Kennel Club.

Scritto da: Catharine Paddock, PhD

Like this post? Please share to your friends: