Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La terapia senza interferone per l’epatite C ha “curato” il 90% dei pazienti

Attualmente, i medici che trattano pazienti con epatite C con cirrosi (cicatrici epatiche) offrono canonalmente trattamenti che fanno affidamento sull’interferone della droga, che sfortunatamente funziona solo per meno della metà dei pazienti. Ora, un nuovo studio ha scoperto che una combinazione di farmaci senza interferone wassafe, ben tollerata e curata oltre il 90% dei 380 pazienti di prova con cirrosi epatica in 12 settimane.

L’epatite C è causata da un virus che si diffonde attraverso il contatto diretto con il sangue infetto. Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), oltre 3 milioni di americani sono affetti dalla malattia.

L’epatite C è il numero uno conducente di cirrosi, trapianti di fegato e cancro del fegato negli Stati Uniti, dice il primo autore dello studio Fred Poordad, capo ufficiale medico presso il professore Texas Fegato Instituteand di medicina presso l’Università del Texas Health Science Center a San Antonio.

Questo nuovo studio – uno studio di fase III per testare la sicurezza della nuova terapia sperimentale – è pubblicato nel. È importante perché attualmente l’interferone è l’unico farmaco in grado di combattere l’epatite C, ma i pazienti trattati con l’agente spesso recidivano, con effetti tossici aumentati per coloro che hanno anche un’evecirrosi, come spiega il Prof. Poordad:

“La ragione per cui questo studio è così profondo è perché l’interferone non è tollerato e non è sicuro in molte persone con cirrosi.Molti dei pazienti con cirrosi in questo studio non erano eleggibili per essere trattati con interferone.”

La nuova terapia combinata senza interferone comprende gli agenti: ABT-450 / ritonavir, ombitasvir, dasabuvir e ribavirina. Il nome del processo è TURQUOISE-II.

Gli investigatori, con il supporto della società biofarmaceutica AbbVie, che ha finanziato lo studio, hanno testato la nuova terapia in 380 pazienti con infezione da genotipo C e cirrosi del virus dell’epatite C. I pazienti sono passati da 18 a 70 anni e sono stati sottoposti a screening e reclutati tra ottobre 2012 e aprile 2013 presso diversi ospedali e cliniche in Canada, Inghilterra, Germania, Spagna e Stati Uniti.

Gli autori notano che il dosaggio – somministrato per via orale sotto forma di pillola – era: “ABT-450 / r-ombitasvir (a dosi aonce giornaliera di 150 mg di ABT-450, 100 mg di ritonavir, e 25 mg di ombitasvir), dasabuvir (250 mg due volte al giorno) e ribavirina somministrata in base al peso corporeo. “

Il successo del processo è stato lodato come “non sullo stesso pianeta dell’interferone”

Il test chiave dell’efficacia non era la traccia del virus dell’epatite C nel sangue. Ciò è stato riscontrato nel 91,8% dei pazienti 12 settimane dopo l’ultima dose e nel 95,9% dei pazienti 24 settimane dopo l’ultima dose.

Il Prof. Poordad descrive questi risultati come “i tassi di risposta fuori dagli schemi, non sul sameplanet come interferone”.

Uno dei pazienti in prova che il prof. Poordad e colleghi hanno trattato è stato l’anestesista in pensione Dr. Sergio Buentello di San Antonio. Gli è stata diagnosticata un’epatite C di 11 anni. E mentre riceveva il trattamento 8 anni fa, non era curato e aveva avuto effetti collaterali.

“Il mio conteggio virale è sceso, ma mai a zero”, dice il dott. Buentello, che era scettico sulle possibilità di successo quando ha sentito parlare della possibilità di essere un partecipante al processo. Ma è stata una delle maggior parte dei pazienti a beneficiare.

“Mi sento molto fortunato a vivere in questo periodo, perché ero quasi rassegnato all’idea che non sarei mai stato curato”, dice.

Buone possibilità di cura con una terapia breve, non tossica

Gli investigatori stanno ancora testando i campioni di sangue, e lo faranno per 3 anni dopo la terapia endof, e finora non ci sono state a lungo termine, le recidive tardive, dice il Prof. Poordad, whorecently presentato i dati al Congresso Internazionale di fegato a Londra :

“I pazienti con malattia epatica avanzata ora possono essere curati della loro epatite con un regime molto ben tollerato e breve”.

Lui ei suoi colleghi si aspettano che il nuovo trattamento sia disponibile verso la fine del 2014 o all’inizio del 2015.

Nel dicembre 2013, uno studio pubblicato su journalthat ha suggerito che i diabetici con epatite C possono trarre beneficio dalla terapia antivirale: il miglioramento principale è rappresentato dagli esiti cardiovascolari e renali. Questo dimostra che le persone con epatite C hanno un rischio più elevato di sviluppare diabete e resistenza all’insulina.

Like this post? Please share to your friends: