Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La terapia genica potrebbe prevenire l’Alzheimer, suggerisce lo studio

Un trattamento genetico che fornisce un virus a un gene nel cervello potrebbe essere usato per trattare la malattia di Alzheimer allo stadio iniziale, afferma la ricerca pubblicata sulla rivista.

[placche amiloidi]

La malattia di Alzheimer è il tipo più comune di demenza. Colpisce oltre 40 milioni di persone in tutto il mondo, portando perdita di memoria, confusione e cambiamenti di personalità o di umore. Al momento non esiste una cura.

Nel 2013, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno stimato che fino a 5 milioni di persone vivevano con l’Alzheimer negli Stati Uniti. Nel 2014, 93.541 decessi sono stati attribuiti alla malattia, rendendola la sesta causa principale di morte negli Stati Uniti.

Gli scienziati dell’Imperial College di Londra nel Regno Unito hanno ora utilizzato un virus modificato per fornire un gene, noto come PGC1-alfa, alle cellule cerebrali dei topi. Hanno scoperto che riduceva lo sviluppo dell’Alzheimer.

Il virus è chiamato vettore lentivirus ed è comunemente usato nella terapia genica.

Sulla base di precedenti ricerche di laboratorio, il team ha previsto che potrebbe fermare una proteina chiamata peptide beta-amiloide dalla formazione nelle cellule.

Le placche amiloidi sono ammassi appiccicosi di proteine ​​che si verificano nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer. Si ritiene che siano responsabili della morte delle cellule cerebrali. Il peptide beta-amiloide è il componente principale di queste placche.

Il prof. Nicholas Mazarakis, co-autore dello studio, spiega come gli scienziati possono trasformare il modo in cui il lentivirus infetta le cellule a loro vantaggio; implica la produzione di una versione modificata del virus e il suo utilizzo per fornire i geni in cellule specifiche.

Gli scienziati stanno già utilizzando la tecnica per ricercare trattamenti per l’artrite, il cancro e altre condizioni. Negli studi clinici, il team attuale lo ha usato con successo per fornire geni nel cervello delle persone con malattia di Parkinson.

La corteccia e l’ippocampo

In questo recente studio, i ricercatori hanno iniettato il virus in due aree del cervello dei topi: la corteccia e il vicino ippocampo.

Si ritiene che l’Alzheimer inizi nella corteccia e poi si diffonda gradualmente all’ippocampo. Il primo danno può verificarsi 10-20 anni prima che la malattia diventi visibile esternamente.

La corteccia è associata alla memoria a lungo termine, al ragionamento, al pensiero e all’umore. I danni possono causare depressione e difficoltà a capire come eseguire compiti familiari.

L’ippocampo è strumentale nell’apprendimento, nella conversione di memorie a breve termine in memorie a lungo termine e nell’orientamento. Danni all’ippocampo possono far dimenticare a una persona eventi recenti, come quello che hanno fatto stamattina. È anche il motivo per cui le persone affette da Alzheimer si perdono in percorsi familiari, ad esempio non riescono a trovare la strada di casa.

Sviluppo più lento delle placche amiloidi

I topi che hanno ricevuto il trattamento hanno avuto l’Alzheimer allo stadio iniziale. Non avevano ancora sviluppato placche amiloidi. Sono stati iniettati con il virus adattato contenente il gene PGC1-alfa.

Quattro mesi dopo le iniezioni, i test hanno dimostrato che i topi che avevano ricevuto il gene avevano pochissime placche amiloidi, una memoria migliore e nessuna perdita di cellule cerebrali nell’ippocampo. Quelli che non erano stati trattati avevano placche multiple nel loro cervello.

Per testare la memoria, il team ha sostituito un oggetto familiare nelle gabbie del mouse con un nuovo oggetto. Quelli con una memoria sana esplorarono il nuovo oggetto più a lungo. I topi trattati hanno eseguito anche topi sani.

I topi trattati avevano anche un numero inferiore di cellule gliali. Nella malattia di Alzheimer, si pensa che le cellule gliali causino un ulteriore danno cellulare rilasciando sostanze infiammatorie tossiche.

“Anche se questi risultati sono molto precoce, essi suggeriscono questa terapia genica potrebbe avere un potenziale uso terapeutico per i pazienti. Ci sono molti ostacoli da superare, e al momento l’unico modo per trasportare il gene è tramite un’iniezione direttamente nel cervello. Tuttavia, questo studio dimostra che questo approccio merita ulteriori indagini “.

Autrice senior, la dott.ssa Magdalena Sastre

Gli autori sperano che i risultati potrebbero aprire un nuovo percorso per terapie future, sia per prevenire la malattia o per fermarlo nelle fasi iniziali. Sperano di iniziare a studiare come applicare il trattamento negli esseri umani, anche se sottolineano che ci vorranno anni prima che possa essere usato in un contesto clinico.

Ritengono che questo trattamento sarebbe meglio utilizzato nelle fasi iniziali dell’Alzheimer, quando i sintomi compaiono per primi.

Il Dr. David Reynolds, responsabile scientifico dell’Alzheimer’s Research UK, definisce i risultati “un passo promettente sulla strada verso lo sviluppo di trattamenti per questa condizione devastante”.

PGC1-alfa svolge un ruolo nella regolazione del metabolismo degli zuccheri e dei grassi nel corpo. Altri studi hanno suggerito che l’esercizio fisico e il resveratrolo – un composto che si presenta nel vino rosso – possono aumentare i livelli di PGC1-alfa.

Scopri come il successo nei test di memoria verbale può significare che alcune donne mancano di una diagnosi precoce per l’Alzheimer.

Like this post? Please share to your friends: