Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La terapia del casco per la deformazione del cranio posizionale infantile “dovrebbe essere scoraggiata”

Una nuova ricerca pubblicata suggerisce che per la deformazione del cranio posizionale nei bambini – l’appiattimento del cranio come conseguenza del posizionamento nella stessa posizione per lunghi periodi – indossare un elmetto correttivo non migliora la condizione.

Non è noto il numero di bambini negli Stati Uniti che sperimentano una deformazione del cranio posizionale, nota anche come sindrome della testa piatta. Nel Regno Unito, si stima che colpisce 1 su 5 bambini di età inferiore ai 6 mesi.

Esistono due tipi di deformazione del cranio posizionale: plagiocefalia e brachicefalia. La plagiocefalia si verifica quando un lato della testa diventa piatto, causando disallineamento delle orecchie del bambino. Il brachicefalia è quando l’appiattimento avviene sulla parte posteriore della testa, causando un rigonfiamento della parte anteriore del cranio di un neonato.

Poiché i crani dei bambini piccoli sono molto morbidi, una pressione costante su un’area specifica della testa può far sì che cambi forma. Questo è ciò che accade nella deformazione del cranio posizionale. È causato principalmente dalla posizione di sonno di un bambino.

Studi precedenti hanno dimostrato che dal lancio della campagna “Back to Sleep” dell’American Academy of Pediatric (AAP) nel 1992 – che raccomanda ai genitori di posizionare i bambini sulla schiena durante il sonno per ridurre il rischio di sindrome da morte improvvisa infantile (SIDS) – c’è stato un drammatico aumento nel numero di bambini colpiti dalla deformazione del cranio posizionale.

Bambino che indossa un casco correttivo

Nella maggior parte dei casi, il cranio di un bambino si correggerà nel tempo. Ma nei casi più gravi, può essere necessario un trattamento. Ciò può comportare l’uso di elmetti, noti come ortesi craniche.

L’idea è che i caschi fermino il bambino steso sull’area appiattita della loro testa. Il trattamento di solito inizia quando il bambino ha 5 o 6 mesi – quando il cranio è ancora abbastanza morbido da essere modellato. Il casco deve essere indossato fino a 23 ore al giorno e il trattamento completo richiede in genere circa 3-6 mesi.

Ma in questo ultimo studio, i ricercatori dei Paesi Bassi hanno messo in discussione i benefici di tale trattamento.

Secondo il team, sono state fatte poche ricerche per confrontare la terapia del casco nei bambini con sindrome della testa piatta senza trattamento. Pertanto, hanno deciso di fare proprio questo.

Uso di un casco come terapia standard ‘scoraggiata’

Per la loro ricerca, hanno valutato 84 bambini con deformazione del cranio posizionale moderata o grave. Avevano o plagiocefalia o brachicefalia.

Dall’età di 6 mesi, a metà dei bambini è stato richiesto di indossare caschi personalizzati su misura per 23 ore al giorno per un periodo di 6 mesi. I bambini rimanenti non hanno avuto alcun trattamento.

Misurando la forma della testa di tutti i bambini una volta che i bambini hanno raggiunto i 2 anni, il team ha scoperto che i bambini che indossavano i caschi non hanno mostrato miglioramenti significativi rispetto a quelli che non hanno ricevuto alcun trattamento.

La terapia del casco ha portato il 25,6% dei bambini a riprendersi completamente dalla deformazione del cranio posizionale, mentre il 22,5% dei bambini che non hanno ricevuto alcun trattamento ha fatto un pieno recupero – che i ricercatori ritengono “nessuna differenza significativa” tra i gruppi.

Gli effetti collaterali sono stati riportati dai genitori dei bambini che indossavano gli elmi. Circa il 96% dei genitori ha dichiarato che i loro bambini hanno avuto irritazioni della pelle e il 33% ha riferito di aver avuto dolore. Circa il 77% dei genitori ha ritenuto che il casco impedisse loro di coccolare i loro bambini, il 76% ha riferito di un odore sgradevole e il 71% ha riferito di sudorazione.

Quando i bambini avevano 2 anni, i ricercatori hanno scoperto che entrambi i gruppi di genitori erano generalmente contenti della forma della testa del loro bambino. I genitori di coloro che indossavano gli elmetti hanno riportato un punteggio di soddisfazione di 4,6 su 5, mentre i genitori di bambini che non hanno ricevuto alcun trattamento hanno riportato un punteggio di soddisfazione di 4,4 su 5.

Inoltre, il team rileva gli alti costi della terapia del casco. In media, hanno scoperto che il trattamento costava circa $ 1,935 (£ 1,157) per bambino.

Commentando i loro risultati, i ricercatori dicono:

“Sulla base dell’eguale efficacia della terapia del casco e della deformazione del cranio in seguito al suo decorso naturale, alta prevalenza di effetti collaterali e alti costi associati alla terapia del casco, scoraggiamo l’uso di un casco come trattamento standard per neonati sani con cranio da moderato a severo deformazione.”

I ricercatori sottolineano che in entrambi i gruppi solo il 25% dei bambini ha recuperato completamente. Pertanto, sottolineano l’importanza di impedire ai bambini di sviluppare la deformazione del cranio posizionale.

Notano che la ricerca passata ha indicato che i bambini dovrebbero essere posizionati sulla pancia durante la veglia. Ma sottolineano che mentre un bambino dorme, le linee guida AAP – raccomandando che i bambini siano posizionati sulla schiena – dovrebbero essere seguiti.

In un editoriale collegato allo studio, il Prof. Brent R. Collett, della Scuola di Medicina dell’Università di Washington, afferma che è importante che i genitori siano consapevoli delle implicazioni della terapia dell’elmetto e che la futura ricerca che coinvolge più campioni di bambini sarebbe utile per approfondire.

“In particolare”, aggiunge, “sarebbe interessante sapere se i bambini con la plagiocefalia e il brachicefalia di posizione più severa, che sono stati esclusi da questo studio, mostrano un miglioramento significativo”.

Like this post? Please share to your friends: