Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Latte A2: cosa devi sapere

Il latte è un alimento dietetico popolare in molti paesi occidentali. Le fonti di latte e prodotti lattiero-caseari includono mucche, pecore, cammelli, capre e altri. Fonti alternative che non coinvolgono animali includono soia, cocco, mandorle, lino, riso e canapa.

Recentemente, un nuovo tipo di latte vaccino è apparso nei corridoi della latteria. Questo prodotto, chiamato latte A2, ha attirato l’attenzione di consumatori e scienziati.

I sostenitori del latte A2 affermano che è più facile da digerire e assorbire rispetto ad altri tipi di latte. Questo articolo fornisce una panoramica del latte A2, i suoi possibili benefici e rischi per la salute e la ricerca attuale che circonda il prodotto.

Differenze tra latte A1 e A2

Latte versato

Il latte è una buona fonte di proteine, contenente 8 grammi (g) per 8 once di vetro (oz). Le due principali proteine ​​del latte sono caseina e siero di latte.

La caseina rappresenta circa l’80% delle proteine ​​nel latte. Esistono anche diversi tipi di caseina, una delle quali è chiamata beta-caseina.

La beta-caseina costituisce circa il 30 percento delle proteine ​​nel latte vaccino. A1 e A2 sono due varianti di beta-caseina.

Storicamente, le mucche producevano latte che conteneva solo la forma A2 di beta-caseina. Oggi, la maggior parte del latte disponibile nel negozio di alimentari locale contiene principalmente proteine ​​A1.

Storia

Mucche da latte.

Le proteine ​​A1 e A2 influenzano il corpo in modo diverso.

Quando la proteina A1 viene digerita nell’intestino tenue, produce un peptide chiamato beta-casomorphin-7 (BCM-7). L’intestino assorbe BCM-7 e quindi passa nel sangue. I medici hanno collegato BCM-7 al disagio allo stomaco e sintomi simili a quelli vissuti da persone con intolleranza al lattosio.

La struttura della proteina A2 è più simile al latte materno umano, così come il latte di capre, pecore e bufali.

Nel 2000, uno scienziato in Nuova Zelanda fondò la a2 Milk Company. Questa azienda fornisce latte da mucche che producono solo la proteina A2.

La a2 Milk Company testa il DNA delle loro mucche usando un campione di capelli, per garantire che gli animali producano solo latte contenente proteina A2. L’azienda testa il latte dopo la produzione, per assicurarsi che non contenga proteine ​​A1.

Benefici

I sintomi di fastidio allo stomaco, come gas, gonfiore e diarrea che si verificano dopo aver consumato prodotti caseari, sono tipicamente attribuiti all’intolleranza al lattosio. Tuttavia, alcuni ricercatori ritengono che sia BCM-7, non il lattosio, che influisce sulla digestione e produce sintomi simili all’intolleranza al lattosio, in alcune persone.

Uno studio condotto su adulti cinesi con intolleranza al latte auto-riferita ha confrontato gli effetti del consumo di latte normale che conteneva proteine ​​A1 e A2 con latte solo A2 sulla funzione intestinale, disagio allo stomaco e infiammazione.

I partecipanti hanno consumato 8 once di latte due volte al giorno per 2 settimane. Hanno riferito un peggior mal di stomaco dopo aver consumato il latte normale, ma nessun cambiamento nei sintomi dopo aver bevuto il latte A2.

I partecipanti hanno anche riferito sgabelli più frequenti e più uniformi mentre bevevano il latte normale. Questi sintomi non si sono verificati dopo aver consumato il latte A2.

Effetti potenzialmente dannosi

Alcuni di questi effetti possono includere:

Infiammazione

Nello stesso studio sopra menzionato, i ricercatori hanno anche esaminato i marcatori di infiammazione nel sangue. Hanno trovato che i partecipanti avevano livelli più alti di marcatori infiammatori dopo aver bevuto il latte normale.

Funzione cerebrale

La ricerca ha dimostrato che il latte potrebbe avere un impatto sulla funzione cerebrale. I partecipanti allo studio hanno impiegato più tempo per elaborare le informazioni e hanno commesso più errori in un test dopo aver bevuto latte normale rispetto al latte A2.

Diabete di tipo 1

Misurazione della glicemia.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca le cellule responsabili della produzione di insulina. Di solito diagnosticato in bambini o adolescenti, l’incidenza del diabete di tipo 1 è in aumento in tutto il mondo. I fattori genetici e ambientali, come la dieta, svolgono un ruolo nel processo della malattia.

Alcuni studi hanno dimostrato che i bambini che bevono proteine ​​del latte vaccino in età precoce rispetto ad altri hanno un rischio più elevato di sviluppare il diabete di tipo 1. Tuttavia, altri studi non hanno mostrato la stessa associazione.

La ricerca suggerisce anche che la quantità di latte che un bambino consuma potrebbe influenzare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1, con un consumo di latte più elevato osservato nei bambini che sviluppano la condizione.

Almeno uno studio ha mostrato un legame tra il consumo di proteina A1 e l’incidenza del diabete di tipo 1, sebbene questo tipo di studio non provi che si tratta di una causa diretta.

Alcuni studi su animali hanno mostrato associazioni tra il consumo di latte vaccino e una maggiore incidenza di diabete di tipo 1. Uno studio condotto su topi ha rilevato che il 47% dei topi che avevano aggiunto la proteina A1 alla loro dieta sviluppava il diabete, mentre nessuno che aveva aggiunto la proteina A2 lo faceva.

Tuttavia, altre ricerche non supportano l’ipotesi che esista un’associazione tra il consumo di latte e una maggiore incidenza di diabete di tipo 1.

Malattia del cuore

Uno studio su conigli ha esaminato l’effetto delle proteine ​​A1 e A2 sui livelli di colesterolo. I conigli alimentati con la proteina A1 hanno sviluppato un aumento dei loro livelli di colesterolo, ma lo studio era piccolo ei risultati non possono essere generalizzati all’uomo.

Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che il consumo di proteina A1 fosse associato a un rischio più elevato di malattie cardiache, ma molti studi non hanno riscontrato tassi più elevati di malattie cardiache nelle persone che bevono più latte.

Cancro

L’elevato apporto di calcio dai prodotti lattiero-caseari è associato a un possibile aumento del rischio di cancro ovarico nelle donne, e un’elevata assunzione di calcio da qualsiasi fonte può aumentare il rischio di cancro alla prostata negli uomini.

rischi

Il latte A2 contiene ancora lattosio e proteine ​​del latte, quindi non è appropriato per le persone con intolleranza al lattosio, galattosemia o allergia al latte.

Inoltre, alcune persone scelgono di non consumare latticini e seguire una dieta vegana, la dieta Paleo, o di cercare di ridurre l’acne e altre condizioni eliminando il latte.

Alternative al latte

Ci sono molte alternative di latte non caseario disponibili oggi. Alcuni esempi sono latte di soia, latte di mandorla, latte di riso, latte di lino, latte di cocco e latte di canapa. Ogni varietà differisce nel suo profilo nutrizionale, nel contenuto proteico e nel gusto.

Una nota sugli studi sul latte A2

È importante per le persone che considerano il latte A2 sapere che la a2 Milk Company e l’industria lattiero-casearia hanno finanziato la maggior parte degli studi sul latte A2.

Like this post? Please share to your friends: