Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La vitamina D può proteggere dal cancro

I ricercatori forniscono ulteriori prove che la vitamina D possa proteggere dal cancro, dopo aver scoperto che le persone dal Giappone avevano un rischio più basso della malattia quando avevano livelli più alti di “vitamina del sole”.

vitamina D sulla sabbia con occhiali da sole

I risultati dello studio – che è uno dei primi a indagare il legame tra i livelli di vitamina D e il rischio di cancro in una popolazione asiatica – sono stati recentemente pubblicati in Italia.

La ricerca è stata condotta da Taiki Yamaji, dal Center for Public Health Sciences del National Cancer Center in Giappone e dai suoi colleghi.

La vitamina D è una vitamina essenziale per i nostri corpi. Non solo aiuta a mantenere i livelli di calcio per una buona salute delle ossa; svolge anche un ruolo significativo nel funzionamento del sistema immunitario, nella comunicazione neuronale e nel funzionamento muscolare.

Il National Institute of Health (NIH) afferma che gli adulti dovrebbero mirare a ottenere circa 600 unità internazionali di vitamina D ogni giorno.

La principale fonte di vitamina D del corpo è la luce solare, motivo per cui viene spesso indicata come “vitamina del sole”. Possiamo anche ottenere la vitamina D da determinati alimenti, tra cui salmone, tonno e formaggio, nonché da integratori alimentari, che sono disponibili per l’acquisto online.

Ricerche precedenti hanno suggerito che bassi livelli di vitamina D sono un fattore di rischio per alcuni tipi di cancro e che l’aumento dei livelli di vitamina potrebbe aiutare a proteggere dalla malattia.

Tuttavia, Yamaji e colleghi sottolineano che la maggior parte della ricerca sulla vitamina D e il rischio di cancro fino ad oggi si è concentrata sulle popolazioni bianche.

“Dato che le concentrazioni di vitamina D e il metabolismo variano in modo sostanziale per razza / etnia”, osservano i ricercatori, “resta da chiarire se associazioni simili vengano osservate anche in popolazioni non caucasiche”.

Con questo in mente, i ricercatori hanno cercato di determinare in che modo i livelli di vitamina D influenzano il rischio di cancro negli adulti giapponesi.

Il rischio complessivo di cancro si riduce di un quinto

I ricercatori hanno analizzato i dati di 33.736 giapponesi che facevano parte dello studio prospettico basato sul Centro di salute pubblica giapponese. Avevano un’età compresa tra i 40 e i 69 anni e sono stati seguiti per una media di 16 anni.

Campioni di sangue sono stati prelevati da ciascun partecipante alla linea di base dello studio. Questi sono stati valutati per i livelli di 25-idrossivitamina D, che è la forma circolante di vitamina D.

I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi in base ai loro livelli di vitamina D, che vanno dal più basso al più alto. Sono state inoltre raccolte informazioni sulla storia medica dei soggetti e sui loro fattori dietetici e di stile di vita.

Durante il periodo di follow-up di 16 anni, sono stati identificati in totale 3.301 nuovi casi di cancro tra i partecipanti allo studio.

Rispetto ai soggetti che avevano i livelli più bassi di vitamina D, quelli con un livello più alto avevano un rischio di cancro del 20% più basso nel complesso, riporta il team.

Questo risultato è persistito dopo aver considerato una miriade di fattori confondenti, tra cui l’età, l’indice di massa corporea (BMI), i livelli di attività fisica, lo stato di fumo e l’assunzione di alcol.

Guardando i tumori specifici, i ricercatori hanno scoperto che un livello più elevato di vitamina D era associato a un rischio inferiore del 30-50% di cancro al fegato, con un rischio ridotto di essere più prominente negli uomini.

Livelli più elevati di vitamina D non erano collegati a un rischio più basso di cancro ai polmoni o di cancro alla prostata, secondo quanto riferito dal team, e non è stata trovata alcuna associazione tra livelli più elevati di vitamina D e un aumento del rischio di cancro.

Un possibile “effetto soffitto”

Yamaji e colleghi avvertono che i loro risultati sono esclusivamente osservazionali, quindi non si possono trarre conclusioni sul legame tra vitamina D e rischio di cancro.

Inoltre, lo studio ha alcune limitazioni importanti. Ad esempio, sottolineano che nella loro analisi c’era solo un piccolo numero di tumori organo-specifici.

Inoltre, notano che è possibile che alcuni fattori di rischio di cancro che non sono stati considerati in questo studio potrebbero aver influenzato i risultati.

Tuttavia, i ricercatori dicono che i loro risultati “supportano l’ipotesi che la vitamina D abbia effetti protettivi contro il cancro in molti siti”.

Detto questo, i risultati indicano che esiste un “effetto soffitto” per la vitamina D e il rischio di cancro. In altre parole, c’è un livello ottimale di vitamina D che ci protegge dal cancro, ma andare oltre questo livello non offre ulteriori benefici.

“Sono necessari studi futuri”, concludono i ricercatori, “per chiarire il modello dose-risposta e le concentrazioni ottimali di [vitamina D] per la prevenzione del cancro”.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: