Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La nuova pillola per l’asma riduce i sintomi fastidiosi

L’asma è una gravosa malattia dei polmoni che causa respiro sibilante, dispnea, oppressione toracica e tosse. Ma per la stima di 39,5 milioni di persone negli Stati Uniti che sono state colpite da questa malattia, la speranza potrebbe venire in forma di pillola.

Pillole per l'asma

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), dei 39,5 milioni di persone colpite dall’asma, 10,5 milioni sono bambini.

Anche se può essere controllato prendendo medicine ed evitando i trigger, l’asma è una condizione a lungo termine che può colpire molte persone nel corso della loro vita.

Ora, una nuova ricerca – finanziata da Novartis Pharmaceuticals, l’Istituto nazionale britannico per la ricerca sulla salute e la European Union Airway Disease che predice i risultati attraverso il programma di modellizzazione specifica del paziente (AirPROM) – mostra che la prima nuova pillola per l’asma in quasi 20 anni mostra una promessa nel ridurre significativamente la gravità dell’asma.

La ricerca è stata condotta dal Prof. Chris Brightling, dell’Università di Leicester nel Regno Unito, che afferma che la pillola “potrebbe essere un punto di svolta per il trattamento futuro dell’asma”.

I risultati sono pubblicati su rivista.

In totale, 61 persone hanno preso parte allo studio e sono stati divisi in due gruppi. Un gruppo è stato dato 225 milligrammi del farmaco – chiamato Fevipiprant – due volte al giorno per 12 settimane. Nel frattempo, l’altro gruppo ha ricevuto una pillola placebo.

Sia Fevipiprant che il placebo sono stati presi in aggiunta ai farmaci che i partecipanti stavano già assumendo.

La pillola ha migliorato la funzionalità polmonare e ha un profilo di sicurezza favorevole

Per il loro studio, i ricercatori hanno cercato di valutare gli effetti del farmaco sull’infiammazione delle vie respiratorie, misurando il conteggio degli eosinofili nell’espettorato. Questa è una misura di infiammazione di un globulo bianco, che aumenta l’asma e viene utilizzata per misurare la gravità dell’asma.

Ad esempio, le persone senza asma in genere hanno meno dell’1% di lettura, mentre quelle con asma da moderata a grave hanno una lettura di circa il 5%.

I risultati degli studi hanno mostrato che i partecipanti con asma da moderata a grave che hanno assunto Fevipiprant hanno avuto una lettura che è scesa da una media del 5,4% a solo l’1,1% nel corso di 12 settimane.

Il Prof. Brightling afferma che il loro studio era unico nel senso che “includeva le misurazioni dei sintomi, la funzionalità polmonare mediante test respiratori, il campionamento della parete delle vie aeree e le scansioni TC del torace per fornire un quadro completo di come funziona il nuovo farmaco”.

“La maggior parte dei trattamenti potrebbe migliorare alcune di queste caratteristiche della malattia, ma con Fevipiprant sono stati osservati miglioramenti con tutti i tipi di test. Sappiamo già che l’uso di trattamenti per l’infiammazione delle vie aeree eosinofiliche può ridurre sostanzialmente gli attacchi di asma.

Questo nuovo trattamento, Fevipiprant, potrebbe anche aiutare a fermare gli attacchi di asma prevenibili, ridurre i ricoveri ospedalieri e migliorare i sintomi quotidiani – rendendolo un “cambio di gioco” per il trattamento futuro. “

Prof. Christopher Brightling

Gli autori dello studio aggiungono che la pillola aveva un profilo di sicurezza favorevole; non sono stati segnalati decessi o eventi avversi gravi e non sono stati prelevati pazienti correlati al farmaco.

I prossimi passi includono la valutazione della pillola negli studi clinici in fase avanzata per l’efficacia in pazienti con asma grave.

Il Prof. Brightling aggiunge che il trattamento futuro di malattie come l’asma probabilmente passerà da un approccio “one-size-fits-all” a uno che è fatto su misura per il trattamento di singoli pazienti.

Leggi come i prebiotici possono aiutare a trattare l’asma indotto dall’esercizio fisico.

Like this post? Please share to your friends: