Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le cellule staminali potrebbero invertire il processo di invecchiamento?

Le cellule staminali nel cervello determinano quanto velocemente i nostri corpi invecchiano, hanno osservato i ricercatori. Ma con l’introduzione di cellule staminali fresche, una parte del processo di invecchiamento potrebbe essere rallentata o invertita, un nuovo studio rileva.

vecchio guardando la riflessione più giovane

Come esseri umani, continuiamo a essere sconcertati dal costante invecchiamento dei nostri corpi, che a volte sembra verificarsi a un ritmo più veloce di quanto potremmo aspettarci.

Di conseguenza, facciamo spesso del nostro meglio per cercare di bloccare o “imbrogliare” il processo di invecchiamento utilizzando un’ampia gamma di “rimedi”, dal miglioramento delle diete alla chirurgia plastica.

I ricercatori stanno ora esaminando in che modo le cellule staminali presenti in una regione del nostro cervello chiamata ipotalamo potrebbero avere un ruolo chiave nel modo in cui invecchiamo rapidamente.

Il dottor Dongsheng Cai, del Albert Einstein College of Medicine, a New York City, insieme a un team di specialisti, ha scoperto che aggiungere nuove cellule staminali all’ipotalamo potrebbe essere la strada da percorrere se vogliamo ritardare la vecchiaia.

I risultati di questo studio sono pubblicati nell’attuale numero di.

“I numeri delle cellule staminali diminuiscono naturalmente”

Ricerche precedenti condotte presso l’Albert Einstein College of Medicine avevano già dimostrato che l’ipotalamo svolge un ruolo cruciale nel controllo dell’invecchiamento.

Il Dr. Cai e il suo team sono stati in grado di localizzare le cellule specifiche responsabili del processo di invecchiamento: le cellule staminali neurali sono anche coinvolte nella neurogenesi – cioè la creazione di nuovi neuroni del cervello.

I ricercatori hanno notato che il numero di cellule staminali del cervello nell’ipotalamo diminuisce costantemente con il tempo e questo influenza la velocità con cui si sviluppa il processo di invecchiamento. Tuttavia, aggiungono che il loro studio ha dimostrato che questo processo può essere neutralizzato.

“La nostra ricerca mostra che il numero di cellule staminali neurali ipotalamiche diminuisce naturalmente durante la vita dell’animale, e questo declino accelera l’invecchiamento, ma abbiamo anche scoperto che […] [b] y ricostituire queste cellule staminali o le molecole che producono , è possibile rallentare e persino invertire i vari aspetti dell’invecchiamento in tutto il corpo “.

Nel loro studio, i ricercatori hanno usato topi per testare il ruolo delle cellule staminali neurali. Hanno notato che il numero di cellule staminali nell’ipotalamo degli animali ha iniziato a diminuire a circa 10 mesi, il che, secondo gli scienziati, è molto prima che l’invecchiamento diventi evidente.

“Dalla vecchiaia – circa 2 anni nei topi – la maggior parte di quelle [staminali] erano scomparse”, osserva il dott. Cai.

Le cellule staminali supplementari rallentano l’invecchiamento

Il passo successivo dello studio è stato quello di testare la causalità, piuttosto che la semplice correlazione, tra un numero decrescente di cellule staminali neurali e l’inizio dell’invecchiamento.

Per fare ciò, hanno interrotto selettivamente le cellule staminali rilevanti nei topi di mezza età. Hanno osservato che, in questi topi, l’invecchiamento ha avuto luogo molto più rapidamente rispetto ai campioni di controllo, le cui cellule staminali neurali sono state lasciate da sole.

“Questa interruzione ha accelerato notevolmente l’invecchiamento rispetto ai topi di controllo e quegli animali con cellule staminali distrutte sono morti prima del normale”, afferma il dott. Cai.

Infine, i ricercatori volevano scoprire se l’aggiunta di un “nuovo rifornimento” di cellule staminali all’ipotalamo potesse invertire il processo di invecchiamento.

Hanno inserito nuove cellule staminali sia nell’ipotalami dei topi le cui cellule staminali erano state distrutte, sia in quelle di normali e sani topi di mezza età.

Il dott. Cai e i suoi colleghi hanno scoperto che questa azione era produttiva: in tutti i topi, il processo di invecchiamento era rallentato, o diversi aspetti dell’invecchiamento venivano neutralizzati del tutto.

Quello che succede, notano i ricercatori, è che le cellule staminali rilasciano microRNA (miRNA), che sono un tipo di molecola coinvolta nella regolazione dell’espressione genica.

I miRNA sono contenuti negli esosomi, che sono particelle extracellulari che le cellule staminali rilasciano nel liquido trovato all’interno e attorno al cervello e nel midollo spinale o nel liquido cerebrospinale.

Ciò che i ricercatori hanno specificamente iniettato nei topi sono stati gli esosomi contenenti miRNA che erano stati raccolti da cellule staminali ipotalamiche. Gli esosomi estratti furono rilasciati nel liquido cerebrospinale dei topi e lasciati agire.

Il dott. Cai e i suoi colleghi hanno misurato l’effetto dei “supplementi” delle cellule staminali analizzando il tessuto raccolto dai topi, oltre a monitorare i miglioramenti nella resistenza muscolare, nelle capacità cognitive e nel comportamento sociale degli esemplari, tra gli altri.

Gli scienziati spiegano che ulteriori ricerche includeranno stabilire quali particolari miRNA e altre particelle rilasciate dalle cellule staminali neurali sono specificamente coinvolti nel processo di “ringiovanimento”.

I ricercatori sperano che questi studi possano, col tempo, portare a modi molto più efficienti di rallentare o addirittura arrestare gli effetti dell’invecchiamento.

Like this post? Please share to your friends: