Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Le droghe del cuore dell’anti-inibitore di ACE sono la migliore presa in ora di andare a letto, studio

Molti medici raccomandano ai loro pazienti di assumere farmaci per il cuore al mattino con la loro colazione, ma un nuovo studio di Canadasuggests che un gruppo di farmaci, inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE), funziona meglio quando assunto prima di coricarsi perché riduce l’effetto di un ormone che è più attivo durante il sonno.

L’autore principale Tami A. Martino, professore nel Dipartimento di Scienze Biomediche presso l’Università di Guelph in Ontario, ha dichiarato alla stampa che:

“I farmaci per il cuore vengono spesso somministrati ai pazienti al mattino per comodità, senza considerare ritmi biologici o rischi legati al tempo di effetti avversi”.

“Ma se vengono dati prima di coricarsi, è meglio”, ha aggiunto.

Martino e colleghi hanno scritto le loro scoperte in un documento che sarà pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology il 17 maggio.

Per alcune malattie, l’ora del giorno o il mese di farmaci o interventi chirurgici possono fare la differenza per il successo. L’asma e l’arthritispain, ad esempio, rispondono in modo diverso quando il trattamento viene somministrato in momenti diversi.

Martino e colleghi hanno spiegato nelle loro informazioni di base che le prove suggeriscono che il cuore si ripara o si rimodella autonomamente durante il sonno. Ed è risaputo che gli attacchi di cuore e le morti cardiache improvvise raggiungono il picco al mattino presto, e che le persone che lavorano notti hanno disturbato i ritmi circadiani e il rischio più elevato di malattie cardiache.

Ma mentre gli studi sono stati fatti per mostrare che i tempi del farmaco per il cuore possono alterare i modelli diurni della pressione sanguigna nei pazienti con pressione alta, poco si sa su come i tempi di tale farmaco influenzano il rimodellamento cardiaco.

I ricercatori hanno deciso di testare gli ACE-inibitori perché questi farmaci inibiscono l’attività di un ormone naturale coinvolto nell’apparato uditivo. I livelli di questo ormone sono più elevati durante la notte, causando l’allargamento del cuore e aumentando il rischio di danni cardiaci nei pazienti cardiopatici.

Per lo studio, Martino e colleghi hanno usato topi allevati per avere la pressione alta e hanno esaminato l’effetto dell’inibitore a breve durataACE, captopril, sulla struttura e la funzione del tessuto cardiaco dei topi, dopo che gli animali sono stati sottoposti a intervento chirurgico che ha messo il cuore sotto maggiore pressione, simulando così le condizioni che portano allo scompenso cardiaco.

I topi sono stati quindi suddivisi in due gruppi: uno è stato iniettato con ACE inibitore e l’altro con placebo. Ogni gruppo non era più suddiviso in due gruppi di topi: un gruppo aveva l’iniezione durante la veglia e l’altro al momento del sonno. Tutti i gruppi sono stati sottoposti a terapia per 8 settimane, iniziando 1 settimana dopo l’intervento.

I risultati hanno mostrato che i topi che hanno ricevuto ACE-inibitore al momento del sonno avevano una funzione cardiaca migliorata e il loro cuore era meno esteso rispetto ai topi che avevano ricevuto il farmaco al momento della veglia e ai topi trattati con il placebo.

Questi effetti benefici dell’ACE-inibitore si correlavano anche con i cambiamenti diurni nell’espressione genetica dell’ACE nel cuore.

Tuttavia, l’ACE-inibitore ha portato a simili diminuzioni della pressione arteriosa sia al sonno che al risveglio, suggerendo che il tempo delle alterazioni del giorno non erano dovute a cambiamenti della pressione sanguigna, hanno scritto gli autori.

Hanno concluso che:

“Il captopril dell’ACE inibitore ha favorito il rimodellamento cardiovascolare solo quando somministrato durante il sonno, l’inibizione del captoprilACE nella veglia era identica a quella del placebo.”

Hanno detto che i risultati aggiungono peso all’idea che il cuore e i suoi vasi sanguigni si rimodellano durante il sonno, e mostra anche l’importanza dei tempi diurni per alcuni farmaci cardiovascolari.

Martino ha detto che somministrare l’ACE-inibitore al momento del sonno si adatta al ritmo biologico degli ormoni.

“Prendendo di mira quegli ormoni quando sono più alti durante il sonno, stai abbassando i loro livelli in modo che non facciano così tanti danni”, ha aggiunto.

Martino ha detto che i medici che passano all’ora di andare a dormire con gli ACE-inibitori dovrebbero considerare anche una versione a breve durata d’azione, perché non è necessario che duri più a lungo della notte, e questo può aiutare a ridurre gli effetti collaterali.

Ha detto che altri ricercatori stanno anche valutando la possibilità che altre malattie possano essere sensibili ai ritmi biologici del trattamento farmacologico e hanno fornito esempi di rilascio di insulina nel diabete e nella chemioterapia nei pazienti oncologici.

“Stiamo iniziando ora a imparare che i ritmi biologici e fisiologici giocano un ruolo importante nella salute e nelle malattie”, ha detto Martino.

“I principali benefici dell’inibizione dell’enzima di conversione dell’angiotensina sul rimodellamento cardiaco si verificano durante il sonno in ipertrofia da sovraccarico di pressione di urine.”
Martino, Tami A., Tata, Nazneen, Simpson, Jeremy A., Vanderlaan, Rachel, Dawood, Fayez, Kabir, M. Golam, Khaper, Neelam, Cifelli, Carlo, Podobed, Peter, Liu, Peter P., Husain, Mansoor, Heximer, Scott, Backx, Peter H., Sole, Michael J.
J Am CollCardiol, 17 maggio 2011; Vol. 57, n. 20.
DOI: 10.1016 / j.jacc.2010.11.022

Altre fonti: Università di Guelph, MedicineNet.com

Scritto da: Catharine Paddock, PhD

Like this post? Please share to your friends: