Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La terapia con testosterone può giovare agli uomini con diabete di tipo 2?

Gli uomini con diabete di tipo 2 e bassi livelli di testosterone possono beneficiare in modo significativo del trattamento con testosterone, secondo uno studio pubblicato nel 2006.

[il tessuto adiposo]

L’autore senior Dr. Paresh Dandona, del Dipartimento di Medicina della Jacobs School of Medicine e Scienze Biomediche dell’Università di Buffalo (UB), NY, e i suoi coautori sapevano già che bassi livelli di testosterone coincidono con una diminuita sensibilità all’insulina.

Nel 2004, hanno dimostrato un legame tra bassi livelli di testosterone e diabete di tipo 2.

Sei anni dopo, hanno esteso questo all’obesità. In uno studio condotto su oltre 2000 uomini, hanno osservato che il 33% dei partecipanti con diabete di tipo 2, obesi o no, aveva bassi livelli di testosterone, così come il 25% dei maschi non diabetici obesi.

Nel 2012, il team ha scoperto che i ragazzi con obesità hanno il 50% in meno di testosterone rispetto ai loro coetanei magri.

I ricercatori hanno anche associato l’obesità a stress ossidativo e infiammazione. È noto che i mediatori dell’infiammazione interferiscono con la segnalazione di insulina.

Testosterone: antinfiammatorio e insulino-sensibilizzante?

Nel presente studio, il team ha ipotizzato che il testosterone possa essere un agente antinfiammatorio e sensibilizzante dell’insulina, poiché è noto da tempo che il testosterone riduce l’adiposità e aumenta il muscolo scheletrico.

I partecipanti erano 94 uomini con diabete di tipo 2, di cui 44 avevano bassi livelli di testosterone.

Prima del trattamento, quelli con bassi livelli di testosterone esprimevano livelli significativamente più bassi di geni che segnalavano l’insulina e diminuita sensibilità all’insulina.

Gli uomini con basso testosterone sono stati randomizzati a ricevere un’iniezione di testosterone o un placebo ogni settimana per 24 settimane.

Il testosterone non ha modificato il peso corporeo degli uomini, ma c’è stata una riduzione del grasso corporeo totale di 3 chilogrammi (più di 6 libbre), mentre la massa muscolare è aumentata della stessa quantità.

C’è stato anche un aumento drammatico della sensibilità all’insulina, dimostrato da un aumento del 32% nell’assorbimento di glucosio da parte dei tessuti in risposta all’insulina e un simile aumento nell’espressione dei geni principali che mediano la segnalazione di insulina. Anche i livelli di glucosio a digiuno sono diminuiti significativamente, di 12 milligrammi per decilitro.

I livelli di emoglobina A1C (HbA1c) dei pazienti non sono diminuiti – un indicatore necessario che il testosterone può aiutare a controllare il diabete. Tuttavia, il Dr. Dandona ritiene che un significativo miglioramento dell’HbA1c potrebbe essere visto negli studi a lungo termine.

Il testosterone potrebbe essere un ormone metabolico?

Dandona afferma che questa è la prima prova definitiva che il testosterone sia un sensibilizzatore dell’insulina e quindi un ormone metabolico.

Aggiunge:

“Il trattamento con testosterone per gli uomini, dove indicato, migliorerà la funzione sessuale e aumenterà la forza e la densità ossea dei muscoli scheletrici”.

Per gli studi futuri, i ricercatori dell’UB sono interessati a come il trattamento con testosterone può influire sulla resistenza all’insulina e sull’infiammazione in specifiche popolazioni di pazienti, come quelli con insufficienza renale cronica e ipogonadismo.

Il dottor Dandona e i suoi colleghi hanno precedentemente riferito che 2 uomini su 3 con diabete di tipo 2, uomini con malattia renale cronica hanno anche bassi livelli di testosterone. Tra i pazienti in dialisi, un notevole 90% ha un basso livello di testosterone.

recentemente riferito che mangiare più cibo fatto in casa può ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

Like this post? Please share to your friends: