Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La metformina può prevenire il cancro al seno resistente ai farmaci

Una ricerca condotta dall’Università di Saskatchewan in Canada ha scoperto che la metformina del farmaco contro il diabete potrebbe ridurre lo sviluppo della resistenza multiresistente in vitro nelle cellule di cancro al seno e potrebbe invertire la resistenza una volta che si è verificata.

pillole colorate

Terra Arnason, Ph.D. – un professore associato e uno scienziato clinico presso il Dipartimento e il College of Medicine – e colleghi hanno condotto lo studio. Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista.

La multiresistenza (MDR) si verifica quando diversi tumori sviluppano resistenza ai farmaci chemioterapici. L’MDR è un fattore significativo nel fallimento di molti tipi di chemioterapia ed è spesso un evento terminale. Colpisce le persone con tumori del sangue e tumori solidi, compresi quelli con tumore al seno.

Come e perché le cellule tumorali diventano resistenti ai farmaci è rimasta una questione importante nella ricerca sul cancro. La risposta fornirebbe potenziali obiettivi per prevenire e invertire la resistenza al trattamento.

Le persone che sviluppano resistenza a un agente spesso sviluppano resistenza a molti, quindi sono conosciute come “multipla resistenza ai farmaci”.

Effetto antiproliferativo sulle cellule tumorali

Arnason e il team miravano a studiare l’effetto di metformina su MDR quando usato insieme al trattamento primario.

La metformina è un farmaco usato per il trattamento del diabete di tipo 2 quando la dieta e l’esercizio fisico da soli non hanno aiutato a controllare i livelli di zucchero nel sangue. La metformina aiuta a ridurre la glicemia migliorando il modo in cui il corpo gestisce l’insulina.

In precedenti ricerche, la metformina ha dimostrato di avere un effetto antiproliferativo sulle cellule tumorali, il che significa che il farmaco inibisce la crescita e la diffusione delle cellule tumorali.

Infatti, le persone con diabete di tipo 2 e cancro che assumono metformina sono state segnalate per avere una riduzione del 31 per cento del verificarsi di nuovi tumori. Inoltre, la metformina è stata suggerita per favorire la sopravvivenza per tutte le cause in quelli con cancro al seno.

Il team ha pianificato di valutare i meccanismi che facilitano l’impatto antiproliferativo della metformina e verificare se l’uso del pre-trattamento con metformina potrebbe trarre beneficio o interferire con il carcinoma MDR.

Hanno usato le linee cellulari di cancro al seno MCF7 ampiamente studiate e le hanno testate per la resistenza al farmaco chemioterapico doxorubicina al fine di valutare l’effetto antiproliferativo della metformina.

Resistenza invertita dopo l’uso di metformina

Arnason e colleghi hanno scoperto che la metformina aveva un effetto antiproliferativo su MCF7, comprese le cellule resistenti alla doxorubicina.

Lo sviluppo della resistenza ai farmaci è stato ritardato o prevenuto in cellule pretrattate con metformina. E, esperimenti condotti su colture cellulari e modelli murini di carcinoma mammario aggressivo hanno scoperto che l’MDR è stato invertito dopo l’esordio con l’uso di metformina.

Insieme, i risultati dimostrano il potenziale per metformina da utilizzare come terapia per prevenire o annullare MDR. Gli autori scrivono:

“Abbiamo dimostrato che la metformina in monoterapia ha un effetto antiproliferativo su più linee cellulari, comprese quelle selezionate per la resistenza alla doxorubicina, in modo dose-dipendente”.

“L’effetto è anche osservato”, concludono gli autori dello studio, “quando la metformina è usata in combinazione con altri trattamenti antitumorali nelle cellule del cancro al seno”.

“I nostri risultati sono coerenti con la crescente letteratura di base dimostrando la capacità della metformina di rallentare la crescita delle cellule tumorali in vitro.”

Il lavoro futuro del team comporterà l’analisi delle cellule tumorali per molti mesi per osservare se l’effetto della metformina è a breve oa lungo termine.

Like this post? Please share to your friends: