Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La modifica del calcio nei vasi sanguigni può essere un nuovo metodo di trattamento per le malattie cardiache

Le cellule responsabili della creazione di depositi di calcio nelle pareti dei vasi – risultanti in malattie cardiache – sono state ora identificate in un nuovo studio pubblicato in PLOS Biology.

L’aterosclerosi – o indurimento delle arterie – è la principale causa di malattie cardiache. Si verifica a causa di accumulo di calcio nei vasi sanguigni – con conseguente arterie dure e strette. Questo porta quindi a problemi come ostruzione del flusso sanguigno e problemi cardiaci.

Diversi fattori sono stati conosciuti per contribuire al rischio di aterosclerosi, tuttavia, la causa non è ancora nota e al momento non c’è modo di cambiarlo una volta che si verifica.

I fattori di rischio per l’aterosclerosi includono:

  • alta pressione sanguigna
  • alti livelli di zucchero nel sangue
  • fumo
  • alti livelli di colesterolo

Uno studio pubblicato lo scorso anno su Nature Immunology suggerisce che l’aterosclerosi è causata da macrofagi – globuli bianchi che si accumulano nelle arterie.

Il sistema di accumulo di calcio nei vasi sanguigni è simile alla formazione ossea e consiste nel mantenere un equilibrio tra le cellule produttrici di ossa chiamate osteoblasti e cellule che eliminano le ossa chiamate osteoclasti.

Nel presente studio, Hyo-Soo Kim e collaboratori hanno categorizzato il punto di partenza di una popolazione di cellule progenitrici calcificanti vascolari e la loro probabilità di differenziarsi in diversi tipi di cellule.

La dott.ssa Kim, della Seoul National University, ha spiegato:

“Dimostriamo che le cellule progenitrici calcificanti vascolari nell’arteria hanno il potenziale per diventare osteoblasti o osteoclasti e una certa sostanza chimica può spingere queste cellule verso l’osteoclasti, il che porta al rammollimento dei vasi sanguigni”.
Gli investigatori hanno organizzato cellule dalle aorte dei topi in due gruppi. Entrambi i gruppi provenivano da midollo osseo ed esprimevano una proteina di superficie cellulare nota come Sca-1. Tuttavia, solo un gruppo ha espresso un’ulteriore proteina di superficie chiamata PDGFRa.

Hanno scoperto che le cellule che hanno appena espresso Sca-1 potrebbero svilupparsi in osteoclasti o osteoblasti, mentre le cellule che hanno espresso Sca-1 e PDGFRa sono state assegnate al lignaggio osteoblastico.

I ricercatori hanno trattato le cellule con una proteina nota come PPARy, utilizzata per aiutare nella produzione di osteoclasti e bloccare la produzione di osteoblasti. Se trattati con PPARy, solo le cellule espresse di Sca-1 si differenziavano in cellule simili agli osteoclasti.

Inoltre, lo studio ha mostrato che le cellule bidirezionali somministrate nei modelli murini di aterosclerosi hanno aumentato la gravità dell’accumulo di calcio nelle arterie, le cellule trattate con un farmaco che innesca il PPARy hanno ridotto significativamente questo effetto e in particolare hanno invertito la calcificazione.

La dott.ssa Kim conclude:

“Questi risultati suggeriscono che un sottotipo di cellule progenitrici calcifiche offre un nuovo bersaglio terapeutico per la prevenzione della calcificazione, il che apre la possibilità di un nuovo sviluppo di farmaci per inibire l’indurimento delle arterie e quindi ridurre il rischio di malattie cardiache”.
Scritto da Kelly Fitzgerald

Like this post? Please share to your friends: