Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La sindrome da stanchezza cronica è una malattia infiammatoria?

La sindrome da stanchezza cronica, o encefalomielite mialgica, è stata controverso per anni, dal momento che gli specialisti non sono stati in grado di raccogliere molte informazioni sulle sue cause. Ora, un nuovo studio suggerisce che la condizione è una malattia infiammatoria.

donna affaticata a letto

La sindrome da stanchezza cronica (CFS), a volte nota come encefalomielite mialgica (ME), è una condizione che da anni sconcerta gli specialisti, molti dei quali hanno lottato per identificare le sue cause e escogitare un trattamento appropriato. Alcuni, tuttavia, hanno negato la legittimità della CFS / ME a causa di sintomi ad ampio raggio che rendono difficile la diagnosi.

Caratterizzato da affaticamento spesso debilitante e talvolta accompagnato da dolore e difficoltà nel mantenere l’attenzione, la CFS / ME colpisce tra 836.000 e 2,5 milioni di persone negli Stati Uniti, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Il CDC stima inoltre che circa il 90% dei casi di CFS / ME rimane non diagnosticato, in parte a causa della mancanza di una corretta comprensione della condizione da parte di molti operatori sanitari.

La ricerca sulle cause della CFS / ME e i potenziali mezzi per affrontare i sintomi è in corso, e gli specialisti sono costantemente impegnati a scoprire maggiori informazioni.

Un nuovo studio della Stanford University School of Medicine in California ha ora collegato CFS / ME alle citochine – o molecole con un ruolo nella segnalazione cellulare – coinvolte nella risposta immunitaria del sistema, reagendo alle infezioni e all’infiammazione.

“I risultati mostrano che la CFS / ME è infiammatoria”

L’autore principale dello studio, il dott. Jose Montoya ed i suoi colleghi hanno pubblicato le loro scoperte ieri, nel, e suggeriscono che la concentrazione di citochine nel flusso sanguigno è rilevante per l’acutezza dei sintomi della CFS / ME.

Lo studio ha rilevato che le variazioni in 17 citochine sono collegate alla gravità della CFS / ME nei pazienti, suggerendo che la condizione è essenzialmente una malattia infiammatoria.

“C’è stata una grande quantità di polemiche e confusione intorno alla ME / CFS – anche se si tratti di una malattia reale: i nostri risultati mostrano chiaramente che si tratta di una malattia infiammatoria e forniscono una solida base per un esame del sangue diagnostico”.

Autore senior Dr. Mark Davis, Stanford’s Institute for Immunity, Transplantation and Infection

Alcuni pazienti con CFS / ME presentano anche sintomi che ricordano l’influenza o altre malattie associate all’infiammazione. Tali sintomi potrebbero includere mal di gola, linfonodi sensibili e sudorazioni notturne, ma anche dolori muscolari, problemi digestivi e “nebbie cerebrali”, ovvero l’incapacità di pensare chiaramente o di mantenere la concentrazione.

Dal momento che non esiste una cura nota per la condizione, il trattamento normalmente ha come target i sintomi. I pazienti che presentano segni di infiammazione vengono spesso somministrati antivirali, farmaci antinfiammatori o medicinali che stimolano il sistema immunitario.

Questi, dicono i ricercatori, sono talvolta – ma non coerentemente – efficaci nel migliorare i sintomi, ma nessun agente infettivo è stato ancora individuato come causa. Tuttavia, i risultati occasionali ottenuti dal trattamento sintomatico hanno convinto il dott. Montoya a esaminare l’importanza dell’infiammazione sulla CFS / ME.

L’analisi per gravità della malattia è promettente?

Al Centro di monitoraggio immunitario umano dell’Istituto di Immunità, Trapianto e infezione di Stanford, il dott. Montoya ei suoi colleghi hanno esaminato campioni di sangue raccolti da 192 pazienti con CFS / ME e 392 partecipanti che non avevano diagnosi di CFS / ME, o il gruppo di controllo.

Tutti i partecipanti avevano in media 50 anni e i pazienti con diagnosi avevano vissuto con i loro sintomi per più di 10 anni in media. Lo studio ha preso in considerazione la gravità delle condizioni dei pazienti e il tempo trascorso con loro.

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con lieve CFS / ME presentavano livelli di citochina più bassi rispetto ai partecipanti al gruppo di controllo, mentre i pazienti con forme più gravi della condizione avevano livelli elevati di citochine.

Il dott. Montoya spiega che questi risultati possono indicare diversi livelli di predisposizione genetica alla malattia – nelle sue forme più lievi e acute – nei partecipanti.

“È possibile che per alcune patologie nell’uomo, l’analisi per gravità o durata della malattia sia in grado di fornire ulteriori approfondimenti”, suggerisce.

Quelli con una diagnosi CFS / ME, confrontati con i partecipanti al gruppo di controllo, hanno anche mostrato un’altra importante caratteristica: una proteina coinvolta nella differenziazione e proliferazione cellulare chiamata fattore di crescita trasformante beta ha mostrato livelli più alti e la resistenza (legata all’insulino resistenza) ha mostrato livelli più bassi nei pazienti CFS / ME.

Tutte le altre 49 citochine – su 51 valutate dai ricercatori – non avevano livelli diversi nei partecipanti di entrambi i gruppi.

Allo stesso tempo, i ricercatori hanno notato che i livelli di 17 delle citochine che hanno misurato erano legati al grado di gravità della CFS / ME. Di questi, 13 stimolano l’infiammazione.

Le citochine proinfiammatorie svolgono un ruolo cruciale

Sebbene la trasformazione del fattore di crescita-beta sia normalmente etichettata come antinfiammatoria, può anche supportare l’infiammazione in determinati contesti, come nel caso di alcuni tumori.

Poiché le persone con diagnosi di CFS / ME hanno un rischio maggiore di sviluppare linfoma, che è un cancro del sistema linfatico, il dott. Montoya suggerisce che potrebbe esserci un legame tra questo e l’alta concentrazione del fattore di crescita trasformante beta nei flussi sanguigni dei pazienti .

Un’altra citochina pro-infiammatoria correlata con grave CFS / ME era la leptina, che svolge anche un ruolo importante nel creare un senso di sazietà, “raccontandoci quando dovremmo smettere di mangiare”.

I ricercatori osservano che le donne tendono ad avere livelli di leptina più elevati nel sangue rispetto agli uomini, il che potrebbe spiegare perché a più donne viene diagnosticata la CFS / ME.

Il Dott. Montoya ei suoi colleghi esprimono la speranza che il loro studio spianerà la strada verso una ricerca più informata su ciò che causa la condizione e, a lungo termine, potrebbe consentire agli specialisti di escogitare trattamenti CFS / ME più efficaci.

Like this post? Please share to your friends: