Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La risonanza magnetica aiuta a diagnosticare il cancro alla prostata in modo più accurato

In una prima mondiale, uno studio clinico australiano ha dimostrato che la biopsia guidata da MRIcan migliora significativamente la diagnosi di cancro alla prostata potenzialmente letale e riduce la diagnosi di casi non in pericolo di vita, evitando così gli effetti collaterali di un trattamento non necessario.

Allo stato attuale, per scoprire se ha il cancro alla prostata – a seguito di un test che dimostra di avere livelli di antigene prostatico specifico (PSA) – un uomo deve sottoporsi a una procedura dolorosa chiamata biopsia ultrasonica trascrizionale (TRUSGB) che prevede di assumere fino a 30 random agobiopsie della sua prostata attraverso il retto.

Con il nuovo sistema guidato dalla risonanza magnetica, i medici eseguono prima una scansione MRI e hanno un’idea migliore di dove potrebbe trovarsi il tumore nella prostata.

Quindi, se la scansione indica una necessità per questo, si limitano a prendere due campioni di ago di quella zona, risparmiando la necessità di più biopsie.

Il nuovo sistema utilizza un metodo chiamato risonanza magnetica multiparametrica (mpMRI).

mpMRI ridurrà il sovra-trattamento del cancro alla prostata non mortale

L’urologo Dr. Les Thompson, che ha condotto la sperimentazione clinica di 2 anni al Wesley Hospital di Brisbane, afferma:

“Questo è un miglioramento significativo in termini di precisione e nel ridurre il disagio per i pazienti e risparmia a molti uomini il peso delle biopsie prostatiche multiple”.

“Questa ultima tecnica di imaging mpMRI ridurrà il trattamento eccessivo degli uomini con tumore alla prostata non mortale, evitando i possibili effetti collaterali del trattamento”, aggiunge.

Lui e i suoi colleghi riportano, nella rivista, come il processo ha mostrato l’uso di mpMRI:

  • Dimezzato (ridotto del 51%) il numero di uomini che hanno bisogno di biopsie prostatiche
  • Ha mostrato una sensibilità del 92% nella diagnosi di malattia potenzialmente letale (rispetto al metodo TRUSGB attualmente in corso, che ha solo una sensibilità del 70% nella diagnosi di prostatecancer potenzialmente letale)
  • Tagliare il problema dell’eccesso di diagnosi del cancro alla prostata non mortale di circa il 90%.

Lo studio ha arruolato 223 pazienti con livelli di PSA in aumento. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a entrambe le procedure diagnostiche: il TRUSGB standard e il nuovo metodo in cui una scansione mpMRI viene eseguita prima, e quindi solo i pazienti la cui immagine MRI indica il cancro alla prostata ad alto rischio sottoposti a biopsia RM guidata.

mpMRI utilizza tre parametri per l’immagine della prostata

Il co-investigatore Dr. Rob Parkinson, un radiologo specialista dell’ospedale, afferma che mpMRIus tre parametri durante la scansione della prostata e che:

“L’imaging pesato in diffusione, uno di questi tre parametri, valuta il movimento delle molecole all’interno dei tessuti: una mappa di imaging è generata matematicamente da queste informazioni e il cancro alla prostata è evidente come un’area scura”.

In TRUSGB, che utilizza gli ultrasuoni per guidare il campionamento bioptico, i campioni di nucleo sono casuali e provenienti da tutte le aree della prostata, ma, quando le biopsie sono fatte seguendo un mpMRI della prostata, “sai dove si trova il tumore e quindi dove indirizzare la biopsia ago “, spiega.

Uno dei problemi che è destinato a essere sollevato nel decidere come procedere con il nuovo sistema come strumento diagnostico sono i maggiori costi associati alla risonanza magnetica.

Secondo un rapporto nel canale di notizie, il dottor Thompson dice che sta facendo una campagna per farlo elencare come medicare come mammografie per lo screening del seno.

I sostenitori della campagna dicono che il costo è ridotto rispetto ai costi sociali ed emotivi di diagnosi errate che si verificano con il metodo attuale.

Secondo l’American Cancer Society, il cancro alla prostata si verifica principalmente negli uomini più anziani – circa 6 casi su 10 sono diagnosticati in uomini di età pari o superiore a 65 anni. Circa 1 uomo su 7 verrà diagnosticato un cancro alla prostata durante la sua vita.

Il cancro alla prostata è la seconda causa di morte per cancro negli uomini americani, dietro solo ai polmoni. Tuttavia, sebbene sia una malattia grave, la maggior parte degli uomini con diagnosi di cancro alla prostata muore a causa di esso. Ci sono attualmente 2,5 milioni di uomini negli Stati Uniti che vivono con prostatecancer.

Lo studio è stato sponsorizzato dal Wesley Research Institute e dalla Thorsen Foundation.

recentemente ha appreso di uno studio in cui i ricercatori nel Regno Unito hanno trovato un possibile biomarcatore che potrebbe aiutare a migliorare la diagnosi precoce del prostatecancer. Ritengono che le loro scoperte, pubblicate sulla rivista, potrebbero aprire la strada a strumenti migliori per la diagnosi precoce del cancro alla prostata.

Like this post? Please share to your friends: