Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La terapia con cellule staminali per insufficienza epatica potrebbe sostituire i trapianti di fegato

Per la prima volta, gli scienziati hanno ripristinato la funzione degli organi in un fegato gravemente danneggiato in animali vivi trapiantando cellule staminali cresciute in laboratorio. Il risultato avvicina il giorno in cui le terapie cellulari che rigenerano l’organo sostituiscono la necessità di trapianti di fegato.

medico tenendo il contenitore con organo umano

Nella rivista, i ricercatori descrivono cosa è successo quando hanno trapiantato cellule staminali di fegato in topi con fegato gravemente danneggiato.

Durante i mesi successivi, le cellule stimolarono le principali aree del fegato a ricrescere, migliorando la struttura e la funzione degli organi degli animali.

Il fegato è generalmente molto bravo a guarire se stesso. Questo perché contiene cellule chiamate epatociti che sono in grado di auto-rinnovarsi dopo l’infortunio. Tuttavia, queste cellule sono meno capaci di auto-rinnovamento a seguito di gravi lesioni, come quella causata da condizioni come la cirrosi e l’insufficienza acuta.

Inoltre, gli epatociti non sono facili da coltivare in condizioni di laboratorio, il che limita il loro potenziale per il trapianto.

Questo è il motivo per cui il team ha deciso di scoprire se le cellule staminali del fegato – denominate cellule progenitrici epatiche (HPC) – possono rigenerare il tessuto epatico.

Gli HPC sono molto più facili da coltivare in laboratorio e hanno la flessibilità di trasformare in epatociti e altri tipi di cellule epatiche.

Approccio da testare usando cellule umane

Se i risultati ottenuti con gli HPC nei topi possono essere replicati con HPC umani, allora il team ritiene che ciò potrebbe portare a trapianti di cellule come trattamento per insufficienza epatica invece di trapianti di organi.

L’autore senior Stuart Forbes, professore del Medical Research Council (MRC) Center forRegenerative Medicine presso l’Università di Edimburgo nel Regno Unito, osserva:

“Ci vorrà un po ‘di tempo prima che possiamo trasformare questo in realtà perché prima di tutto avremo bisogno del nostro approccio usando le cellule umane. Questo è molto necessario poiché le malattie del fegato sono una causa molto comune di morte e disabilità per i pazienti nel Regno Unito e il resto del mondo. mondo.”

A lungo termine, i ricercatori sperano di ottenere gli stessi risultati usando droghe che stimolano le cellule staminali all’interno del paziente per rigenerare il fegato danneggiato.

I finanziamenti per la ricerca provenivano dall’MRC, dalla piattaforma di medicina rigenerativa del Regno Unito e dal trust di successo.

Lo studio è un esempio di ricerca in corso nella medicina rigenerativa, supportato da questi e da altri sponsor, che cerca nuovi modi per trattare le malattie senza cura, come insufficienza epatica, artrite, morbo di Parkinson e cecità.

Nel frattempo, gli scienziati si stanno anche avvicinando a essere in grado di rigenerare gli arti interi da cellule staminali. Uno studio riportato di recente mostra come una squadra del Massachusetts General Hospital abbia rigenerato con successo arti anteriori di ratti da cellule progenitrici, aprendo la strada alla tecnica da provare negli esseri umani.

Like this post? Please share to your friends: