Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le emicranie possono alterare la struttura cerebrale in modo permanente

Gli scienziati hanno scoperto che le emicranie possono influenzare la struttura a lungo termine del cervello e aumentare il rischio di lesioni cerebrali, secondo uno studio pubblicato sulla rivista.

I ricercatori dell’Università di Copenaghen in Danimarca hanno analizzato sei studi basati sulla popolazione e 13 studi clinici per verificare se esistesse un legame tra emicranie e lesioni cerebrali, anomalie silenti o cambiamenti del volume cerebrale.

Gli autori dello studio hanno esaminato le scansioni cerebrali di pazienti con emicrania o emicranie comuni con aura. Emicrania con aura è quando una persona sperimenta i sintomi prima dell’inizio dell’emicrania. Queste scansioni sono state confrontate con quelle di persone non affette dal disturbo.

I risultati dello studio hanno rivelato che coloro che soffrivano di emicrania con aura mostravano un rischio aumentato del 68% di lesioni cerebrali della materia bianca, rispetto a quelli che non avevano emicranie.

I pazienti che hanno avuto emicranie comuni hanno mostrato un aumento del 34% del rischio di lesioni cerebrali rispetto a quelli non affetti da emicrania.

Anomalie del cervello simili a infarti – sintomi che indicano un’interruzione del flusso sanguigno al cervello – aumentate del 44% in coloro che avevano emicranie con aura rispetto a quelli che soffrivano di emicrania senza aura.

Inoltre, i cambiamenti del volume del cervello erano più prevalenti in entrambe le persone con emicranie e emicranie comuni con aura rispetto a quelli senza le condizioni.

Gli autori dello studio spiegano:

“La revisione attuale suggerisce che l’emicrania può essere un fattore di rischio per i cambiamenti strutturali nel cervello.

Rispetto ai controlli di non emicrania, gli emicranici hanno più WMA (anomalie della sostanza bianca), ILL (lesioni simili all’infarto) e cambiamenti volumetrici nelle regioni GM (materia grigia) e WM (sostanza bianca). “

Un disturbo comune con effetti a lungo termine

Secondo la Migraine Research Foundation, l’emicrania è tra i primi 20 per le malattie mediche più invalidanti del mondo. Ogni 10 secondi, una persona negli Stati Uniti visita il pronto soccorso a causa di un mal di testa o emicrania.

Per un disturbo così comune, i ricercatori sottolineano che è importante comprendere gli effetti a lungo termine che un’emicrania può avere sul cervello.

Aggiungono che le linee guida dell’American Academy of Neurology e del consorzio statunitense per il mal di testa suggeriscono che le persone con emicrania che hanno esami neurologici normali non hanno bisogno di scansioni MRI di routine.

“Solo i pazienti con cefalea atipica, un recente cambiamento nella cefalea, altri sintomi (come convulsioni), o sintomi neurologici focali o segni sono raccomandati per la risonanza magnetica del cervello”, dicono i ricercatori.

“I pazienti con WMA possono essere rassicurati, i pazienti con ILL devono essere valutati per i fattori di rischio di ictus.La risonanza magnetica volumetrica rimane uno strumento di ricerca”.

Il Dr. Messoud Ashina dell’Università di Copenaghen e autore principale dello studio afferma che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare appieno il legame tra emicrania e struttura cerebrale a lungo termine.

“L’emicrania colpisce circa il 10-15% della popolazione generale e può causare un notevole onere personale, professionale e sociale”, aggiunge.

“Speriamo che attraverso ulteriori studi, possiamo chiarire l’associazione delle modifiche della struttura cerebrale alla frequenza di attacco e alla durata della malattia e vogliamo anche scoprire in che modo queste lesioni possono influenzare la funzione cerebrale”.

Quest’anno, uno studio condotto da ricercatori italiani ha anche scoperto che i pazienti con emicrania hanno anomalie cerebrali, rispetto a quelli che non hanno il disturbo.

Altre recenti ricerche dell’Università della Pennsylvania suggeriscono che la causa delle emicranie potrebbe essere dovuta alla struttura delle arterie cerebrali che proteggono l’apporto di sangue al cervello.

Like this post? Please share to your friends: