Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La polmonite più grande problema dopo la chirurgia cardiaca

Penseresti che le incisioni profonde della chirurgia a cuore aperto e la grande ferita che lascia, tra cui il taglio delle ossa del torace, ecc., Sarebbero il problema più grande che deve affrontare la chirurgia cardiaca postoperatoria dei pazienti. Non è così, dice una nuova ricerca presentata alle Sessioni Scientifiche dell’American Heart Association 2011. Infatti, la sua polmonite è il problema più grande dopo la chirurgia cardiaca.

Lo studio ha anche dimostrato che la maggior parte delle infezioni si verifica circa due settimane dopo l’intervento chirurgico, non una settimana come i medici hanno precedentemente pensato.

Michael A. Acker, M.D., ricercatore capo dello studio e professore e capo della chirurgia cardiovascolare presso il Medical Center dell’Università della Pennsylvania a Philadelphia, Pennsylvania, ha confermato i risultati inaspettati:

“Non è quello che noi
dovrebbe trovare “.
I ricercatori hanno analizzato più di 5.100 pazienti in un registro di chirurgia cardiaca. I pazienti, età media 64 anni, sono stati trattati presso nove centri medici accademici degli Stati Uniti e un centro canadese. Il tempo mediano per l’infezione maggiore è stato di 14 giorni dopo gli interventi chirurgici al cuore. Il 43% di tutte le principali infezioni si è verificato dopo la dimissione ospedaliera.

Acker continua:

“La metà di questi pazienti non presentava alcuna evidenza di infezione prima di essere dimessi dall’ospedale … Quindi dovevano tornare a causa della nuova infezione, una delle quali è che i pazienti devono essere seguiti più attentamente dopo la dimissione.”
Lo studio non includeva pazienti infetti prima dell’intervento chirurgico e i ricercatori hanno trovato 761 infezioni in totale: 300 sono state classificate come infezioni gravi (che si verificano nel 6% dei pazienti) e 461 minori (nell’8,1% dei pazienti). Delle principali infezioni:

  • La polmonite, infezione dei polmoni, si è verificata nel 2,4% di tutti i pazienti.
  • La colite da C. difficile, un’infezione intestinale, si è verificata nell’1,0 per cento.
  • Le infezioni del flusso sanguigno si sono verificate nell’1,1 percento.
  • Le infezioni del sito chirurgico ad incisione profonda si sono verificate nello 0,5%.
  • Infezioni minori comprendevano infezioni del tratto urinario e del sito di incisione superficiale.

La maggior parte delle procedure eseguite erano l’innesto di bypass coronarico isolato e gli interventi chirurgici della valvola aortica e mitrale. Il settantaquattro percento erano interventi chirurgici facoltativi e il 26 percento erano interventi non elettivi o d’urgenza.

Un numero di fattori di rischio è stato visto aumentare la possibilità di sviluppare infezioni, tra cui insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, malattia polmonare cronica, uso di corticosteroidi prima dell’intervento chirurgico e durata del tempo di bypass cardiopolmonare.

Acker ha detto:

“Nel prossimo livello di analisi, l’attenzione sarà focalizzata sulle differenze di cura, dai tipi di medicazioni, ai tipi di antibiotici e ai tipi di preparati chirurgici, per mostrare quali processi di cura sono associati a una minore incidenza di infezioni. . Il registro ci permetterà di modificare le nostre migliori pratiche per gestire le infezioni post-operatorie. “
Co-autori sono Michael Argenziano, M.D .; John D. Puskas, M.D., M.Sc .; T. Bruce Ferguson, M.D .; Annetine C. Gelijns, Ph.D .; Keith Horvath, M.D .; Marissa A. Miller, DVM, MPH; Stacey Welsh, R.N .; Ellen Moquete, R.N .; Kevin N. Su, B.S. Alan Weinberg, M.S .; Alan J. Moskowitz, M.D .; Patrick T. O’Gara, M.D. e Eugene H. Blackstone, M.D.

Il National Heart, Lung and Blood Institute, National Institute of Neurological Disorders and Stroke e Canadian Institutes of Health Research hanno finanziato lo studio.

In notizie correlate, i ricercatori di un ospedale di Milwaukee hanno trattato la pelle dei pazienti con una speciale soluzione antibatterica la sera prima e la mattina della procedura e hanno avuto molte meno infezioni. Includevano anche un rigoroso periodo di asciugatura di tre minuti per la preparazione della pelle chirurgica. Questi passaggi hanno ridotto i tassi di infezione implantare dall’1% allo 0,24% a un anno dopo il posizionamento dell’impianto e una riduzione impressionante del 75%.

Scritto da Rupert Shepherd

Like this post? Please share to your friends: