Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La vitamina B-3 può aiutare a prevenire il melanoma?

In una nuova recensione, i ricercatori sostengono che la nicotinamide potrebbe avere il potenziale per prevenire il melanoma – la forma più letale di cancro della pelle – e dicono che dovrebbe essere testato a tale scopo negli studi clinici.

supplementi di vitamina b3

La nicotinammide, nota anche come niacinamide, è una forma di vitamina B-3 o niacina. È presente in una varietà di alimenti, tra cui latte, uova, pesce, verdure verdi e carni magre. È anche disponibile come integratore alimentare.

La nicotinammide è già riconosciuta come un farmaco efficace per abbassare il colesterolo ed è anche usata per la prevenzione e il trattamento della pellagra, che è una malattia causata dalla carenza di niacina.

La nuova recensione – condotta dal Prof. Gary Halliday, dell’Università di Sydney in Australia, e colleghi – suggerisce che la nicotinamide potrebbe anche aiutare a prevenire il melanoma, in particolare nelle persone ad alto rischio di malattia.

Il Prof. Halliday e il suo team hanno recentemente riportato i loro risultati sul diario.

Il melanoma è una forma di cancro della pelle che inizia nei melanociti. Queste sono cellule della pelle che producono un pigmento chiamato melanina, che lavora per proteggere gli strati più profondi della pelle contro gli effetti nocivi delle radiazioni ultraviolette (UV).

Secondo l’American Cancer Society, quest’anno ci saranno 87.110 nuovi casi di melanoma diagnosticati negli Stati Uniti, e circa 9.730 persone moriranno a causa della malattia.

L’esposizione alle radiazioni UV è considerata un fattore di rischio chiave per il melanoma; danneggia il DNA nelle cellule della pelle. Questo danno al DNA può far perdere il controllo alle cellule della pelle, il che può portare al cancro.

La nicotinammide stimola la riparazione del DNA della pelle

Mentre la protezione solare è ampiamente raccomandata per la prevenzione del cancro della pelle, il Prof. Halliday e il team dicono che i benefici della protezione solare per la prevenzione del melanoma sono “inconcludenti”.

“Questi risultati contrastanti possono derivare da un’applicazione insufficiente […] e dalla riapplicazione della protezione solare e dall’aumentata motivazione a prendere il sole, a patto che venga applicata la protezione solare”, scrivono gli autori.

Tuttavia, i ricercatori dicono che ci sono un certo numero di altri agenti che hanno mostrato la promessa per la prevenzione del melanoma – uno dei quali è la nicotinamide.

Per la loro ricerca, il Prof. Halliday e colleghi hanno esaminato numerosi studi che hanno precedentemente studiato gli effetti della nicotinamide sulle cellule tumorali del melanoma. I risultati suggeriscono che la vitamina può essere un candidato efficace per la prevenzione, specialmente per i pazienti ad alto rischio di melanoma.

Il team cita una serie di ricerche che rivelano come la nicotinamide possa proteggere la pelle dagli effetti nocivi delle radiazioni UV. Ad esempio, studi condotti su linee cellulari umane hanno dimostrato che la nicotinamide può potenziare la riparazione del DNA in risposta all’esposizione ai raggi UV.

La ricerca ha anche indicato che la vitamina potrebbe ridurre l’immunosoppressione e l’infiammazione, entrambe note per contribuire allo sviluppo del cancro.

“La nicotinammide riempie le riserve energetiche delle cellule, che sono impoverite dall’esposizione ai raggi UV.Questa energia extra consente alle cellule di riparare qualsiasi danno al DNA in modo più efficiente, e aiuta anche a ridurre gli effetti immunosoppressori della luce solare sulla pelle”, ha studiato il co-autore Prof. Diona Damian, anche dell’Università di Sydney, ha detto.

Con questo in mente, il team ipotizza che la nicotinamide possa ridurre il rischio di melanoma.

Sperimentazioni cliniche giustificate

Nella loro recensione, il Prof. Halliday e colleghi hanno discusso i risultati dello studio La nicotinamide orale per ridurre lo studio del carcinoma attinico, che era uno studio clinico di fase III sulla nicotinamide per la prevenzione dei tumori della pelle non melanoma (NMSC).

Il processo ha coinvolto 386 partecipanti, ognuno dei quali era stato diagnosticato con almeno due tumori della pelle non melanoma negli ultimi 5 anni.

I partecipanti sono stati randomizzati a uno dei due gruppi: un gruppo ha assunto 500 milligrammi di nicotinamide al giorno per 12 mesi, mentre l’altro gruppo ha ricevuto un placebo.

Nel periodo di 12 mesi, lo sviluppo di nuovi tumori della pelle non melanoma è risultato inferiore del 23% per i soggetti che hanno assunto nicotinamide, rispetto a quelli che hanno assunto un placebo.

Mentre questo studio non è stato in grado di indagare gli effetti della nicotinamide contro il melanoma – a causa di pochi casi di malattia tra i partecipanti – il Prof. Halliday e il team dicono che i risultati suggeriscono che vale la pena condurre studi clinici per valutare come la vitamina può fare contro questo cancro della pelle mortale.

“Per valutare l’incidenza del melanoma, la coorte avrebbe bisogno di reclutare individui ad alto rischio di melanoma, come quelli con un precedente melanoma, [o] quelli con una suscettibilità genetica a sviluppare melanomi”, notano gli autori.

“Lo studio è stato condotto anche su un periodo di 12 mesi”, aggiungono, “ed è probabile che un periodo di prova più lungo, e una coorte di studio molto più ampia, sia necessario per valutare adeguatamente l’incidenza dei melanomi, che sono molto meno frequenti rispetto agli NMSC. “

In conclusione alla loro recensione, il Prof. Halliday e il team dicono:

“Sulla base delle attuali evidenze cliniche sull’uso di NAM [nicotinamide] in NMSC e studi precoci in vitro condotti con melanociti e cellule di melanoma, studi randomizzati controllati verso placebo sono ora garantiti per determinare l’efficacia e la sicurezza del NAM per la prevenzione del melanoma in alta pazienti a rischio. “

Nel frattempo, i ricercatori sottolineano che la nicotinamide non deve essere considerata un’alternativa agli attuali comportamenti di protezione solare.

“La nicotinamide dovrebbe essere usata solo come misura aggiuntiva, in combinazione con un comportamento solare ragionevole, crema solare e indumenti protettivi del sole, e solo nelle persone ad alto rischio di cancro della pelle”, ha detto il prof. Damian.

Like this post? Please share to your friends: