Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La salute del cuore può essere misurata con l’impulso delle dita

Un fisiologo ha sviluppato un nuovo metodo per rilevare le malattie cardiache misurando il polso in un dito, secondo uno studio pubblicato nel.

La nuova tecnica, creata da Gary Pierce, assistente professore presso il Dipartimento di salute e fisiologia umana presso l’Università dell’Iowa, è in grado di misurare la rigidità dell’aorta – un fattore legato al rischio di malattie cardiache.

L’aorta è l’arteria più grande del corpo ed è responsabile della distribuzione di sangue ai tessuti del corpo. Quando l’arteria è indurita, di solito a causa dell’invecchiamento o di uno stile di vita inattivo, il cuore deve lavorare di più per mantenere il flusso sanguigno. Questo può portare ad alta pressione sanguigna, ictus e infarto.

Allo stato attuale, i medici misurano la rigidità dell’aorta di un paziente registrando un impulso dall’arteria carotide nel collo o dall’arteria femorale situata nell’inguine.

Il Prof. Pierce dice che usare il dito per registrare un impulso è più facile e quasi preciso come i metodi attuali. Aggiunge che il metodo funziona meglio con i pazienti obesi, dal momento che il loro polso femorale può essere più difficile da ottenere, potenzialmente compromettendo i risultati.

La tecnica dell’impulso delle dita funziona posizionando uno strumento chiamato trasduttore sul dito o sull’arteria brachiale – un’arteria situata nel braccio appena sotto il gomito.

Lo strumento misura la velocità alla quale l’impulso si muove tra due punti, noto come velocità dell’onda dell’impulso aortico. La misurazione del polso, combinata con il BMI (indice di massa corporea) del paziente e l’età, indica se l’aorta è indurita.

Per lo studio, il team di ricerca dell’Università dell’Iowa ha convalidato le prestazioni dello strumento contro i test di velocità dell’onda dell’impulso carotide-femorale-arteria – un test considerato lo “standard d’oro” per determinare la rigidità dell’aorta.

Prof. Pierce dice:

“La tecnica è più efficace in quanto è facile ottenere una sola forma d’onda del polso nel dito o nell’arteria brachiale, ed è meno invadente rispetto all’ottenimento di una forma d’onda femorale nei pazienti.

Può anche essere facilmente ottenuto in clinica durante esami di routine simili ai test della pressione sanguigna. “

I ricercatori dicono che le persone possono vivere per anni senza sapere di avere problemi cardiovascolari. Pertanto, aggiungono che questo nuovo metodo è particolarmente importante e può rivelarsi utile nella diagnosi di pazienti a più alto rischio di malattie cardiache.

“Trovare semplici metodi non invasivi per misurare la velocità dell’onda di polso aortica nella clinica può aiutare i medici a informare meglio gli anziani di mezza età e gli anziani sul loro livello di rischio cardiovascolare”, aggiunge il Prof. Pierce.

Una ricerca del Centro per la Prevenzione delle Malattie Cardiovascolari nel 2010 ha suggerito che una semplice ecografia dell’arteria carotidea può migliorare significativamente la previsione delle malattie cardiache.

Like this post? Please share to your friends: