Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La scansione cerebrale può predire il decorso della malattia di Parkinson

Il DaTscan, uno speciale tipo di scansione cerebrale di imaging del trasportatore della dopamina, può aiutare i medici a prevedere come progredirà la malattia di Parkinson di una nuova diagnosi, i ricercatori dell’Università di Rochester hanno riportato nella rivista Movement Disorders.

Gli autori hanno spiegato che questa scansione cerebrale può identificare quali pazienti del Parkinson sono a rischio di malattia grave, consentendo così ai medici di gestire e trattare meglio i loro sintomi.

Alcuni specialisti usano già il DaTscan quando confermano una diagnosi di Parkinson dopo un esame fisico.

Tuttavia, DaTscan può solo aiutare nella diagnosi in una certa misura. Può indicare il parkinsonismo, ma non può aiutare il medico a distinguere tra molti disordini simili, di cui il classico morbo di Parkinson è uno.

GE Healthcare ha annunciato la disponibilità di DaTscan ™ (Ioflupane I 123 Injection) nel giugno 2011.

Quando si utilizza DaTscan, al paziente viene iniettata una piccola quantità di un agente di contrasto radioattivo che si lega ai trasportatori della dopamina nel cervello. Quindi, uno scanner viene utilizzato per misurare la quantità di agente di contrasto presente nel cervello e dove si trova esattamente. Le persone con Parkinson hanno meno neuroni con trasportatori della dopamina, quindi, quantità inferiori di agenti radioattivi compaiono nelle scansioni cerebrali, rispetto agli individui “sani”.

Bernard Ravina, M.D., M.S.C.E. e il team hanno deciso di determinare se il DaTscan potrebbe essere utilizzato per prevedere la progressione a lungo termine della malattia di Parkinson. Hanno esaminato le immagini DaTscan di 491 individui che erano appena stati diagnosticati con il morbo di Parkinson – nessuno di loro aveva ancora iniziato con i farmaci standard per la malattia. Tutti i pazienti erano partecipanti al Longitudinal and Biomarker Study in PD (LABS-PD), una sperimentazione clinica finanziata in parte dalla Parkinson’s Disease Foundation.

Lo studio LABS-PD era stato a lungo termine, quindi il team è stato in grado di confrontare i risultati DaTscan dei partecipanti, che sono stati presi subito dopo la diagnosi e poi ancora 22 mesi dopo, con le informazioni delle loro valutazioni annuali sulla salute.

Gli scienziati hanno cercato correlazioni tra i risultati iniziali della scansione cerebrale dei pazienti e la gravità dei loro sintomi motori e non motori cinque anni e mezzo dopo.

Di seguito sono riportati alcuni dei punti salienti delle loro scoperte:

  • Le scansioni cerebrali che hanno mostrato livelli inferiori di trasportatori della dopamina nei pazienti con malattia di Parkinson di nuova diagnosi hanno avuto sintomi più gravi alla fine del periodo di 5,5 anni. Avevano sintomi più gravi nelle seguenti aree:

    – invalidità motoria
    – Instabilità caduta e posturale
    – decadimento cognitivo
    – psicosi (ad esempio allucinazioni)
    – depressione

  • Quelli con i più bassi livelli di trasportatori della dopamina avevano una probabilità tre volte maggiore di diventare cognitivi. Il loro rischio di sviluppare psicosi era 12,9 volte maggiore rispetto a quelli con i più alti livelli di dopamina.
  • I pazienti con le più ripide cadute di livelli di dopamina tra la prima e la seconda scansione hanno avuto esiti motori, comportamentali e cognitivi peggiori cinque anni e mezzo dopo rispetto ai pazienti con le riduzioni più ridotte. I ricercatori hanno sottolineato che la seconda scansione non era così precisa nel predire la gravità dei sintomi come prima.

In che modo predire la gravità della malattia di Parkinson aiuta medici e pazienti?

Il morbo di Parkinson è una malattia progressiva; i sintomi dei pazienti peggiorano gradualmente nel tempo. Tuttavia, alcuni sviluppano sintomi più debilitanti più rapidamente di altri. Al momento, i medici non sono in grado di prevedere il decorso clinico di un singolo paziente o di prognosticare la malattia di una persona al momento della nuova diagnosi.

Essere in grado di fare previsioni osservando i dati sulla scansione iniziale consente al medico di anticipare e quindi trattare i sintomi gravi nella fase iniziale. Soprattutto sintomi come il decadimento cognitivo, la psicosi e la caduta.

Se i medici possono prevedere il corso probabile di una malattia, possono progettare studi clinici più informativi, hanno aggiunto gli autori. I volontari potrebbero essere inseriti in gruppi in base alla loro progressione della malattia prevista.

Studi precedenti avevano cercato di vedere se il DaTscan potesse essere usato per la diagnosi della malattia di Parkinson. Questo studio fornisce la prova più convincente che questo tipo di scansione cerebrale potrebbe essere utilizzato per prevedere la progressione del Parkinson, sia la sua progressione motoria a lungo termine che quella non motorio.

Il Dr. Ravina ha detto che questi risultati devono essere confermati in ulteriori studi, perché il DaTscan non è sempre un predittore accurato del morbo di Parkinson e dovrebbe essere interpretato con correlazione all’esame neurologico. Ha aggiunto che “Anche se questi risultati sono veri, è importante ricordare che le previsioni sono solo previsioni e non fatti, anche se i risultati DaTscan possono indicare che una persona ha un aumentato rischio di PD grave, la persona non può mai sperimentare questi esiti avversi. “

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: