Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La vitamina C ad alto dosaggio rende il trattamento del cancro più efficace, dimostrazioni di prova

Le opzioni terapeutiche comuni per il cancro, come la chemioterapia e la radioterapia, possono essere costose e talvolta inefficaci. Tuttavia, un nuovo studio clinico verifica l’effetto della vitamina C ad alte dosi in combinazione con un trattamento standard sugli esiti di salute per i pazienti con cancro.

[arancia con pillole di vitamina C]

Negli anni ’70 e ’80, il vincitore del premio Nobel Linus Pauling, insieme al chirurgo Ewan Cameron, ha inizialmente ipotizzato i benefici clinici della vitamina C nel trattamento delle persone affette da cancro.

Da allora, ulteriori studi su animali e colture di cellule tumorali hanno suggerito che un’alta concentrazione di acido ascorbico potrebbe prevenire e curare il cancro.

Studi più recenti hanno esaminato l’effetto combinato della vitamina C ad alte dosi e del trattamento convenzionale del cancro. Alcune di queste ricerche hanno dimostrato che i pazienti che hanno ricevuto il trattamento combinato hanno avuto una progressione più lenta della malattia, mentre altri hanno suggerito che gli effetti collaterali della chemioterapia erano meno pronunciati tra coloro che assumevano alte dosi di vitamina C.

Per ottenere una dose elevata in questi studi, la vitamina C viene solitamente somministrata mediante infusione endovenosa. La vitamina C ha una breve emivita di sole 2 ore nel corpo umano, motivo per cui deve essere somministrata ad alte dosi come trattamento.

Un nuovo studio clinico studia l’effetto di somministrare tra 800 e 1.000 volte la dose giornaliera raccomandata di vitamina C a pazienti con cancro al cervello e ai polmoni.

La nuova ricerca è stata condotta da scienziati dell’Università dell’Iowa di Iowa City, ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista.

La vitamina C supera la prova di sicurezza umana

Come parte dello studio sulla sicurezza umana, a 11 pazienti con tumore al cervello sottoposti a chemioterapia standard e radioterapia sono stati somministrati anche tre infusioni endovenose settimanali di vitamina C per 2 mesi e poi due infusioni settimanali per 7 mesi.

Ogni infusione ha aumentato i livelli ematici di vitamina C dei pazienti a 20.000 micromoli (μM). Il livello medio di vitamina C negli adulti è di circa 70 μM.

Nel complesso, il trattamento è stato ben tollerato. Il team ha notato pochissimi effetti collaterali minori, come la secchezza delle fauci o episodi rari e brevi di ipertensione.

Questo test di sicurezza è stata la prima fase di una serie di studi clinici che esamineranno se la vitamina C ad alte dosi possa effettivamente aumentare la durata della vita e la qualità della vita dei pazienti trattati con chemioterapia e radioterapia.

Per ora, i dati dello studio di fase I mostrano che i pazienti con glioblastoma sono sopravvissuti per 4-6 mesi in più rispetto al tempo di sopravvivenza medio osservato in pazienti sottoposti a trattamento convenzionale da solo. Nello specifico, i pazienti che hanno ricevuto alte dosi di acido ascorbico sono sopravvissuti per 18-22 mesi rispetto ai 14-16 mesi, che è il tipico tasso di sopravvivenza per il glioblastoma.

Per la prossima fase II degli studi clinici, gli scienziati esamineranno gli effetti della vitamina C in soggetti con carcinoma polmonare allo stadio 4 e in quelli con tumori cerebrali altamente aggressivi, come il glioblastoma.

Come la vitamina C indebolisce le cellule tumorali

Il meccanismo che potrebbe spiegare la potenziale efficacia della vitamina C nel trattamento del cancro del polmone e del cervello riguarda il metabolismo delle cellule tumorali.

Come conseguenza del metabolismo difettoso che si verifica all’interno dei mitocondri delle cellule tumorali, queste cellule producono livelli anormalmente elevati di cosiddette molecole di ferro attivo redox. Queste molecole reagiscono con la vitamina C e formano perossido di idrogeno e radicali liberi derivati ​​dal perossido di idrogeno.

Gli scienziati pensano che questi radicali liberi causino la morte delle cellule cancerogene danneggiando il DNA delle cellule. Si pensa inoltre che i radicali liberi indeboliscano le cellule tumorali e le rendano più vulnerabili alla radioterapia e alla chemioterapia.

“Questo documento rivela una fragilità metabolica nelle cellule tumorali che si basa sulla propria produzione di agenti ossidanti che ci consente di utilizzare composti redox attivi esistenti, come la vitamina C, per sensibilizzare le cellule tumorali a radiazioni [terapia] e chemioterapia”.

Garry Buettner, coautore dello studio

L’autore co-senior Douglas Spitz commenta anche il significato dei risultati:

“Questo è un esempio significativo di come conoscere dettagliatamente i potenziali meccanismi e la scienza di base dei composti redox attivi nel cancro rispetto alle cellule normali possa essere sfruttato clinicamente nella terapia del cancro”, spiega. “Qui, abbiamo verificato in modo convincente che gli aumentati ioni metallici redox attivi nelle cellule tumorali erano responsabili di questa sensibilità differenziale del cancro rispetto alle cellule normali a dosi molto elevate di vitamina C.”

Se l’approccio si dimostra efficace anche nelle future sperimentazioni cliniche, il nuovo trattamento potrebbe anche essere significativamente meno costoso rispetto al trattamento standard. Per mettere questo in prospettiva, 9 mesi di trattamento con vitamina C per via endovenosa come parte della sperimentazione di fase II attualmente costa meno di una dose di chemioterapia.

“La maggior parte dei pazienti oncologici con cui lavoriamo è entusiasta di partecipare a sperimentazioni cliniche che potrebbero portare benefici ai futuri esiti dei pazienti lungo la linea.I risultati sembrano promettenti ma non sapremo se questo approccio migliora veramente la risposta alla terapia fino al completamento di questi studi di fase II “.

Bryan Allen, autore co-senior

Scopri come la vitamina C può bersagliare e uccidere le cellule staminali cancerose.

Like this post? Please share to your friends: