Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La trofofobia è reale?

La trofofobia è una condizione in cui una persona sperimenta una paura o un’avversione a grappoli di piccoli buchi.

Si pensa che la condizione sia innescata quando una persona vede uno schema di piccoli fori raggruppati, provocando sintomi, come paura, disgusto e ansia.

Sebbene la trypophobia non sia attualmente riconosciuta dall’American Psychiatric Association, il termine trypophobia è in uso dal 2009.

Fatti veloci sulla trofobia:

  • C’è una ricerca corrente limitata sulla condizione, eppure esistono alcune teorie.
  • Alcuni ricercatori mettono in discussione la validità della tripofobia come condizione o fobia, come suggerito da un recente studio.
  • Dal momento che alcuni animali potenzialmente pericolosi hanno modelli “bucati” simili sui loro corpi, le persone possono creare un’associazione inconscia tra questi modelli e gli animali.

Cosa scatena la tripofobia?

teste di semi di loto, che possono causare tripofobia

Le persone che manifestano sintomi di trofobia sono spesso innescate da immagini specifiche di grappoli di piccoli fori irregolari, come ad esempio:

  • spugne
  • Bolle di sapone
  • corallo
  • spugne di mare
  • Favo
  • condensa d’acqua
  • alveari
  • Baccelli di semi
  • fragole
  • melograni
  • bolle
  • grappoli di occhi come si trovano negli insetti

Sintomi

Le persone con tripofobia possono manifestare sintomi quali:

  • sentimenti di disgusto, paura o disagio
  • pelle d’oca
  • prurito della pelle
  • strisciare della pelle
  • sudorazione
  • nausea
  • attacchi di panico

C’è una ricerca sulla tripofobia?

Pezzi a nido d'ape.

Uno studio del 2013 ha esaminato le immagini che inducono la tripofobia e ha scoperto che quando le persone che non hanno la condizione vedono un’immagine di un favo, per esempio, possono pensare al miele o alle api.

Tuttavia, lo studio ha teorizzato che le persone con trofobia sviluppano sintomi perché associano inconsciamente il nido d’ape con un animale pericoloso – in questo caso, un serpente a sonagli – il cui schema è simile.

Tripofobia e ansia generalizzata

Uno studio completato nel 2017 ha concluso che dei 95 soggetti intervistati, i sintomi della trofobia erano a lungo termine e persistenti. La loro ricerca ha anche dimostrato che molti degli intervistati soffrivano di depressione e ansia generalizzata.

Lo studio ha anche dimostrato che quando le persone con tripofobia incontravano gruppi di buchi, provavano sentimenti di disgusto e non di paura.

Perché succede?

Un altro studio del 2017 suggerisce che la trypophobia è una risposta evolutiva per allertare una persona alla presenza di parassiti o altre malattie infettive.

I ricercatori spiegano che sulla base delle loro scoperte, le persone colpite dalla trofobia possono avere la percezione che queste immagini cluster siano segnali di ectoparassiti (parassiti, come le pulci, che vivono al di fuori dell’ospite) e patogeni trasmessi alla pelle (goccioline diffuse da tosse o starnuti).

Uno studio cinese ha valutato se i sintomi della trofobia nei bambini in età prescolare e il loro disagio fosse basato sulle caratteristiche degli stimoli visivi in ​​particolare, o come una paura subconscia di animali velenosi.

Mentre i ricercatori osservano che i bambini hanno provato disagio quando presentati con alcuni stimoli trofofici, teorizzano che il loro disagio non era correlato all’associazione subcosciente con animali velenosi ma era, in realtà, dovuto alle caratteristiche del modello di cluster stesso.

Trattamento

Mentre non esiste un trattamento specifico per la trofobia, ci sono alcuni trattamenti disponibili per le fobie in generale con vari tassi di successo. I trattamenti possono consistere in trattamenti di autoaiuto, terapia e farmaci.

Trattamenti di auto-aiuto e rimedi casalinghi

Medico psichiatrico che utilizza la compressa per CBT e la terapia di esposizione con il paziente.

Le persone possono intraprendere trattamenti di auto-aiuto da soli o con l’aiuto di un terapeuta o di un consulente.

Queste strategie possono o non possono essere efficaci nel trattamento delle fobie individuali e hanno vari tassi di successo. Alcune strategie di auto-aiuto includono quanto segue:

  • Modifiche dello stile di vita: comprendono esercizio fisico, alimentazione di alimenti salutari, buona igiene del sonno e l’eliminazione di caffeina e altri stimolanti.
  • Terapia cognitivo comportamentale (CBT): questa è una terapia parlante, che viene eseguita con un terapeuta o un consulente per esplorare come i pensieri causano sentimenti e comportamenti. I terapeuti lavorano con i clienti, incoraggiandoli a stabilire e raggiungere gli obiettivi.
  • Gruppo di auto-aiuto: molte persone trovano la terapia di gruppo molto utile.
  • Terapia dell’esposizione (desensibilizzazione): questo è un metodo di trattamento in cui un terapeuta espone una persona alla sua fobia in piccole dosi.
  • Tecniche di rilassamento: questo può includere tecniche basate sugli esercizi e metodi di visualizzazione.

farmaci

A volte, i medici prescrivono alcuni farmaci per trattare le fobie o gli effetti collaterali delle fobie, come l’ansia. I farmaci includono:

  • antidepressivi
  • tranquillanti
  • beta-bloccanti

Porta via

Una persona con tripofobia sperimenta sintomi come paura, disgusto, ansia, pelle d’oca e panico, nel vedere gruppi di piccoli buchi.

La tripofobia non è attualmente riconosciuta dall’American Psychiatric Association, e c’è una ricerca conflittuale sul fatto se la condizione sia, di fatto, una vera fobia.

Sono necessarie ulteriori ricerche in quest’area per convalidare la condizione.

Like this post? Please share to your friends: