Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La maggior parte della perdita di peso si verifica “respirando”

Anche se è spesso spinto a lato durante la corsa festiva, durante la ricaduta post-natalizia, la perdita di peso sarà ancora una volta in cima a molti dei nostri programmi. Ma dove va il peso in eccesso quando lo perdiamo? La risposta fornita da un nuovo documento può essere una sorpresa.

Schema dei polmoni umani.

Secondo i ricercatori dell’Università del New South Wales in Australia, quando il peso è perso, la maggior parte di essa viene espulsa come anidride carbonica. Il loro articolo è pubblicato nel numero di Natale di.

Il prof. Andrew Brown e Ruben Meerman hanno riferito di un malinteso diffuso su come il peso sia perso, trovando i medici, i dietologi e i personal trainer tutti ugualmente colpevoli di non sapere. Molti credono che il grasso sia convertito in energia o calore, “che viola la legge di conservazione della massa”, scrivono.

Altri ritenevano che il grasso potesse essere espulso all’interno delle feci o convertito in muscolo. Queste risposte potrebbero aver suscitato ansie da Brown e Meerman, che hanno ora formulato un calcolo per illustrare come effettivamente “perdiamo peso”.

I carboidrati e le proteine ​​in eccesso sono convertiti in un tipo di grasso chiamato trigliceride. Quando le persone tentano di perdere peso, stanno tentando di metabolizzare questi trigliceridi mantenendo intatta la loro massa priva di grasso, spiegano gli autori.

I trigliceridi sono composti da tre tipi di atomo: carbonio, idrogeno e ossigeno. Le molecole di trigliceridi possono essere scomposte solo sbloccando questi atomi, attraverso un processo noto come ossidazione.

Tracciare gli atomi

I ricercatori hanno scelto di seguire il percorso di questi atomi quando lasciano il corpo. Hanno scoperto che quando 10 kg di grasso sono stati ossidati, 8,4 kg sono stati convertiti ed escreti come anidride carbonica (CO2) attraverso i polmoni e 1,6 kg sono diventati acqua (H20).

Al fine di ossidare 10 kg di grasso umano, i ricercatori hanno calcolato che devono essere inalati 29 kg di ossigeno. L’ossidazione produce quindi un totale di 28 kg di CO2 e 11 kg di H20.

“Nessuna di queste biochimiche è nuova”, affermano gli autori, “ma per ragioni sconosciute sembra che nessuno abbia mai pensato di eseguire questi calcoli prima: le quantità hanno perfettamente senso ma siamo rimasti sorpresi dai numeri che sono emersi”.

I risultati suggeriscono che i polmoni sono il principale organo escretore per la perdita di peso, con l’H20 prodotto dall’ossidazione che lascia il corpo nelle urine, nelle feci, nel respiro e in altri fluidi corporei.

In media, una persona che pesa 70 kg espira circa 200 ml di CO2 in 12 respiri al minuto. Gli autori calcolano che ogni respiro contiene 33 mg di CO2, con 8,9 mg di carbonio. Un totale di 17,280 respiri durante il giorno eliminerà almeno 200 g di carbonio, con circa un terzo di questa perdita di peso che si verifica durante 8 ore di sonno.

Il carbonio che viene perso attraverso l’espirazione viene sostituito solo dal consumo di cibo e bevande come succhi di frutta, latte e bevande analcoliche. “Mantenere il peso fuori richiede semplicemente di ricominciare a mangiare di meno di quello che hai espirato respirando”, affermano gli autori.

“Mangia di meno, spostati di più”

La quantità di carbonio che si perde può essere aumentata con l’esercizio. Sostituendo 1 ora di riposo per 1 ora di esercizio moderato come fare jogging, il tasso metabolico è aumentato di sette volte, rimuovendo altri 40 g di carbonio dal corpo, aumentando il totale giornaliero di circa il 20% a 240 g.

Tuttavia, questo può essere facilmente compensato con un’alimentazione insalubre. Un singolo muffin da 100 g, ad esempio, fornisce circa il 20% del fabbisogno energetico giornaliero totale di una persona media. “L’attività fisica come strategia di perdita di peso è, quindi, facilmente sventata da quantità relativamente piccole di cibo in eccesso”, scrivono gli autori. La soluzione è tradizionale: “mangia di meno, spostati di più”.

“Raccomandiamo che questi concetti siano inclusi nei programmi di scienze della scuola secondaria e nei corsi di biochimica universitaria per correggere gli equivoci diffusi sulla perdita di peso”, concludono.

Sebbene i risultati della carta possano alterare la comprensione della perdita di peso, le strategie per perdere peso dovrebbero rimanere invariate. Mangiare di meno e spostarsi di più è un modo sicuro per combattere le eccentricità della stagione festiva.

All’inizio di questo mese, un nuovo studio ha riportato che due disturbi del sonno – la mancanza cronica di sonno e problemi respiratori legati al sonno – raddoppiano il rischio di obesità infantile.

Like this post? Please share to your friends: