Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La vita dopo l’ictus: suggerimenti per recuperare le capacità comunicative

Ogni anno negli Stati Uniti, oltre 795.000 persone hanno un ictus, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Inoltre, la Stroke Association del Regno Unito nota che 1 persona su 3 sperimenterà problemi di comunicazione dopo un ictus.

Sfortunatamente, spesso giudichiamo le persone su come comunicano bene. Dall’esterno, una persona che ha difficoltà a parlare può sembrare avere difficoltà a pensare, ma questo non è necessariamente vero.

Per una persona che ha avuto un ictus, la capacità di pensare e comunicare dipende dalla parte o dalle parti del cervello che sono state colpite.

Avere un ictus può essere un’esperienza spaventosa e frustrante. Non essere in grado di dire alla gente cosa sta succedendo in seguito può estendere il trauma.

Anche gli amici e i familiari, da parte loro, possono trovarsi a loro agio. Possono sentirsi imbarazzati, persi per le parole, o potrebbero pensare che questa non sia più la persona che conoscevano una volta.

La riabilitazione post-ictus può aiutare le persone a recuperare alcune o tutte le loro abilità. I logopedisti sono specializzati nella comunicazione, ma i non specialisti possono anche svolgere un ruolo chiave.

Per gli amici e i parenti è importante capire che ciò che una persona esprime all’esterno, dopo un ictus, non è necessariamente ciò che sta accadendo nella loro testa. Dovrebbero anche ricordare che, anche se una persona affronta nuove sfide dopo aver sperimentato un ictus, sono ancora la stessa persona.

Questo articolo offrirà alcuni suggerimenti da persone che sono “state lì” che possono darci le competenze necessarie per aiutare qualcuno a tornare a comunicare dopo un ictus.

Fatti veloci su ictus

  • L’ictus può portare a paralisi o debolezza su un lato del corpo
  • Possono esserci difficoltà con il pensiero, la consapevolezza, l’attenzione, l’apprendimento, il giudizio e la memoria
  • Può essere difficile capire o formare parole
  • Umore ed emozioni possono essere influenzati.

Ulteriori informazioni su ictus

In che modo un ictus influisce sulla comunicazione?

Coppie senior che si siedono sulle sedie di legno in giardino che ha conversazione.

Un ictus è una lesione cerebrale che deriva da sanguinamento o da un blocco nel cervello. Gli effetti possono essere improvvisi o graduali e il danno può influire su vari aspetti della salute mentale e fisica.

Questi includono:

  • Capacità motorie
  • I sensi, comprese le reazioni al dolore
  • linguaggio
  • Pensiero e memoria
  • Emozioni.

Un ictus può influenzare l’uso della lingua da parte di una persona in vari modi.

Non solo l’elaborazione del linguaggio può essere compromessa, ma la paralisi o la debolezza fisica del viso, della lingua o dei muscoli della gola potrebbero rendere difficile deglutire, controllare la respirazione e formare suoni.

Il tipo e l’estensione dei problemi di comunicazione dipenderanno dalla forma dell’ictus e dal tipo di lesione che si è verificata. Anche il danno e i conseguenti livelli di abilità varieranno.

The Stroke Association descrive tre condizioni che influenzano la comunicazione dopo un ictus: afasia, disartria e disprassia. Una persona può sperimentare una o una combinazione di queste.

Afasia

L’afasia, o dispasia, deriva dal danno a uno dei “centri di controllo della lingua” nel cervello. Mentre influenza la comunicazione, non ha impatto sull’intelligenza. Può influire su un solo tipo di comunicazione, ad esempio la lettura, l’ascolto o la conversazione o una combinazione.

Il danno a una parte del cervello nota come area di Wernicke può portare ad afasia ricettiva.

Questo rende difficile capire frasi lunghe e complesse, specialmente se c’è rumore di fondo o se più di una persona sta parlando. La persona può sentirsi come se altri parlassero in una lingua straniera. Anche il loro stesso discorso potrebbe diventare incoerente.

Se c’è un danno all’area di Broca, l’afasia espressiva può risultare.

La persona può capire gli altri, ma non saranno in grado di spiegarsi. Possono pensare le parole, ma non possono parlarle o metterle insieme per fare frasi coerenti, grammaticalmente corrette.

Una persona con afasia espressiva può essere in grado di emettere suoni o pronunciare parole brevi o parti di frasi, ma potrebbero perdere parole importanti o usare la parola sbagliata. Potrebbero avere la parola “sulla punta della lingua”, ma non essere in grado di tirarlo fuori.

All’altoparlante può sembrare che stiano parlando normalmente, ma per un ascoltatore può sembrare un’assurdità. Gli ascoltatori possono credere che l’oratore sia confuso quando non lo sono. Non riescono a far passare le idee.

I danni che colpiscono più aree del cervello possono portare a un’afasia mista o globale con sfide in tutti gli aspetti della comunicazione. La persona non può più usare il linguaggio per trasmettere il pensiero.

Disartria e disprassia

La disartria e la disprassia si riferiscono alla produzione fisica dei suoni del linguaggio.

Una persona con disartria può trovare le parole, ma non possono formarle a causa di un problema fisico, come la debolezza muscolare. Ciò potrebbe causare l’insorgenza delle parole o di brevi raffiche. Questo slurring non riflette necessariamente lo stato mentale della persona. È probabile che solo la loro capacità di comunicare sia limitata.

La disprassia comporta difficoltà con il movimento e la coordinazione, in modo che i muscoli necessari per i suoni della parola potrebbero non funzionare correttamente o nell’ordine corretto. Anche questo può influenzare la parola.

Altre modifiche

Altre modifiche che possono rendere difficile contribuire alle conversazioni includono:

  • Una perdita di tono della voce, normalmente utilizzata per esprimere le emozioni
  • Risolta espressione facciale
  • Problemi nella comprensione dell’umorismo
  • Incapacità di alternare conversazioni.

Questi possono rendere la persona depressa, anche se non lo sono.

Alcune persone sono consapevoli del fatto che stanno vivendo questi cambiamenti. Se è così, far sapere agli altri qual è il problema può aiutare a combattere il problema.

Tuttavia, una persona con anosognosia non sarà in grado di riconoscere che qualcosa è sbagliato, a causa di una mancanza di intuizione derivante da danni al cervello. Questo può ostacolare il recupero.

Ulteriori problemi

A seconda del danno che si è verificato, i problemi di vista e udito possono influire anche sulla capacità di comunicazione e scrittura.

La stanchezza è un risultato comune dell’ictus. La conversazione potrebbe anche essere stancante, perché richiede così tanto sforzo.

Dopo un ictus, possono verificarsi cambiamenti di stress e personalità. Lo stress può esacerbare i problemi di comunicazione, soprattutto se la persona diventa impaziente con se stessa, o se gli altri diventano impazienti.

I cambiamenti dell’umore, a causa dell’effetto dell’ictus sul cervello, possono ulteriormente aumentare lo sforzo.

Cosa fa un logopedista?

[logoterapia]

La logopedia è una parte fondamentale della riabilitazione dopo un ictus.

Un logopedista aiuterà le persone con la deglutizione; questo può essere gravemente compromesso e ha un impatto sulla produzione linguistica.

Le attività di pratica linguistica che i logopedisti possono utilizzare comprendono esercizi intensivi in:

  • Ripetere le parole
  • Seguendo le indicazioni
  • Leggendo e scrivendo.

Esempi di pratiche più estese sono:

  • Coaching colloquiale
  • Discorso di prove
  • Sviluppare suggerimenti per aiutare le persone a ricordare parole specifiche
  • Elaborare modi per aggirare le disabilità linguistiche, come l’uso di simboli e linguaggio dei segni.

La tecnologia della comunicazione ha ampliato la gamma di modi per praticare e migliorare la comunicazione. Un esempio di ciò è la pressione di un tasto per attivare un simulatore vocale.

Alcuni suggerimenti da persone con esperienza di prima mano

hanno chiesto a due uomini, Peter Cline e Geoff, la loro esperienza nel riconquistare le capacità comunicative dopo un ictus. Peter, un ingegnere, ha avuto un ictus all’età di 59 anni quando stava appena iniziando una vacanza in Tasmania. Geoff, che gestiva la sua attività fino al suo ritiro, viveva in Spagna quando si ammalò.

Entrambi gli uomini hanno lavorato sodo per riacquistare le loro capacità comunicative.

Abbiamo chiesto quale consiglio avrebbero dato alla gente per aiutarli a comunicare con qualcuno dopo un ictus.

Ci hanno dato questo elenco di dos:

  • Guarda direttamente la persona quando parli con loro
  • Parli lentamente e chiaramente, ma usa un tono di voce normale
  • Usare frasi brevi e attenersi a un argomento alla volta
  • Assicurati che non ci sia rumore di fondo
  • Rassicurare la persona che capisci la loro frustrazione
  • Scrivi le cose, se ti sarà d’aiuto
  • Informati sull’occupazione, gli interessi e le passioni della persona – ora e prima dell’ictus – e cerca di metterti in relazione con questi
  • Dai alle persone la possibilità di dire quello che vogliono dire, senza saltare o correggerle.

Ci hanno anche dato alcune cose da non fare:

  • Non finire le frasi della persona per loro
  • Non parlare troppo velocemente
  • Non spingerli troppo
  • Non parlare alla persona mentre sta guidando, ad esempio, perché non riescono a concentrarsi
  • Non dare per scontato che, poiché la persona ha difficoltà a capire, devono essere stupidi
  • Non “parlare” con la persona o parlare con loro come se fossero bambini
  • Non continuare a “conigliare”.

Geoff ha detto che sente le sue capacità comunicative “andare su e giù”. Diventa più difficile per lui comunicare quando è stanco e quando ci sono più di due persone nella conversazione.

Sia Geoff che Peter hanno compiuto notevoli progressi nelle loro capacità comunicative e ognuno di loro ha offerto alcune parole di incoraggiamento per le persone che hanno avuto un ictus.

Il consiglio di Geoff è:

“Prenditi del tempo per riprenderti e, quando comunichi, prenditi del tempo per spiegare e non farti sentire precipitoso.”

Peter dice:

  • Perseverare e non mollare. Le cose miglioreranno gradualmente ma non così velocemente come vuoi
  • Aspettatevi picchi e depressioni nel vostro recupero
  • Divertiti a rilassarti con qualcosa che conosci, ad esempio, vecchi film, musica o qualunque sia il tuo “consolatore”.

Peter spiega che dopo un ictus, un individuo può sentire come se fosse all’interno di una bolla. “Aiuta se riesci a convincere qualcuno a capirlo”, dice.

Attività che possono aiutare

[album fotografico e conversazione]

Amici e familiari possono impegnarsi in attività di pratica regolare per aiutare qualcuno a recuperare le proprie capacità comunicative dopo un ictus.

Potrebbe essere utile organizzare regolari slot per la pratica della comunicazione, in un momento in cui la persona non sarà stanca.

Ecco alcune attività da condividere, in base ai singoli stili e gusti:

  • Canzoni, soprattutto se la persona era un cantante appassionato prima. Alcune persone possono cantare dopo un ictus, anche se non sanno parlare, perché il canto e il parlare usano diverse parti del cervello
  • Giochi di carte che coinvolgono la persona che dice il nome della carta
  • Un album fotografico, per condividere e discutere le persone e gli eventi nelle immagini
  • Un file personale, con informazioni sulla vita, i lavori e la famiglia della persona, al fine di fornire argomenti di conversazione e indizi non verbali quando l’accesso alle parole chiave è difficile
  • Un diario, con registrazioni di visite, eventi e conversazioni. Amici e familiari possono essere incoraggiati a scrivere in esso, per aiutare la persona a seguire i loro progressi
  • Notizie da leggere in anticipo e discutere durante la sessione.

Se una conversazione importante è in arrivo – con la compagnia assicurativa o l’ospedale, per esempio – queste slot possono essere un buon posto per prepararsi.

Altri suggerimenti per l’auto-aiuto

Se una persona ha difficoltà a esprimere una parola o un’idea, incoraggiarle a scrivere o disegnare ciò che significano può aiutare. Alcune persone possono scrivere una parola, anche se non possono dirlo.

Le strategie che le persone hanno usato per praticare da sole includono:

  • Ripetendo suoni vocali, come vocali e consonanti
  • Usare libri per bambini per praticare la lettura e la scrittura
  • Recitare poesie o filastrocche
  • Dicendo i nomi di famosi personaggi dello sport
  • Guardare le notizie e copiare come parla il lettore di notizie
  • Perseverare nella conversazione con amici o familiari, per quanto difficile sia

È importante per gli amici e la famiglia continuare a trattare la persona come un adulto intelligente, e essere consapevoli che mentre la loro capacità di comunicare è cambiata, la loro identità non ha. Sono ancora chi sono, con interessi, abilità e un passato.

Inoltre, ognuno è diverso e gli effetti dell’ictus variano. Per questo motivo, non ci sarà una soluzione “one-size-fits-all”.

Il pieno recupero non è sempre possibile, ma pazienza, aiuto, supporto e pratica possono aiutare molto le persone a recuperare le loro capacità comunicative dopo un ictus.

Like this post? Please share to your friends: