Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La pillola di marijuana può essere migliore per il sollievo dal dolore

Una forma di pillola di marijuana fornisce un maggiore sollievo dal dolore rispetto a quando una persona fuma, secondo un nuovo studio.

Lo studio è stato condotto da ricercatori della Columbia University di New York ed è stato pubblicato sulla rivista Neuropsychopharmacology.

La pillola, nota come Dronabinol, contiene il principio attivo della marijuana – tetraidrocannabinolo (THC) – ed è già stata approvata per il trattamento della chemioterapia e dei pazienti affetti da AIDS con nausea e vomito.

Gli scienziati hanno detto:

“Studi recenti hanno dimostrato il potenziale terapeutico dei cannabinoidi nel trattamento del dolore, ma nessuno ha confrontato l’efficacia analgesica della marijuana affumicata con il tetraidrocannabinolo somministrato per via orale (THC; dronabinol).”
Lo studio ha coinvolto 30 partecipanti (15 maschi e 15 femmine) che erano fumatori di marijuana. I ricercatori, guidati da Ziva Cooper e Margaret Haney, si sono proposti di confrontare la risposta quotidiana al dolore dei soggetti.

Ai volontari è stato chiesto di fumare la marijuana, assumere Dronabinol orale o un placebo. Hanno poi preso parte ad un esperimento chiamato “test pressore freddo” dove hanno immerso la loro mano in un bagno di acqua molto fredda (4 gradi Celsius) per un massimo di due minuti.

Sono stati documentati i tempi necessari per segnalare dolore (sensibilità al dolore) e rimuovere la mano dall’acqua (tolleranza al dolore).

I risultati hanno dimostrato che rispetto al placebo, alla marijuana e al dronabinolo:

  • valutazioni soggettive abbassate del dolore
  • ridotta sensibilità al dolore
  • aumento della tolleranza al dolore

Uno studio precedente ha rilevato che per i pazienti con dolore neuropatico cronico, fumare cannabis riduceva i sintomi del dolore, migliorava il loro umore e li aiutava a dormire.

Tuttavia, gli esperti del presente studio hanno scoperto che il Dronabinol della droga ha fornito un effetto più duraturo nella sensibilità al dolore ed era meno suscettibile agli esiti associati all’abuso, rispetto alla marijuana.

Hanno spiegato:

“L’entità del picco di cambiamento nella sensibilità al dolore e nella tolleranza non differiva tra marijuana e dronabinolo, sebbene il dronabinolo producesse analgesia di durata maggiore”.
Uno studio precedente ha mostrato che una compressa orale di THC tendeva a rendere più sopportabile l’esperienza del dolore, invece di diminuire effettivamente l’intensità del dolore.

Gli autori hanno sottolineato che il rapporto osservava solo le persone che avevano precedentemente fumato marijuana su base giornaliera. Pertanto, gli effetti di Dronabinol sui non fumatori non sono ancora noti.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, i risultati mostrano il potenziale per gli usi medici della pillola THC.

Scritto da Sarah Glynn

Like this post? Please share to your friends: