Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Le benzodiazepine ‘non aumentano il rischio di demenza’

Contrariamente ai risultati della ricerca precedente, un nuovo studio afferma che l’uso di benzodiazepine – farmaci ampiamente usati per trattare l’ansia e l’insonnia – non aumenta il rischio di demenza tra gli anziani.

[Una persona anziana che assume i farmaci]

Il coautore dello studio Shelly Gray, della School of Pharmacy dell’Università di Washington, e colleghi pubblicano le loro scoperte in.

Le benzodiazepine sono una classe di farmaci che aumentano il livello del neurotrasmettitore acido gamma-aminobutirrico (GABA) nel cervello, producendo effetti sedativi, anti-convulsivi, anti-ansia, ipnotici e miorilassanti.

Le benzodiazepine sono più comunemente usate per trattare l’ansia e l’insonnia, sebbene siano usate per una serie di altre condizioni, tra cui l’astinenza da alcol, i disordini di panico e le convulsioni. I tipi comuni di benzodiazepine comprendono diazepam, alprazolam e flurazepam.

Negli Stati Uniti, l’uso di benzodiazepine è più alto tra gli individui più anziani; uno studio del 2014 del National Institutes of Health (NIH) ha rilevato che circa l’8,7% degli adulti di età compresa tra 65 e 80 anni ha ricevuto una prescrizione di benzodiazepine nel 2008, rispetto al 2,6% di quelli di età compresa tra i 18 e i 35 anni.

Numerosi studi, tuttavia, hanno associato l’uso di benzodiazepine negli anziani con aumentato rischio di demenza. Uno studio del 2012 riportato, ad esempio, ha suggerito che gli adulti di età pari o superiore a 65 anni hanno il 50% in più di probabilità di sviluppare demenza entro 15 anni dall’uso di benzodiazepine, mentre uno studio più recente ha suggerito l’uso di benzodiazepine per almeno 3 mesi aumenta il rischio per gli adulti di Alzheimer malattia del 51%.

Tuttavia, Gray e colleghi osservano che la ricerca che valuta l’uso di benzodiazepine negli anziani è stata contraddittoria, con alcuni studi che non hanno trovato alcun collegamento con la demenza.

“Date le enormi implicazioni per la salute pubblica, abbiamo bisogno di una migliore comprensione dei potenziali rischi cognitivi derivanti dall’uso cumulativo di benzodiazepine”, affermano gli autori.

Nessun legame demenziale, ma gli anziani dovrebbero comunque evitare le benzodiazepine

Con questo in mente, il team si proponeva di determinare se un maggiore utilizzo cumulativo di benzodiazepine negli anziani fosse associato ad un aumentato rischio di demenza oa un declino cognitivo più rapido.

Per fare ciò, i ricercatori hanno analizzato i dati di 3.434 adulti di età pari o superiore a 65 anni che facevano parte dello studio Modifiche agli adulti in Thought, condotto all’interno del gruppo Health – un sistema sanitario senza scopo di lucro a Seattle, WA.

Tutti i partecipanti erano liberi da demenza al momento dello studio e lo screening cognitivo è stato condotto al momento dell’arruolamento e successivamente ogni 2 anni. I soggetti sono stati seguiti per una media di 7 anni.

Sono stati analizzati i dati sulle farmacie di Group Health per valutare l’uso quotidiano delle benzodiazepine da parte dei partecipanti per un periodo di 10 anni.

Durante il follow-up, 797 dei partecipanti hanno sviluppato demenza. Di questi, 637 hanno sviluppato la malattia di Alzheimer. Il livello medio di utilizzo delle benzodiazepine tra i partecipanti era equivalente a 1 anno di uso quotidiano.

I ricercatori hanno scoperto che i soggetti con il più alto uso di benzodiazepine non presentavano un rischio maggiore per la demenza o l’Alzheimer rispetto a quelli con un utilizzo inferiore delle benzodiazepine, né avevano un declino cognitivo più rapido.

Mentre i ricercatori hanno identificato un piccolo aumento del rischio di demenza tra i partecipanti con basso o moderato uso di benzodiazepine – l’equivalente di fino a 1 mese di utilizzo o 1-4 mesi di utilizzo, rispettivamente – suggeriscono che questo potrebbe “rappresentare il trattamento dei sintomi prodromici” di demenza.

“È anche possibile che le persone con demenza prodromica, anche anni prima della diagnosi, possano essere più sensibili agli eventi avversi cognitivi indotti dalla benzodiazepina (ad esempio il delirio), con conseguente interruzione del farmaco ed evitamento, che a sua volta porta a bassi livelli di usare “, aggiungono.

Commentando i loro risultati, i ricercatori dicono:

“In generale, il nostro modello di scoperte non supporta la teoria che l’uso cumulativo di benzodiazepine ai livelli osservati nella nostra popolazione è causalmente correlato a un aumento del rischio di demenza o declino cognitivo”.

Eppure, il team dice che considerando gli altri effetti avversi associati all’uso di benzodiazepine e il fatto che le prove rimangano alterate sul fatto che i farmaci possano aumentare il rischio di demenza, gli operatori sanitari “sono comunque invitati ad evitare le benzodiazepine negli anziani per prevenire esiti negativi sulla salute, ritiro e dipendenza “.

Nel giugno 2015, è stato riportato uno studio che collegava l’aumento del rischio di omicidio con l’uso di benzodiazepine.

Like this post? Please share to your friends: