Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La vitamina D può aumentare la sopravvivenza per i pazienti con cancro al seno

Il cancro al seno è la forma più comune di cancro nelle donne, indipendentemente dall’etnia o dalla razza. Ricerche precedenti hanno suggerito che la vitamina D può avere un effetto positivo nella terapia antitumorale e un nuovo studio correla i tassi di sopravvivenza del cancro al seno con livelli di vitamina D.

[Primo piano del busto femminile che indossa un nastro per il cancro al seno]

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riportano che negli Stati Uniti, circa 220.000 donne sono diagnosticate con cancro al seno ogni anno. Nel 2013 a 230.815 donne è stato diagnosticato un cancro al seno e 40.860 sono deceduti a causa della malattia.

I ricercatori hanno precedentemente suggerito che la vitamina D potrebbe essere utile nel trattamento del cancro.

Alcuni studi hanno suggerito che il metabolita attivo della vitamina D, noto come calcitriolo, potrebbe essere anticancro. L’amministrazione del calcitriolo nei topi ha dimostrato di arrestare la proliferazione e la crescita delle cellule tumorali, ridurre la formazione dei vasi sanguigni tumorali e stimolare la morte cellulare.

Anche se non ci sono ancora abbastanza prove cliniche nell’uomo per dimostrarlo, alcuni studi clinici e preclinici indicano che evitare la carenza di vitamina D e assumere supplementi di vitamina D potrebbe essere un modo economico e sicuro per prevenire il cancro e migliorare la prognosi nei pazienti già diagnosticati la malattia.

Associando vitamina D con tassi di sopravvivenza del cancro al seno

Un nuovo studio condotto dal Dr. Song Yao, del Roswell Park Cancer Institute di Buffalo a New York, ha analizzato i dati di 1.666 donne con diagnosi di cancro al seno.

I pazienti avevano partecipato al Pathways Study, uno studio di coorte di sopravvissuti al cancro al seno istituito nel 2006 presso la Kaiser Permanente Northern California.

Fatti veloci sul cancro al seno

  • Quest’anno, negli Stati Uniti verranno diagnosticati circa 246.660 nuovi casi di carcinoma mammario invasivo.
  • Circa 40.450 donne americane moriranno di cancro al seno nel 2016
  • Ci sono oltre 2,8 milioni di sopravvissuti al cancro al seno negli Stati Uniti.

Scopri di più sul cancro al seno

I ricercatori hanno esaminato i livelli del biomarcatore della vitamina D 25-idrossivitamina D (25OHD) al momento della diagnosi e li hanno associati alla prognosi di sopravvivenza.

Come parte del follow-up dello studio Pathways, i pazienti sono stati controllati per verificare le comorbidità e la salute generale a intervalli regolari: 12, 24, 48, 72 e 96 mesi.

I ricercatori hanno analizzato i dati per oltre un anno, dal 5 gennaio 2014 al 15 marzo 2015, ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista

L’età media dei pazienti monitorati era di 58,7 anni. Complessivamente, metà dei pazienti era carente di vitamina D e oltre un terzo aveva livelli insufficienti di vitamina D.

I ricercatori hanno trovato un livello inferiore del biomarker della vitamina D nelle donne con tumori in stadio avanzato. I livelli più bassi sono stati trovati in donne in premenopausa con cancro triplo negativo.

Il carcinoma mammario triplo negativo è un tipo di tumore che risulta negativo per i recettori degli estrogeni, i recettori del progesterone e la proteina HER2.

I livelli di 25OHD erano anche inversamente proporzionali alla progressione della malattia e al tasso di mortalità.

Livelli più bassi di 25OHD erano associati a stadio e grado di tumore più alti e le donne con i livelli più alti di 25OHD avevano tassi di sopravvivenza più elevati in generale.

Anche i livelli di 25OHD sono aumentati proporzionalmente con l’assunzione di vitamina D e l’assunzione supplementare.

“I nostri risultati forniscono prove osservazionali convincenti per le associazioni inverse tra i livelli di vitamina D e il rischio di progressione e morte del cancro al seno”, concludono gli autori.

Sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire la causalità

Gli autori mettono in guardia contro la possibilità che le associazioni di vitamina D siano indicative di un aspetto più generale della propria salute, piuttosto che essere specifico per i pazienti con cancro mammario.

Inoltre avvertono che le concentrazioni di 25OHD variano con i cambiamenti ambientali e fisiologici. Tuttavia, gli autori hanno adattato il loro studio per tener conto di questi cambiamenti, così come per la chemioterapia e altre forme di trattamento che potrebbero aver influenzato i livelli di vitamina D.

Il dott. Yao e il team osservano che sebbene il loro studio non indichi la causalità in sé, le loro scoperte sembrano confermare la letteratura precedente che aveva suggerito una relazione causale tra i livelli di 25OHD e la sopravvivenza del cancro.

Tuttavia, per stabilire la causalità con un più alto grado di certezza, i ricercatori dovrebbero implementare studi clinici randomizzati, somministrando integratori di vitamina D e farmaci placebo a pazienti oncologici.

Tali studi clinici potrebbero non essere del tutto fattibili, avvertono gli autori, a causa del riconoscimento pubblico di benefici della vitamina D per i malati di cancro, nonché della carenza di vitamina D o dell’insufficienza riscontrata nelle donne con carcinoma mammario. Uno studio di fattibilità ha rivelato che l’84,4% dei pazienti con tumore al seno diagnosticato di recente aveva già iniziato a prendere integratori di vitamina D.

Leggi come la carenza di vitamina D può aumentare il rischio di cancro alla vescica.

Like this post? Please share to your friends: