Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La pasta potrebbe davvero aiutarti a perdere peso?

I risultati di questo nuovo studio saranno musica per molte persone a dieta; i ricercatori concludono che sebbene la pasta sia notoriamente pesante in carboidrati, potrebbe, infatti, aiutarvi a perdere peso.

Mangia grande porzione di pasta

Ravioli, maccheroni, spaghetti, lasagne, cannelloni. Non c’è dubbio che stai sbavando mentre pronunci quelle parole nella tua testa con un povero accento italiano.

La pasta è amata in lungo e in largo, ma per dieters, è considerata malvagia; insieme a formaggio, torta, cheesecake, hamburger e cheeseburger, è inserito nella categoria “non guardarlo nemmeno”.

Poiché la pasta è notoriamente ricca di carboidrati, i media e i ricercatori stanno iniziando a voltare le spalle, incolpando, in parte, l’epidemia di obesità.

Tuttavia, un gruppo di ricercatori del St. Michael’s Hospital di Toronto, in Canada, ha recentemente deciso di indagare sul cattivo nome della pasta. Questo delizioso alimento a base di grano merita di essere così castigato?

Vermicelli vendicativi

Per studiare la pasta e il suo impatto sull’aumento di peso, i ricercatori hanno fatto un balzo nelle risme di dati raccolti da studi precedenti.

Hanno intrapreso una revisione sistematica e una meta-analisi di 30 studi di controllo randomizzati che hanno coinvolto quasi 2.500 partecipanti. In questi studi, i partecipanti hanno sostituito altre fonti di carboidrati con la pasta come parte di una dieta a basso indice glicemico (IG).

I risultati dei ricercatori sono stati pubblicati all’inizio di questa settimana sulla rivista. E, dalle impressioni iniziali, i risultati sembrano essere una grande vittoria per gli amanti della pasta e produttori in tutto il mondo.

I partecipanti – che hanno mangiato in media 3,3 porzioni di pasta ogni settimana al posto di altri carboidrati – hanno perso circa mezzo chilo durante il periodo di follow-up (che era una mediana di 12 settimane).

“Lo studio ha trovato”, spiega l’autore principale Dr. John Sievenpiper, “che la pasta non ha contribuito ad aumentare di peso o ad aumentare il grasso corporeo”.

“In effetti, l’analisi mostrava effettivamente una piccola perdita di peso, quindi, contrariamente alle preoccupazioni, forse la pasta può essere parte di una dieta sana, come una dieta a basso indice glicemico”.

Dr. John Sievenpiper

“Nel valutare le prove”, continua il dottor Sievenpiper, “possiamo ora affermare con una certa sicurezza che la pasta non ha effetti negativi sugli esiti del peso corporeo quando viene consumata nell’ambito di un modello dietetico sano”.

Questo è un miracolo pasquale? Beh no. Gli autori pensano che, poiché la pasta ha un IG relativamente basso rispetto ad altri carboidrati raffinati, provoca picchi più piccoli nei livelli di zucchero nel sangue.

Prima di impazzire, è fondamentale leggere la parte in cui si dice “[…] consumata come parte di un modello dietetico salutare” – il che significa che non puoi soffocarlo in 4 chili di formaggio. Scusate.

Non esiste un pranzo gratis

Purtroppo, prima che diventiamo troppo eccitati, ci sono alcuni problemi che devono essere affrontati. Prima di tutto, alcuni degli autori dello studio hanno ricevuto sovvenzioni precedenti, donazioni di pasta e supporto di viaggio da parte di Barilla, un’azienda produttrice di pasta.

Sebbene affermino che “[n] uno degli sponsor ha avuto un ruolo in qualsiasi aspetto del presente studio,” sarebbe negligente da parte mia non menzionarlo.

Anche gli autori notano una serie di problemi con il loro lavoro. Ad esempio, hanno trovato “incoerenza inspiegabile” in alcune circonferenze della circonferenza degli studi e misurazioni del grasso corporeo.

Inoltre, sono preoccupati che i loro risultati abbiano valutato solo la pasta come parte di una dieta a basso indice glicemico. In altre parole, nessuno degli studi ha studiato la pasta da sola o come parte di altre diete, il che limita il peso delle conclusioni nelle situazioni di vita reale.

Inoltre, molti degli studi analizzati non hanno menzionato esattamente la quantità di pasta consumata da ciascun partecipante.

Pertanto, non possiamo davvero trarre le solide conclusioni che desideriamo da questo studio. Le tue tagliatelle avranno ancora qualche senso di colpa, temo. Ma, se mai senti la voglia di pasta, potresti rileggere le conclusioni dello studio per abbassare brevemente i livelli di colpa.

“La pasta nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico”, si legge, “non influenza negativamente l’adiposità e riduce anche il peso corporeo e l’indice di massa corporea (IMC) rispetto ai modelli alimentari a più alto indice gastrointestinale.”

In breve, la pasta probabilmente non è così male come alcune cose che potresti mangiare. Quindi – piuttosto noiosamente – la moderazione è ancora la chiave.

Like this post? Please share to your friends: