Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La “terapia d’urto” dovrebbe essere usata per trattare la depressione più spesso?

Uno studio recente ha scoperto che, contrariamente alle aspettative, la terapia elettroconvulsiva può essere un’opzione di trattamento migliore per molte persone la cui depressione non è stata alleviata da altri interventi.

Elettricità cerebrale

La terapia elettroconvulsivante (ECT), che di solito viene definita trattamento d’urto, comporta il passaggio di una corrente attraverso il cervello di una persona per alleviare i sintomi depressivi e altri sintomi psichiatrici.

Utilizzato per la prima volta negli anni ’30, è stato quasi completamente sostituito da farmaci e terapie parlanti.

Sebbene le prime forme di ECT fossero brutali come suggerisce il loro nome, la versione moderna è una procedura significativamente più sicura.

Oggi, una corrente molto più piccola viene inviata al cervello in impulsi mentre l’individuo è in anestesia a breve durata d’azione.

Normalmente, l’individuo ha un numero di sessioni nelle prime settimane, seguito da trattamenti occasionali a lungo termine.

Sembra uno strumento abbastanza tagliente, ma ECT funziona per molte persone, con oltre la metà delle persone che trovano sollievo dopo aver completato il corso.

A causa delle cure specialistiche necessarie per il trattamento ECT, i costi e lo stigma, è spesso l’ultimo punto di riferimento nel trattamento della depressione.

Tuttavia, secondo uno studio pubblicato su, per le persone che non hanno avuto successo su due antidepressivi di prima linea, l’ECT ​​potrebbe essere la soluzione migliore e più economica.

Rivalutazione dell’uso di ECT

I ricercatori del Dipartimento di Psichiatria dell’Università del Michigan ad Ann Arbor hanno preso i dati da ampi studi clinici già pubblicati. Hanno usato la modellazione per simulare il viaggio di un paziente attraverso i trattamenti per valutare quali percorsi hanno prodotto i migliori risultati.

Il team ha scoperto che nei pazienti trattati per la depressione per la prima volta, i farmaci, la psicoterapia o una combinazione di entrambi sarebbe economicamente vantaggiosa.

Ciò era vero anche per le persone il cui primo tentativo di trattare la depressione non aveva avuto successo: provare un altro farmaco con o senza psicoterapia era la strada migliore da seguire.

Ma per quelli con depressione resistente al trattamento – in cui due diverse opzioni di trattamento avevano fallito – l’ECT ​​si è dimostrata la linea di condotta più conveniente. E, cosa importante, gli scienziati hanno dimostrato che i pazienti passerebbero meno tempo a gestire i sintomi della depressione.

I ricercatori hanno scoperto che circa la metà dei pazienti che hanno provato l’ECT ​​entrano in remissione (immediato e completo) e un terzo di questi ricadrebbe dopo 1 anno.

Al contrario, un terzo dei soggetti ha sperimentato la remissione dopo il loro primo antidepressivo e solo il 25% delle persone che hanno provato un secondo antidepressivo ha avuto remissione. Per coloro che non hanno trovato sollievo nei primi due antidepressivi, un terzo ha aiutato solo il 15% e un quarto farmaco ha aiutato solo il 7-10% delle persone.

Quindi, come trattamento di terza linea, l’ECT ​​potrebbe portare benefici significativi ai pazienti. Ma, così com’è, ECT è molto più in basso nella lista degli interventi; è generalmente considerato l’ultimo porto di scalo.

In effetti, i ricercatori stessi si aspettavano che l’ECT ​​arrivasse in quinta o sesta posizione.

ECT usato raramente

In precedenti lavori dello stesso gruppo di ricercatori, hanno scoperto che solo lo 0,16% dei pazienti con depressione ha ricevuto ECT. E, secondo gli autori, altri studi hanno dimostrato che l’ECT ​​è generalmente usato solo dopo aver provato da cinque a sette farmaci.

“Sebbene la scelta di un trattamento per la depressione sia una scelta molto personale che ogni paziente deve fare con il proprio medico in base alle proprie preferenze ed esperienza, il nostro studio suggerisce che l’ECT ​​dovrebbe essere sul tavolo come opzione realistica già nel terzo ciclo di cura”.

L’autore dello studio principale Eric L. Ross

Questi risultati indicano che, attualmente, non tutte le persone affette da depressione stanno ricevendo il trattamento più efficace per loro.

“Sfortunatamente”, osserva l’autore senior dello studio, il dott. Daniel Maixner, “la ricerca dimostra che con più insuccessi di farmaci e lunga durata della malattia – a volte molti anni – la possibilità che i pazienti raggiungano la remissione scende rapidamente a numeri molto bassi”.

Prosegue: “L’ECT è il miglior trattamento per la remissione, quindi, oltre all’idea clinica che l’ECT ​​dovrebbe essere usato prima, il nostro studio aggiunge un’altra prospettiva sottolineando che l’ECT ​​è anche conveniente prima nel corso del trattamento della depressione. “

Per quanto riguarda il futuro, i ricercatori sperano che questi risultati aiuteranno a convincere medici, pazienti e compagnie assicurative che l’ECT ​​non è solo conveniente come trattamento di terza linea, ma è anche nell’interesse del paziente.

Ricercatrice Kara Zivin, Ph.D. – un professore associato di psichiatria – delinea ciò che sperano che i loro risultati raggiungano.

“Non dovremmo permettere la stigmatizzazione delle passate incarnazioni di questo approccio per impedire che la sua forma moderna venga seriamente presa in considerazione per i pazienti appropriati”, dice.

“Una maggiore copertura potrebbe anche aiutare ad affrontare le diffuse lacune nell’area di servizio ECT che abbiamo riscontrato in altre ricerche”.

Like this post? Please share to your friends: