Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La sindrome premestruale può essere prevenuta con il dosaggio a basso dosaggio di Prozac (fluoxetina)

Prendendo a basso dosaggio il Prozac (fluoxetina) per alcuni giorni durante il periodo premestruale si dimostra promettente nel prevenire i sintomi negativi ed emotivi associati alla sindrome premestruale (sindrome premestruale), hanno rivelato i neuroscienziati dell’Università di Birmingham, in Inghilterra. Le POM colpiscono milioni di donne a livello globale.

I ricercatori dicono di aver identificato una causa organica per la sindrome premestruale. Il Dr. Thelma Lovick e il team hanno dimostrato in esperimenti su animali (ratti) che i sintomi tipo PMS possono essere attivati ​​quando la secrezione di un ormone sessuale femminile cambia verso la fine del ciclo mestruale.

Gli scienziati ritengono che i sintomi fisici ed emotivi negativi della sindrome premestruale potrebbero essere evitati se le donne con PMS dovessero assumere la fluoxetina a basse dosi solo per pochi giorni durante il periodo mestruale.

Il dottor Lovick ha detto:

Tutto ciò che sarebbe necessario a innumerevoli donne per beneficiare di quello che potrebbe essere un trattamento semplice e accessibile, che coinvolge un farmaco già ampiamente utilizzato, è un test clinico per perfezionarlo e identificare la strategia ottimale di dosaggio.
Gli investigatori dicono che ora cercano un partner clinico che potrebbe finanziare una sperimentazione clinica per confermare i loro risultati.

I ricercatori hanno scoperto che ALLO (allopregnanolone), una sostanza steroide, una sostanza di degradazione del progesterone, di solito inibisce l’attività nei circuiti cerebrali che controllano le emozioni. Il progesterone è un ormone sessuale femminile. I sintomi della sindrome premestruale, compresi irritabilità, aggressività e ansia emergono quando i livelli di ALLO diminuiscono e questa inibizione si riduce, come fanno durante il periodo mestruale.

Dr. Lovick ha spiegato:

ALLO può alterare l’attività delle cellule nervose, quindi è descritto come uno steroide neuroattivo. Migliora l’attività del GABA, uno dei prodotti chimici neurotrasmettitori inibitori del cervello, e in quelle parti del cervello che elaborano le risposte emotive ALLO normalmente produce effetti calmanti. Tuttavia, quando i livelli cerebrali di progesterone, e quindi ALLO, diminuiscono bruscamente durante il tardo periodo premestruale, l’inibizione naturale viene effettivamente disattivata.

Di conseguenza, questi circuiti cerebrali diventano più eccitabili, lasciando l’individuo più sensibile allo stress, che è spesso manifestato comportamentalmente come ansia e comportamento aggressivo.
Se il calo dei livelli di ALLO potrebbe essere diminuito gradualmente alla fine del ciclo mestruale, i sintomi della PMS non dovrebbero svilupparsi, se la forte diminuzione dei livelli di ALLO è ciò che causa questi cambiamenti cerebrali, ipotizzato da Lovick.

I ricercatori hanno quindi escogitato un approccio chiamato “trattamento sostitutivo con steroidi neuroattivi”, che negli esperimenti su animali ha completamente impedito lo sviluppo dei sintomi premestruali.

Il dottor Lovick ha detto:

Sapevamo che il farmaco anti-ansietà ampiamente usato fluoxetina (Prozac) potrebbe aumentare i livelli di ALLO se assunto per brevi periodi. Questo effetto è avvenuto rapidamente e si è verificato in risposta a una dose molto bassa di fluoxetina. Abbiamo pensato che se il dosaggio con fluoxetina fosse accuratamente programmato per aumentare i livelli di ALLO del cervello proprio quando erano dovuti scendere bruscamente alla fine del ciclo, il trigger normale per lo sviluppo della sindrome premestruale sarebbe assente.
Sono necessari solo una dose molto bassa, dicono gli scienziati, per risultati efficaci – circa un decimo di una tipica dose di prescrizione di fluoxetina.

I neurologi hanno scritto:

“Eccitantemente, la fluoxetina ha completamente prevenuto lo sviluppo dei segni di ansia e dell’aumento del dolore e della sensibilità normalmente mostrati dai ratti femmine nel tardo dioestro, la loro versione del periodo premestruale. Inoltre, ha completamente cambiato il modo in cui i circuiti cerebrali rispondevano allo stress ansiogeno.
Erano anche in grado di replicare gli effetti della fluoxetina usando una versione sintetica di ALLO.

La dott.ssa Lovick ha concluso:

Il momento è giusto per una sperimentazione clinica controllata nelle donne. La soluzione per PMS potrebbe essere semplice come prendere una pillola per alcuni giorni verso la fine del ciclo mestruale.

Cos’è la sindrome premestruale (PMS) o la tensione premestruale (PMT)?

PMT o PMS è una raccolta di sintomi emotivi, psicologici e fisici che sono collegati al ciclo mestruale di una donna. Gli esperti dicono che circa i quattro quinti di tutte le donne in età fertile hanno alcuni sintomi di sindrome premestruale. I medici tendono a riferirsi alla sindrome premestruale solo quando sono sufficientemente gravi da interferire con alcuni aspetti della vita di una donna.

I seguenti sintomi possono essere avvertiti da alcune donne nei giorni precedenti al ciclo – sintomi della sindrome premestruale:

  • Crampi addominali
  • Ansia
  • Binge eating
  • gonfiore
  • Tenerezza o gonfiore al seno
  • Depressione
  • Sensazione generalmente emotiva o travagliata
  • Mal di testa (includere emicrania)
  • Insonnia
  • Irritabilità
  • Mancanza di concentrazione
  • Dolori, soprattutto mal di schiena
  • Leggero aumento di peso

Non appena inizia il periodo (la donna inizia a versare sangue) i sintomi generalmente migliorano. Nella maggior parte dei casi i sintomi saranno completamente scomparsi al termine del periodo.

I seguenti fattori possono aumentare le probabilità di PMS:

  • Elevato consumo di caffeina
  • Stress
  • Aumento dell’età
  • Una storia di depressione
  • fumo
  • Una storia familiare di PMS
  • Allergie, in particolare a noci, erba e alberi
  • Bassi livelli di alcune vitamine e minerali, in particolare di magnesio, calcio, manganese e vitamina E. Una dieta ricca di calcio e vitamina D può ridurre il rischio di sviluppare una sindrome premestruale, secondo uno studio.

Fonte: Università di Birmingham, Inghilterra.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: