Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La maggior parte dei pazienti con cancro alla vescica non invasivo di alto grado non ottiene cure adeguate

La maggior parte dei pazienti con carcinoma della vescica non invasivo di alta qualità non riceve le cure raccomandate dalle linee guida ufficiali della American Urology Association e National Comprehensive Cancer Network; trattamento essenziale per ridurre al minimo le probabilità di recidiva o di progressione del cancro, i ricercatori del Centro di Cancro Comprehensive di Jonsson della UCLA hanno rivelato sulla rivista Cancer. Gli scienziati dicono che i loro risultati sono “allarmanti”.

Nel loro studio, solo 1 paziente oncologico alla vescica ha ricevuto un’assistenza completa raccomandata su un totale di 4.545.

Il dott. Karim Chamie ha spiegato che la cura raccomandata per questo tipo di cancro alla vescica è cruciale, perché riduce significativamente i tassi di mortalità.

Il Dr. Chamie ha detto:

“Siamo rimasti sorpresi dai risultati di questo studio, in particolare in un’epoca in cui molti suggeriscono che i medici trattano eccessivamente i pazienti e fanno troppo nel nome della pratica della medicina difensiva.Questo studio suggerisce invece il contrario, che non facciamo abbastanza per i pazienti con carcinoma della vescica, se questa fosse una pagella sulla cura del cancro alla vescica in America, direi che stiamo guadagnando un voto negativo “.
La mancata aderenza (non conformità) era elevata e non influenzata da fattori quali l’etnia, l’età, la razza o lo stato socioeconomico del paziente. La non conformità era principalmente dovuta alle decisioni di trattamento effettuate dai medici.

Il Dr. Chamie ha detto:

“Non era la loro età, la razza, il codice di avviamento postale o quanto fossero ricchi. Tutto dipendeva da chi era il loro medico”.
L’autore senior dello studio, il dott. Mark S. Litwin, non è sicuro del motivo per cui i medici non seguano regolarmente le linee guida di trattamento stabilite.

Il Dott. Litwin ha detto:

“È sconcertante, perché una forte evidenza supporta queste linee guida, ma questo è un campanello d’allarme per tutti i medici che si prendono cura dei pazienti con cancro alla vescica, sappiamo in modo definitivo cosa costituisce un’assistenza di alta qualità, ora dobbiamo solo assicurarci che accada”.
Quelli con carcinoma della vescica non invasivo di alta qualità hanno un rischio compreso tra il 50% e il 70% di recidiva del cancro nella vescica dopo il trattamento. La vescica non invasiva di alta qualità non si è ancora diffusa nel muscolo della vescica. Hanno anche un rischio dal 30% al 50% di diffusione del tumore nel muscolo – quando questo si verifica, il cancro alla vescica è molto più difficile da trattare efficacemente. A quel punto, la vescica e il tessuto e gli organi circostanti devono essere rimossi chirurgicamente, riducendo significativamente la qualità della vita e l’aspettativa di vita del paziente.

In tre quarti delle diagnosi di cancro alla vescica, il cancro non si è ancora diffuso nel muscolo, ha spiegato Chamie. Pertanto, trattarli secondo le linee guida raccomandate aiuta a ridurre al minimo il rischio di recidiva, oltre a prevenire l’invasione dei muscoli.

Le linee guida raccomandano che un farmaco che uccide il cancro sia iniettato direttamente nella vescica – questo aiuta a minimizzare la progressione e la ricorrenza. Ci dovrebbe essere un intenso follow-up, compreso l’uso ripetuto di un telescopio (cistoscopia) per controllare l’interno della vescica. I test delle urine per verificare la presenza di cellule anormali dovrebbero essere eseguiti ogni tre mesi.

Solo un paziente nello studio ha ricevuto le cure raccomandate. I ricercatori hanno raccolto dati dal database correlato a Medicare di SEER (Surveillance, Epidemiology and End Results). La metà dei pazienti non ha ricevuto almeno una iniezione di cancro nella vescica, un test delle urine o una cistoscopia.

O i rimborsi medici dovrebbero essere modificati, o ci dovrebbe essere un’iniziativa di miglioramento della qualità per affrontare questa situazione, suggeriscono Chamie e Litwin.

Nonostante il basso tasso di aderenza, il tumore della vescica è la neoplasia più costosa da trattare a livello di paziente. La conformità ridurrebbe i tassi di recidiva e di progressione, che alla fine ridurrebbero i costi.

Il Dr. Chamie ha detto:

“Dobbiamo migliorare la conformità, e ci sono due modi per farlo: Modificare i nostri programmi di rimborso per fornire incentivi ai medici per seguire le linee guida, o uscire e interagire ed educare gli urologi della comunità, che stanno consegnando la stragrande maggioranza del cancro alla vescica cura, sull’importanza di fornire assistenza conforme Diversamente da alcuni pazienti con diagnosi di tumore alla vescica dopo averlo diffuso in altri siti, quando è troppo tardi per trattare efficacemente, o in quelli con tumori di basso grado che non saranno probabilmente aggressivi, questo è una coorte potenzialmente curabile di pazienti: se non facciamo un buon lavoro nel trattamento di questi tumori, perderemo questi pazienti “.
Gli americani saranno probabilmente diagnosticati con cancro alla vescica nel 2011 e 15000 moriranno a causa della malattia, aggiungono gli autori.

“Conformità alle linee guida per i pazienti con carcinoma della vescica”
Karim Chamie, Christopher S. Saigal, Julie Lai, Jan M. Hanley, Claude M. Setodji, Badrinath R. Konety, Mark S. Litwin
Cancer 10.1002 / cncr.26198

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: