Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La tubercolosi è una malattia autoimmune?

Mentre il tasso di tubercolosi negli Stati Uniti è diminuito negli ultimi 20 anni, in tutto il mondo, rimane una delle principali cause di morte. Ora, i ricercatori potrebbero aver fatto un passo verso lo sviluppo di nuovi vaccini e trattamenti per la malattia, dopo aver scoperto prove che suggeriscono che i batteri della tubercolosi ingannano il sistema immunitario danneggiando i polmoni, permettendo ai batteri di disperdere nell’aria.

[Batteri della tubercolosi]

La tubercolosi (TB) è una malattia infettiva causata dai batteri. Mentre i batteri attaccano principalmente i polmoni, possono anche colpire il cervello, la spina dorsale, i reni e altre parti del corpo.

è un batterio disperso nell’aria; quando una persona con TBC nei polmoni o la gola tossisce, starnutisce o parla, i batteri della tubercolosi entrano nell’aria, dove possono essere inalati da un’altra persona, anche se non tutte le persone infettate con i batteri si ammalano.

Tuttavia, lo scorso anno, la tubercolosi ha colpito circa 10,4 milioni di persone in tutto il mondo, causando circa 1,8 milioni di morti, il 95% dei quali si è verificato nei paesi a basso e medio reddito.

Mentre ci sono vaccini che possono prevenire la tubercolosi e i farmaci che possono curarla, i batteri della tubercolosi stanno diventando sempre più resistenti ai farmaci attuali.

L’anno scorso, circa 480.000 casi di tubercolosi in tutto il mondo erano resistenti ai farmaci multiresistenti e solo il 52% di questi casi è stato trattato con successo.

I batteri della TBC innescano l’autoimmunità

Ora, un nuovo studio potrebbe aprire la strada a nuovi vaccini e farmaci per la tubercolosi, dopo aver trovato prove che suggeriscono che la TB “mette in crisi” il sistema immunitario per attaccare i polmoni, consentendo ai batteri di diventare più contagiosi.

Il gruppo di ricerca – guidato dal Prof. Paul Elkington dell’Università di Southampton nel Regno Unito – ha esaminato una serie di studi pubblicati che hanno esaminato il processo di infezione della tubercolosi.

La recensione – pubblicata sulla rivista – dimostra che i batteri della TBC innescano l’autoimmunità, spingendo il sistema immunitario a lanciare un attacco sul tessuto polmonare sano.

“Sembra che la tubercolosi inganni il sistema immunitario a danneggiare il nostro stesso tessuto polmonare, il che rende quindi la persona altamente contagiosa attraverso la tosse e la tubercolosi poi si diffonde tramite goccioline di aerosol ad altri individui”.

Prof. Paul Elkington

I ricercatori ritengono che questa teoria sia fattibile, dato che alcuni pazienti affetti da tubercolosi presentano anche infiammazioni agli occhi e alle articolazioni e eruzioni cutanee – sintomi che non sono normalmente associati alla tubercolosi, ma che si presentano in alcune malattie autoimmuni.

“Questi sintomi sono solitamente associati a malattie come l’artrite reumatoide e il morbo di Crohn, che ci hanno portato a credere che l’autoimmunità svolga un ruolo chiave nel processo della malattia della tubercolosi”, osserva il prof. Elkington.

Gli autori sottolineano che è necessaria più ricerca per confermare se l’autoimmunità è coinvolta nell’infezione da tubercolosi; progettano di isolare le cellule dai pazienti con TB e utilizzano la microingegneria 3-D per determinare meglio come i batteri della TBC danneggiano i polmoni.

Se la loro ipotesi è dimostrata vera, i ricercatori ritengono che potrebbe avere implicazioni significative per lo sviluppo di nuovi vaccini e terapie farmacologiche per la tubercolosi.

Scopri come le cellule immunitarie “intasate” potrebbero mettere i fumatori a più alto rischio di TBC.

Like this post? Please share to your friends: