Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La pillola di leucemia “può sciogliere” le cellule tumorali

Secondo il National Cancer Institute, lo scorso anno sono stati stimati 48.610 nuovi casi di leucemia, con 23.720 decessi dovuti alla condizione. Ora, una nuova ricerca suggerisce che una pillola presa due volte al giorno potrebbe trasformare il cancro del sangue in una malattia trattabile e consentire ai pazienti di evitare la chemioterapia.

Il team, guidato da ricercatori del Weill Cornell Medical College di New York, ha concentrato le loro ricerche sulla leucemia linfatica cronica (CLL) – la seconda forma più comune della malattia tra gli adulti.

La LLC è una malattia del sangue e del midollo osseo che può verificarsi quando il midollo osseo produce una quantità eccessiva di linfociti – un tipo di globuli bianchi.

Questi linfociti diventano anormali e non sono in grado di prevenire efficacemente l’infezione. L’aumento del numero di queste cellule del sangue lascia anche spazio limitato per la salute dei globuli bianchi, dei globuli rossi e delle piastrine. Questo può causare anemia, infezione e facile sanguinamento.

La LLC è solitamente trattata con farmaci chemioterapici. Sebbene la maggior parte dei pazienti rispondano a questi farmaci, i ricercatori affermano che la maggior parte dei pazienti ha una ricaduta e necessita di cicli ripetuti dei trattamenti.

Ad ogni ciclo, i periodi di remissione tendono a diminuire. I ricercatori dicono che, di conseguenza, i pazienti spesso smettono di rispondere al trattamento o sono costretti a fermarsi a causa di gravi effetti collaterali.

Secondo gli investigatori, questi effetti collaterali sono il risultato del trattamento chemioterapico non è in grado di distinguere tra cellule sane e cellule tumorali.

Con questo in mente, il gruppo di ricerca si è proposto di trovare un trattamento alternativo.

Risultati ‘Notevoli’ per idelalsib

Per il loro studio, pubblicato in, i ricercatori hanno testato una combinazione di due farmaci mirati – farmaci che possono attaccare le cellule tumorali senza danneggiare le cellule sane – su 220 pazienti con LLC che non erano in grado di sottoporsi a chemioterapia.

I trattamenti di combinazione erano:

  • Rituximab e idelalsib, o
  • Rituximab e una pillola placebo.

I ricercatori hanno scoperto che rispetto al gruppo che ha ricevuto rituximab e una pillola placebo, i pazienti che hanno ricevuto rituximab e idelalsib hanno evitato la progressione della malattia per un periodo di tempo più lungo.

Durante il monitoraggio dei pazienti 6 mesi dopo il trattamento, il 93% dei pazienti che hanno ricevuto il trattamento con rituximab e idelalsib non ha sofferto di progressione della malattia, rispetto al 46% dei pazienti trattati con rituximab e un placebo.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che l’81% dei pazienti ha risposto al trattamento con rituximab e idelalsib, mentre solo il 13% ha risposto al trattamento con rituximab e un placebo.

E 1 anno dopo la linea di base dello studio, il 92% dei pazienti trattati con rituximab e idelalsib erano ancora vivi, rispetto all’80% dei pazienti con rituximab e placebo.

Il gruppo di ricerca afferma che la combinazione di rituximab e idelalsib si è dimostrata così efficace nei pazienti che lo studio è stato interrotto precocemente al fine di prescrivere a tutti i pazienti il ​​trattamento.

Commentando i risultati, il dott. Richard Furman, del Weill Cornell Medical College e ricercatore capo dello studio, afferma:

“Abbiamo visto incredibili risposte nei pazienti che hanno utilizzato idelalisib: il loro tumore si è rapidamente sciolto e questo tipo di risposta è stata osservata anche in pazienti che non rispondevano alla chemioterapia”.

Il Dr. Furman nota che i pazienti resistenti alla chemioterapia tendono ad essere i pazienti più difficili da trattare. Ma dice che anche questi pazienti hanno risposto al trattamento entro 1 settimana.

“Questi farmaci cambieranno la vita dei pazienti”

Queste nuove scoperte fanno seguito a una sperimentazione clinica di fase II che il team ha condotto l’anno scorso, che ha scoperto che l’ibrutinib, anch’esso un farmaco antitumorale mirato, era efficace contro il linfoma a cellule del mantello. Questa è una rara forma di leucemia.

Il Dr. Furman ha già utilizzato l’ibrutinib come prima opzione di trattamento per i pazienti, permettendo loro di evitare completamente la chemioterapia.

Dice che queste scoperte più recenti, combinate con le sue ricerche precedenti, suggeriscono che l’ibrutinib e l’idelalisib possono superare la chemioterapia come opzione di trattamento preferita per la leucemia.

Aggiunge:

“Queste droghe cambieranno la vita di molti pazienti: date le tossicità a lungo termine della chemioterapia, che portano a fallimento del midollo osseo, infezioni e morte, spostare la terapia in anticipo nell’algoritmo di trattamento e fornirla a tutti i pazienti è il prossimo passo. “

recentemente riportato su uno studio che spiega come un processo cellulare che combatte le infezioni possa essere una causa della leucemia infantile.

Like this post? Please share to your friends: