Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La terapia protonica è una buona opzione per il trattamento di un tumore?

La terapia protonica, chiamata anche terapia con fascio di protoni, è un tipo di terapia delle particelle. Dirige fasci di protoni con grande precisione nelle cellule tumorali.

È la radioterapia più avanzata oggi disponibile. Distrugge le cellule tumorali ma non attacca i tessuti sani circostanti quanto fa la radioterapia tradizionale.

Nella terapia protonica, un fascio di protoni ad alta energia, invece di raggi X ad alta energia, viene utilizzato per fornire una dose di radioterapia per i pazienti oncologici.

Cos’è la terapia protonica

Sala di terapia protonica
Un portale di trattamento per la terapia protonica, come questo presso il Centro di terapia di protoni Roberts, fornisce raggi di protoni precisi a tumori difficili da raggiungere. Credito fotografico: Centro di terapia protesica Roberts di Penn Medicine e Ed Cunicelli.

La terapia protonica è simile alla radioterapia, ma offre un approccio più mirato. Ciò significa che il rischio di danneggiare i tessuti attorno al tumore è inferiore rispetto alle radiazioni standard.

Il trattamento è considerato adatto per alcuni tumori specifici che coinvolgono tumori vicino a parti importanti del corpo, come l’occhio, il cervello e il midollo spinale.

Con la radioterapia tradizionale, tali tumori non possono essere presi di mira a causa del rischio di danni ai tessuti circostanti vitali (nervi).

La terapia protonica può anche essere utilizzata per trattare i tumori che influiscono su:

  • il sistema nervoso centrale (CNS)
  • gli occhi
  • la testa e il collo
  • i polmoni, il fegato o la ghiandola prostatica
  • i tessuti molli della colonna vertebrale e del bacino, noti come sarcomi
  • tumori cerebrali non cancerosi

Il MD Anderson Center presso l’Università del Texas descrive la terapia protonica come una macchina per uccidere i tumori di 196 tonnellate con precisione submillimetrica che può colpire il tumore di un paziente “risparmiando i tessuti sani vicini e riducendo al minimo gli effetti collaterali. questa è la terapia protonica “.

Sebbene si ritenga che la terapia protonica sia una forma di trattamento più mirata, c’è qualche disaccordo sul fatto che fornisca un vantaggio complessivo rispetto ad altre terapie più economiche.

Terapia protonica contro radioterapia standard

Secondo l’American Society of Clinical Oncology (ASCO), la terapia protonica può fornire fino al 60% in meno di radiazioni al tessuto sano intorno al sito bersaglio, mentre fornisce una dose più elevata al tumore stesso.

Nella terapia protonica, il medico può decidere esattamente quando e dove il protone rilascia la maggior parte della sua energia. Questo punto è chiamato “picco di Bragg”. Ciò significa che è possibile infliggere il massimo danno alle cellule tumorali e il minimo danno ai tessuti circostanti.

Nella radioterapia standard, i raggi X depositano energia lungo il loro percorso prima di colpire il bersaglio, ad esempio, sulla superficie del corpo e oltre. Il raggio dei raggi X continua oltre il tumore, rilasciando energia e danneggiando i tessuti. Questa è chiamata la “dose di uscita”.

In altre parole, il trattamento colpisce le cellule tumorali mirate, ma colpisce anche quelle lungo il raggio dei raggi X prima e dopo il tumore. Questo può portare a problemi di salute dopo il trattamento.

Con la terapia protonica, il medico può utilizzare una dose più elevata di radiazioni di quanto sia possibile nella radioterapia standard, ma può anche proteggere il tessuto circostante e gli organi vitali.

Nella dose di radiazioni standard, deve essere utilizzata una dose inferiore a quella desiderata per minimizzare il danno alle cellule sane.

Confronto dei profili dose per la radioterapia protone v

Come puoi vedere dal diagramma sopra, il raggio del protone (blu) fa meno danni prima di colpire il tumore, e praticamente nessuno lo supera. Tuttavia, il raggio dei raggi X (rosso) diffonde la radiazione prima e al di là del sito del tumore nel tessuto profondo a livelli molto più alti.

La terapia protonica si adatta alla forma del tumore

I tumori sono disponibili in tutte le forme, dimensioni e posizioni e sono unici per ogni individuo. Con l’hardware specifico del paziente, il radiologo può scolpire il raggio del protone, personalizzandolo per colpire entro i confini del tumore, qualunque sia la sua forma.

Il tumore può essere colpito da fasci di protoni provenienti da diverse direzioni. Ciò garantisce inoltre che il danno alle cellule circostanti sia ridotto al minimo, riducendo il rischio di complicanze solitamente associate alla radioterapia.

applicazioni

Le ragioni per scegliere il trattamento con la terapia protonica possono essere suddivise in due grandi categorie.

Dove sono necessari dosaggi più elevati: la terapia con protoni viene utilizzata per i tumori che necessitano di dosi di radiazioni più elevate, noti come aumento della dose.

In alcuni casi, l’escalation della dose ha dimostrato di fornire risultati migliori per i pazienti rispetto alla radioterapia convenzionale.

I casi in cui ha successo includono:

  • sarcomi non resecabili
  • melanoma uveale (tumori oculari, tumori agli occhi)
  • tumori paraspinali (condrosarcoma e cordoma, a fianco della colonna vertebrale)

Ridurre gli effetti indesiderati: la terapia protonica può ridurre il rischio di effetti collaterali indesiderati limitando il danno al tessuto normale e sano, anche se la dose è la stessa della terapia convenzionale.

Esempi di quando questo potrebbe essere utile includono cancro alla prostata e tumori che colpiscono la prostata, la colonna vertebrale, la testa e il collo.

La terapia protonica è particolarmente utile per il trattamento dei tumori infantili, perché le cellule tumorali possono essere mirate senza danneggiare altre cellule in un corpo in crescita. I bambini trattati con radiazioni tradizionali hanno un rischio maggiore di crescita stentata.

La terapia protonica si è affiancata ad altre terapie

Secondo l’Associazione nazionale per la terapia protonica, la terapia protonica può essere utilizzata in congiunzione “con radiazioni tradizionali, chemioterapia e / o come chirurgia di follow-up”.

Nel 2014, un team di oncologi ha riportato nella rivista che la terapia protonica “offriva un guadagno aggiuntivo” per i pazienti con linfoma di Hodgkin in stadio iniziale dopo la radioterapia del nodo coinvolto.

Rischio di cancro secondario

La radioterapia tradizionale è associata ad un alto rischio di sviluppare tumori secondari.

Nel 2013, un team di oncologi ha pubblicato i risultati di uno studio che è stato condotto per determinare se la terapia protonica e la radioterapia tradizionale (radioterapia conforme) potrebbero aumentare il rischio di cancro secondario in organi normali tra i pazienti con neuroblastoma.

I neuroblastomi sono tumori che si sviluppano da cellule nervose immature situate in diverse parti del corpo umano. Solitamente si presentano nelle e vicino alle ghiandole surrenali.

Hanno scoperto che le dosi di radiazioni osservate negli organi sani e normali erano più basse tra i pazienti che ricevevano terapia protonica rispetto a quelli che ricevevano la radioterapia tradizionale.

I ricercatori hanno concluso che mentre la radioterapia tradizionale aumenta il rischio di cancro secondario nella maggior parte degli organi, la terapia protonica sembra ridurre il rischio.

Cosa aspettarsi

La procedura inizia con una simulazione.

Simulazione

L’equipe medica, di solito un radiologo oncologo e un’infermiera di radioterapia, farà e adatterà la persona con un dispositivo che trattiene il corpo mentre è in corso il trattamento.

Il tipo di dispositivo utilizzato dipende dalla posizione del tumore. Le persone affette da cancro che colpiscono la testa avranno una maschera speciale adattata. Se l’area di destinazione è il corpo, la gamba o il braccio, viene creato un dispositivo a culla.

Verrà eseguita una scansione RM o TC per mappare l’area per il trattamento. La squadra segnerà la posizione sulla pelle dove il raggio dovrebbe essere puntato.

Il trattamento con Proton si verifica in genere fino a 10 giorni dopo la simulazione. I segni sulla pelle non devono essere lavati via.

Trattamento

Il ciclotrone
Il ciclotrone crea e accelera i protoni. Immagine gentilmente concessa da Varian Medical Systems, Inc. Tutti i diritti riservati.

L’individuo è posto in un dispositivo a forma di ciambella noto come gantry, che ruota attorno alla persona e punta i protoni direttamente sul tumore.

Un sincrotrone, o ciclotrone, crea e accelera i protoni. I protoni vengono quindi rimossi dal sincrotrone e i magneti li indirizzano alle cellule tumorali.

Mentre la terapia fotonica è in corso, il radioterapista si trova in un’altra stanza. Tuttavia, vedranno e parleranno al paziente usando un citofono a due vie e un televisore a circuito chiuso.

Il trattamento solitamente non richiede più di 2 minuti e non dovrebbe esserci disagio.

Dopo questo, il terapeuta radioterapista ritorna nella stanza e rimuove il dispositivo che ha aiutato a mantenere la persona ferma durante il trattamento.

La terapia protonica è una procedura ambulatoriale. A seconda del tipo di cancro, i trattamenti possono essere distribuiti su diverse settimane.

Possono verificarsi effetti collaterali, ma saranno lievi rispetto agli effetti avversi della radiazione a raggi X. Ci possono essere arrossamenti intorno all’area da trattare e alcuni (temporanei) perdita di capelli.

Like this post? Please share to your friends: