Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le carni curate possono peggiorare i sintomi dell’asma

Secondo un recente studio, le persone con asma che consumano quantità relativamente elevate di salumi, come prosciutto, salsiccia e salame, hanno maggiori probabilità di manifestare sintomi peggiorativi.

[Deliziosi salumi]

I salumi sono l’ultimo paria della dieta – e per una buona ragione. Negli ultimi anni, gli studi hanno accumulato una terrificante lista dei loro effetti deleteri sulla salute e la longevità.

Di fatto, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) li ha recentemente dichiarati cancerogeni.

Non solo i salumi aumentano il rischio di cancro, ma aumentano anche il rischio di malattia coronarica e diabete di tipo 2.

Per quanto riguarda la salute polmonare, il tema triste continua. L’aumento del consumo di salame e di altre carni di questo tipo è stato associato al cancro del polmone, alla riduzione della funzionalità polmonare e all’incremento dei sintomi e dell’incidenza della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Uno studio recente, pubblicato sulla rivista, si proponeva di identificare se il consumo di carne in salamoia avesse anche un impatto negativo sull’asma. Ad oggi, solo due studi hanno specificamente esaminato questa interazione, ed entrambi non hanno trovato alcun effetto.

Il gruppo ha riaperto l’indagine sull’asma e sui salumi, oltre a cercare di capire il ruolo dell’obesità nel peggioramento dei sintomi dell’asma.

Perché i salumi danneggiano i polmoni?

I ricercatori credono che ci siano almeno due percorsi attraverso i quali i salumi danneggiano i tessuti del corpo. In primo luogo, sono ricchi di nitriti, che possono portare a stress nitrosativo e stress ossidativo, entrambi i quali danneggiano le cellule.

In secondo luogo, esiste una relazione tra il consumo di salumi e l’aumento dei livelli di proteina C-reattiva, un giocatore chiave nel sistema immunitario. La proteina C-reattiva può indurre infiammazione, con conseguente danno tissutale nel tempo.

Prendendo i dati dallo studio epidemiologico francese sulla genetica e l’ambiente dell’asma (EGEA), sono stati utilizzati 971 partecipanti adulti. L’EGEA ha monitorato i pazienti asmatici utilizzando questionari e visite mediche per più di 20 anni.

Sono stati raccolti i dati su dieta, peso e sintomi di asma. Sono state inoltre raccolte informazioni demografiche e altri fattori legati allo stile di vita, come livello di esercizio fisico, fumo, sesso, età e livello di istruzione.

In media, i partecipanti hanno consumato 2,5 porzioni di salumi a settimana. Coloro che ne mangiavano uno o meno alla settimana venivano classificati come consumatori bassi, le persone che consumavano da una a quattro porzioni settimanali erano classificate come medie e venivano classificate come se ne consumassero più di quattro.

I dati iniziali sono stati raccolti tra il 2003 e il 2007 e un follow-up è stato effettuato tra il 2011 e il 2013. Nel complesso, l’asma si è aggravata nel 20% del gruppo, migliorata nel 27% e non ha visto cambiamenti nel restante 53%.

Carne curata e asma

Quando è stato esaminato l’assunzione di carne curata, i ricercatori hanno scoperto che il 14% dei consumatori bassi, il 20% dei consumatori medi e il 22% dei consumatori elevati hanno peggiorato i sintomi.

Una volta controllati altri fattori – il fumo, l’attività fisica regolare, l’età, il sesso e il rendimento scolastico – coloro che mangiavano le carni più salate erano il 76% più probabilità di aver sperimentato un peggioramento dei sintomi dell’asma rispetto a quelli che mangiavano la più bassa quantità di salumi.

Il team era anche interessato ad acquisire una più profonda comprensione del ruolo che l’obesità gioca nell’asma. In precedenza il sovrappeso era stato associato a sintomi di asma peggiori, ma nel presente studio l’indice di massa corporea (IMC) rappresentava solo il 14% del peggioramento dei sintomi. Ciò suggerisce che il consumo di salumi ha un’influenza indipendente sull’asma, sopra e oltre il peso.

È importante notare che questo è uno studio osservazionale, e non è possibile trarre conclusioni su causa ed effetto. Inoltre, come sottolineano gli autori, i risultati dipendono dai ricordi dei partecipanti. Inoltre, i punteggi dei sintomi potrebbero essere stati influenzati dal fumo o dalla BPCO, che condivide molti sintomi con l’asma.

Detto questo, altre ricerche precedenti hanno mostrato collegamenti tra carni lavorate e salute polmonare, quindi il lavoro attuale aumenta il peso delle prove.

Scopri come l’alcol e le carni lavorate sono collegate al cancro dello stomaco.

Like this post? Please share to your friends: