Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La risata rilascia “buoni ormoni” per promuovere il legame sociale

Anche nei momenti più difficili, le risate hanno una ferma capacità di riunire le persone. Un nuovo studio rivela come la risata colpisce il cervello, il che può aiutare a spiegare perché avere una risatina svolge un ruolo così importante nel legame sociale.

un gruppo di amici che ridono

Ricercatori provenienti dalla Finlandia e dal Regno Unito hanno scoperto che la risata sociale scatena il rilascio di endorfine – spesso definite come “buoni ormoni” – nelle regioni del cervello responsabili dell’eccitazione e dell’emozione.

Le endorfine sono peptidi che interagiscono con i recettori oppioidi nel cervello per alleviare il dolore e scatenare sentimenti di piacere.

Inoltre, lo studio ha rivelato che più i recettori oppioidi hanno nelle regioni del cervello associate all’elaborazione delle emozioni, più si impegnano in risate sociali.

“I nostri risultati evidenziano che la liberazione di endorfina indotta dalla risata sociale può essere un percorso importante che supporta la formazione, il rinforzo e il mantenimento dei legami sociali tra gli umani”, dice il coautore dello studio Prof. Lauri Nummenmaa, del Turku PET Center presso l’Università di Turku in Finlandia.

I ricercatori hanno recentemente riportato i loro risultati in.

Risate sociali hanno portato ad aumentare le endorfine

Il Prof. Nummenmaa e colleghi hanno arruolato 12 uomini sani nel loro studio.

I partecipanti sono stati iniettati con un composto radioattivo che aderisce ai recettori oppioidi nel cervello. Utilizzando la tomografia a emissione di positroni (PET), i ricercatori sono stati quindi in grado di monitorare il rilascio di endorfine e altri peptidi che si legano ai rio oppioidi.

I partecipanti sono stati sottoposti a scansioni PET due volte. La prima scansione è stata condotta dopo che ciascun partecipante ha trascorso 30 minuti da solo in una stanza, e una volta dopo aver trascorso 30 minuti a guardare video clip di risate dei loro amici più stretti.

I ricercatori hanno scoperto che le condizioni sociali della risata hanno portato ad un aumento significativo del rilascio di endorfine nel talamo, nel nucleo caudato e nelle regioni dell’insula anteriore del cervello. Queste sono regioni cerebrali che svolgono un ruolo nell’eccitazione e nella consapevolezza emotiva.

Inoltre, il team ha scoperto che i partecipanti con un maggior numero di recettori oppioidi nella corteccia cingolata e orbitofrontale del cervello avevano maggiori probabilità di ridere in risposta ai video clip dei loro amici.

La corteccia cingolata è coinvolta nell’elaborazione e nella formazione delle emozioni, mentre la corteccia orbitofrontale è coinvolta in una serie di processi correlati alle emozioni.

Le endorfine potrebbero “promuovere sentimenti di solidarietà”

I ricercatori dicono che i loro risultati indicano che il rilascio di endorfine scatenate da risate potrebbe avere un ruolo nel social bonding.

“Gli effetti piacevoli e calmanti del rilascio di endorfine potrebbero segnalare la sicurezza e promuovere sentimenti di solidarietà”, afferma il Prof. Nummenmaa. “La relazione tra densità dei recettori oppioidi e tasso di risate suggerisce anche che [il] sistema oppioide può essere alla base delle differenze individuali nella socievolezza”.

Il coautore dello studio, la prof.ssa Robin Dunbar, dell’Università di Oxford nel Regno Unito, aggiunge che i risultati evidenziano l’importanza della comunicazione vocale nel legame sociale.

“Altri primati mantengono i contatti sociali con la cura reciproca, che induce anche la liberazione di endorfina, anche se richiede molto tempo.

Poiché la risata sociale porta a una risposta chimica simile nel cervello, ciò consente una significativa espansione dei social network umani: la risata è altamente contagiosa e la risposta dell’endorphin può quindi facilmente diffondersi attraverso grandi gruppi che ridono insieme “.

Prof. Robin Dunbar

Mentre sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati, lo studio fornisce sicuramente una scusa per fare una risatina con gli amici questo fine settimana.

Scopri la scienza della risata.

Like this post? Please share to your friends: