Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La vitamina D-3 potrebbe “invertire” il danno al cuore

Analizzando l’effetto che la vitamina D-3 ha sulle cellule che compongono il rivestimento dei vasi sanguigni, gli scienziati della Ohio University di Athens, OH, hanno identificato per la prima volta il ruolo che la “vitamina del sole” gioca nel preservare la salute cardiovascolare .

integratori di vitamina D nel cuore

In un articolo pubblicato nel, descrivono come hanno usato i nanosensori e un modello cellulare per identificare i meccanismi molecolari che la vitamina D-3 può innescare nell’endotelio, che è il sottile strato di tessuto che allinea i vasi sanguigni.

In precedenza si riteneva che l’endotelio non avesse altro scopo se non quello di agire come un “involucro” inerte del sistema vascolare, consentendo all’acqua e agli elettroliti di entrare e uscire dal flusso sanguigno.

Tuttavia, i progressi degli ultimi 30 anni hanno rivelato che l’endotelio si comporta più come un organo che ricopre l’intero sistema circolatorio dal “cuore ai più piccoli capillari” e le cui cellule svolgono molte funzioni biologiche uniche.

Le modifiche all’endotelio sono state collegate a diversi seri problemi di salute, tra cui ipertensione, insulino-resistenza, diabete, crescita tumorale, infezioni virali e aterosclerosi, che è una condizione in cui depositi di grasso possono accumularsi nelle arterie e aumentare il rischio di cuore attacco e ictus.

La vitamina D-3 ha un ruolo oltre la salute delle ossa

Il nuovo studio suggerisce che la vitamina D-3 – una versione della vitamina D che i nostri corpi producono naturalmente quando esponiamo la nostra pelle al sole – svolge un ruolo chiave nel preservare e ripristinare il danno all’endotelio che si verifica in queste malattie.

Alcune altre fonti naturali di vitamina D-3 includono tuorli d’uovo e pesce grasso. È anche ottenibile sotto forma di integratori. La vitamina D-3 è già nota per il suo ruolo nella salute delle ossa.

“Tuttavia,” spiega l’autore senior Tadeusz Malinski, un professore nel dipartimento di chimica e biochimica, “negli ultimi anni, in contesti clinici, le persone riconoscono che molti pazienti che hanno un infarto avranno una carenza di D-3”.

“Ciò non significa che il deficit abbia causato l’infarto”, aggiunge, “ma ha aumentato il rischio di infarto”.

I nanosensori hanno rilevato l’effetto del D-3 sulle cellule

Per il loro studio, il Prof. Malinski e colleghi hanno sviluppato un sistema di misurazione che utilizza nanosensori, o minuscole sonde che sono 1.000 volte più piccole dello spessore dei capelli umani e che possono operare a livello di atomi e molecole.

Hanno usato i nanosensori per tracciare l’impatto della vitamina D-3 sui meccanismi molecolari nelle cellule endoteliali umane che erano stati trattati per mostrare lo stesso tipo di danno che si verifica a causa della pressione alta.

I risultati suggeriscono che la vitamina D-3 è un potente innesco di ossido nitrico, che è una molecola che svolge un importante ruolo di segnalazione nel controllo del flusso sanguigno e la formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni.

I ricercatori hanno anche scoperto che la vitamina D-3 riduce significativamente lo stress ossidativo nel sistema vascolare.

Notano che il loro studio “fornisce una visione molecolare diretta delle osservazioni precedentemente pubblicate che hanno suggerito che l’ipertensione indotta da carenza di vitamina D-3 è associata allo stress ossidativo vascolare”. Gli effetti della vitamina D-3 erano simili nelle cellule endoteliali sia caucasiche che afro-americane.

Potrebbe D-3 invertire il danno cardiovascolare?

Gli autori dello studio osservano che, mentre i loro risultati provengono da test eseguiti su un modello cellulare di ipertensione, “le implicazioni dell’influenza della vitamina D-3 sull’endotelio disfunzionale sono molto più ampie”.

Essi suggeriscono che la vitamina D-3 ha il potenziale per invertire in modo significativo il danno che l’ipertensione, il diabete, l’aterosclerosi e altre malattie infliggono al sistema cardiovascolare.

“Non ce ne sono molti”, aggiunge il professor Malinski, “se esistono, sistemi noti che possono essere utilizzati per ripristinare le cellule endoteliali cardiovascolari che sono già danneggiate e la vitamina D-3 può farlo”.

“Questa è una soluzione molto economica per riparare il sistema cardiovascolare, non dobbiamo sviluppare un nuovo farmaco, ce l’abbiamo già”.

Prof. Tadeusz Malinski

Like this post? Please share to your friends: