Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le donne possono avere una gravidanza di successo nonostante gli aborti ricorrenti

Per le donne che hanno più aborti spontanei, il dolore della perdita ripetuta è spesso aggravato da un’altra realtà. Le cause dell’aborto sono complesse e spesso difficili da identificare, e anche quelle condizioni e associazioni proposte come cause sono poco conosciute.

Ma ci sono anche buone notizie. Le donne con aborti ricorrenti possono beneficiare di programmi completi di valutazione, trattamento e supporto, come il programma di perdita della gravidanza ricorrente a Stanford. Anche tra quelle donne i cui aborti non hanno una causa identificabile, oltre l’80% delle donne che hanno avuto due o più aborti avranno in definitiva una gravidanza di successo con cure di supporto.

I medici specialisti di Stanford Hospital & Clinics hanno condiviso queste informazioni in un recente seminario della comunità, “Prevalente la perdita della gravidanza ricorrente”, presentato da Women’s Health a Stanford.

Sebbene l’aborto sia comune – il 30% di tutte le donne sperimenterà almeno un aborto spontaneo nella sua vita, e l’1-2% ne avrà tre o più – ci sono stati relativamente pochi studi ben condotti sulle sue cause e trattamenti, ha detto Ruth Lathi, MD, direttore del programma di perdita della gravidanza ricorrente presso l’ospedale e le cliniche di Stanford e assistente professore di ostetricia e ginecologia. “Possiamo fare meglio di così, abbiamo bisogno di più ricerche”, ha detto.

Il 40-50 percento degli aborti non ha cause identificabili.

Alcune delle cause dell’aborto sono state individuate. I problemi endocrini, come le malattie della tiroide, sono responsabili del 15-20% degli aborti; l’ipercoagulabilità, una maggiore tendenza a sviluppare coaguli di sangue, causa anche il 15-20%; le anomalie materne nell’utero o nella cervice provocano il 10-15%; la mutazione genetica materna causa il 2-5 percento; e nello 0,5-5 percento dei casi, l’infezione scatena un aborto spontaneo. Anche l’età avanzata e una storia di precedenti aborti aumentano il rischio.

Alcune di queste cause possono essere rilevate e trattate. Per le donne con disfunzione tiroidea (ipotiroidismo o ipertiroidismo), un trattamento efficace riduce il rischio di aborto spontaneo e altri esiti avversi. Per le donne con disfunzione tiroidea (ipotiroidismo o ipertiroidismo), un trattamento efficace riduce il rischio di aborto spontaneo e altri esiti avversi. Recenti studi hanno anche dimostrato che in donne selezionate che hanno anticorpi anti-tiroide (una condizione che colpisce circa l’11% delle donne in età riproduttiva), il trattamento con l’ormone tiroideo levotiroxina può effettivamente ridurre i tassi di aborto spontaneo.

Le donne che hanno ipercoagulabilità possono essere trattate con terapie che interferiscono con la formazione di coaguli di sangue, più comunemente aspirina o eparina o entrambe. Il peso è un altro fattore che contribuisce, ha detto Sun Kim, MD, assistente professore di medicina nella Divisione di Endocrinologia. La ricerca rileva che essere obesi o sottopeso aumenta significativamente le complicazioni della gravidanza e il rischio di aborto spontaneo.

Dato che un terzo degli americani è obeso, l’impatto dell’obesità sui risultati della gravidanza è una crescente preoccupazione per la salute pubblica, ha detto Kim. “Perdere peso è difficile, non lo nego”, ha detto. Ma ha aggiunto che anche una moderata perdita di peso del 5-10% può ridurre significativamente il rischio di aborto spontaneo.

Considerando il grado di dolore e tristezza derivante dall’aborto, non sorprende che l’aborto ricorrente sia associato a più alti tassi di depressione, ha affermato Katherine Williams, MD, professore associato di psichiatria e scienze comportamentali. Mentre l’incidenza della depressione maggiore nelle donne della popolazione generale è del 5-10%, gli studi hanno rilevato che nelle donne che hanno avuto un aborto spontaneo, l’incidenza sale al 10-20% e ad almeno il 30% nelle donne che hanno avuto due o più aborti.

Molte donne temono che essere depressi possa causare un aborto spontaneo, ha detto Williams. Mentre questa domanda non è stata adeguatamente affrontata dalla ricerca, ha sottolineato che la depressione può essere trattata con successo attraverso farmaci, psicoterapia o entrambi. Inoltre, il trattamento della depressione può aiutare una donna a prendere altri provvedimenti per ridurre il rischio di aborto spontaneo, come perdere peso, assumere farmaci come prescritto e frequentare un gruppo di sostegno.

Lathi sa che la ricerca di una gravidanza di successo può diventare disperata. Ha avvertito che questa urgenza “può costringere alcune donne a provare cose che sono al di fuori della medicina basata sull’evidenza”.

Inoltre, un paio di studi randomizzati controllati pubblicati a marzo e aprile hanno rilevato che l’uso di eparina e / o aspirina – comunemente prescritti a donne che hanno aborti ricorrenti inspiegabili – non sono più efficaci in questi casi rispetto alle cure standard.

Lathi ha invece enfatizzato il valore della valutazione del preconcetto e dell’assistenza di supporto durante tutto il processo. “Vogliamo dare alle donne la speranza che, anche se ci sono molte domande senza risposta, abbiamo un approccio basato sull’evidenza che sappiamo aiuta molte donne a avere un bambino”.

Soprattutto utile, hanno detto gli specialisti, sono sforzi multidisciplinari come il programma di perdita di gravidanza ricorrente di Stanford, uno dei pochi del suo genere negli Stati Uniti. Il programma offre una valutazione completa, trattamento, follow-up e supporto da un team di medici di diverse discipline, compresi genetica, endocrinologia, ematologia, immunologia, psichiatria e altri. Questi medici lavorano insieme per condividere informazioni, consultare i pazienti e incontrarsi per discutere casi complessi.

“Non devi capire cosa fare dopo o quale dottore vedere”, ha detto Lathi. “Ti guidiamo attraverso il processo.”

Fonte: Stanford Hospital & Clinics

Like this post? Please share to your friends: