Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La narcolessia è una malattia autoimmune?

Circa 3 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di narcolessia o attacchi di sonnolenza e attacchi al sonno che possono influenzare la loro capacità di avere una vita normale. Non esiste una cura per il disturbo e pochi indizi sulle sue cause. Ma ora, un nuovo studio suggerisce che potrebbe essere una malattia autoimmune.

studente addormentato alla scrivania

Nel giornale, Yehuda Shoenfeld, professore all’Università di Tel Aviv (TAU) e esperto mondiale di malattie autoimmuni, e colleghi descrivono come hanno trovato un processo autoimmune nel cervello che sembra scatenare la narcolessia.

Dicono che la narcolessia porta i segni distintivi di una malattia autoimmune e dovrebbe essere trattata come una.

La narcolessia colpisce per la prima volta persone di età compresa tra i 10 e i 25 anni e li affligge per tutta la vita.

La condizione si manifesta con alcuni o tutti i seguenti sintomi: addormentarsi senza preavviso, eccessiva sonnolenza diurna, allucinazioni, disturbi del linguaggio, improvvisa perdita di tono muscolare, debolezza temporanea della maggior parte dei muscoli, incapacità temporanea a muoversi o parlare mentre si addormenta o si sveglia.

La narcolessia causata dall’attacco degli anticorpi alle cellule cerebrali che producono orexina

Il processo che i ricercatori hanno scoperto è un fattore scatenante per la perdita dei neuroni di orexina – cellule cerebrali che mantengono un delicato equilibrio tra il sonno e la veglia.

Il professor Shoenfeld afferma che la narcolessia è una condizione devastante e un bambino particolarmente debilitante. Spiega come sia più che una malattia genetica:

“La narcolessia è interessante, perché sebbene sia stata considerata strettamente genetica, è indotta da fattori ambientali, come uno scoppio di risate o stress”.

Il team si interessò per la prima volta alla narcolessia quando la Finlandia vide un’ondata di diagnosi di narcolessia nel 2009, dopo che il pubblico aveva ricevuto il vaccino contro l’influenza H1N1. A seguito della campagna di vaccinazione, l’incidenza della narcolessia è aumentata fino a 16 volte la media, afferma il Prof. Shoenfeld.

Il team era anche a conoscenza di uno studio riportato da un gruppo di ricercatori del sonno in Giappone che aveva scoperto anticorpi nel cervello che sembra attaccare “triboli” – piccoli granuli che contengono cellule cerebrali che producono oressina, una sostanza chimica del cervello che aiuta a mantenere il delicato equilibrio tra sonno e veglia.

Il professor Shoenfeld afferma di aver notato come i pazienti e gli animali con narcolessia abbiano meno orexina nel cervello, determinando uno squilibrio tra il sonno e la veglia, che porta ad attacchi di narcolessia.

Così si sono chiesti: perché l’orexin sta scomparendo? Il colpevole potrebbe essere una reazione immunitaria? Pensano di sì – che gli autoanticorpi si legano ai granuli tribolabili e li distruggono e i neuroni di neurotossina che contengono.

I topi iniettati con gli anticorpi mostravano segni crescenti di narcolessia

Per il loro studio, il team ha collaborato con i ricercatori in Giappone per isolare gli anticorpi specifici, che poi hanno iniettato direttamente nei topi.

Nei mesi successivi, i topi iniziarono a sperimentare crescenti attacchi del sonno e schemi irregolari del sonno. Il Prof. Shoenfeld descrive ciò che hanno visto:

“I topi si addormentano come i cani, girano intorno prima di andare a dormire, improvvisamente, in questo esperimento, i topi si sono appena addormentati e poi, solo due minuti dopo, si sono svegliati mentre era successo.”

Dice che vogliono cambiare il punto di vista della narcolessia – definirlo come una malattia autoimmune conosciuta, perché “una migliore comprensione del meccanismo che causa questa malattia, che debilita e umilia così tante persone, porterà a un trattamento migliore e, forse un giorno, una cura.”

I ricercatori ora progettano di scoprire l’area nel cervello in cui gli anticorpi attaccano le cellule cerebrali che producono orexina.

Nel frattempo, di recente ho imparato come la meditazione di consapevolezza può migliorare la qualità del sonno negli anziani. Negli Stati Uniti, circa la metà degli over-55 è ritenuta avere problemi a dormire bene, principalmente a causa di problemi di salute e sociali come depressione, affaticamento, disturbi dell’umore e ridotta qualità della vita.

Like this post? Please share to your friends: