Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

“La paura dell’esercizio” è il principale ostacolo al recupero della sindrome da affaticamento cronico

Secondo i dati dello studio riportati nella rivista, uno degli elementi più importanti del miglioramento della funzione fisica nei pazienti con sindrome da stanchezza cronica sta usando la terapia per ridurre la paura che l’esercizio peggiorerà piuttosto che migliorare i sintomi.

donna stanca sulla pista di atletica

A volte nota come “encefalomielite mialgica” o “ME”, la sindrome da stanchezza cronica (CFS) è definita da sintomi di grave esaurimento che influiscono sulla vita quotidiana dei pazienti e sulla loro capacità di svolgere compiti di routine.

Nel 2011 sono stati pubblicati i risultati dello studio PACE, che ha esaminato i seguenti trattamenti per la CFS:

  • Terapia cognitivo-comportamentale (CBT): una terapia parlante che coinvolge un professionista della salute che aiuta il paziente a comprendere i sintomi e a cambiare il modo di pensare e di rispondere a essi
  • Terapia per esercizi graduati (GET) – un programma di esercizi personalizzato condotto da un fisioterapista che aumenta gradualmente il livello di esercizio del paziente attraverso il programma
  • Terapia di stimolazione adattativa (APT): una terapia in cui i pazienti modificano i loro livelli di attività per utilizzare al meglio la loro energia disponibile.

I ricercatori dietro il nuovo studio – dal King’s College di Londra, dall’Università di Oxford e dalla Queen Mary University di Londra, tutti nel Regno Unito – hanno riesaminato i dati PACE usando un metodo statistico chiamato analisi della meditazione.

I ricercatori erano interessati a identificare le convinzioni sull’esercizio fisico e sulla forma fisica utilizzate nella CBT e GET per migliorare i sintomi della fatica e la funzione fisica nei pazienti con CFS.

Gli interventi di CFS hanno solo benefici “moderati”

Il team ha riscontrato che, sebbene CBT e GET fossero sicuri ed efficaci per la maggior parte dei pazienti con CFS, i miglioramenti nello studio PACE erano solo moderati. Gli autori spiegano che identificando i meccanismi con cui alcuni pazienti traggono beneficio dal trattamento, la loro ricerca aiuterà a ottimizzare questi trattamenti.

Analizzando una varietà di fattori di mediazione, gli autori riportano che il fattore più influente sul successo di CBT e GET per i pazienti CFS è quello di ridurre le “credenze per evitare la paura”. Queste convinzioni sono paure di pazienti – considerati “comprensibili” dagli autori – che i loro sintomi saranno aggravati dall’attività fisica o dall’esercizio fisico.

Gli autori hanno calcolato che gli autori hanno calcolato fino al 60% dell’effetto complessivo di CBT o GET sugli esiti dei pazienti.

È stato riscontrato che GET ha più successo della CBT nel migliorare l’abbandono della paura e nel migliorare la tolleranza all’esercizio, che è stata misurata dal numero di metri percorsi dai pazienti durante un periodo di tempo prestabilito.

La prof.ssa Trudie Chalder, del King’s College di Londra, afferma:

“I nostri risultati suggeriscono che le credenze paurose possono essere cambiate sfidando direttamente tali credenze (come nella CBT) o semplicemente cambiando il comportamento con un approccio graduale all’attività evitata (come nel GET). Clinicamente, i risultati suggeriscono che i terapeuti che forniscono la CBT potrebbero incoraggiare più attività fisiche, come camminare, che potrebbero migliorare l’effetto della CBT e potrebbero essere più accettabili per i pazienti “.

Scrivendo in un commento collegato, il Dr. Hans Knoop e Jan Wiborg, del Radboud University Medical Centre nei Paesi Bassi, traggono una conclusione leggermente diversa dagli autori dello studio.

“Chalder e colleghi concludono che gli studi futuri dovrebbero concentrarsi sul miglioramento dell’autoefficacia e sull’aumento dell’attività fisica perché questi mediatori identificati avevano forti relazioni con i risultati”, scrivono le coppie.

Tuttavia, Dr. Knoop e Wiborg ritengono invece “che un aumento dell’attività fisica non è altro che un catalizzatore per il cambiamento delle cognizioni sull’attività e sui sintomi nei pazienti con sindrome da stanchezza cronica”.

I ricercatori olandesi suggeriscono che gli studi futuri dovrebbero concentrarsi su come queste credenze possono essere modificate più rapidamente ed efficacemente. Una volta che un paziente è convinto che è possibile aumentare la capacità, sostengono, è stato fatto un passo importante verso il recupero, indipendentemente dal livello effettivo di attività.

Like this post? Please share to your friends: