Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Le infermiere di sesso maschile sono pagate più delle infermiere – un divario di retribuzione che non mostra alcun segno di diminuzione

Gli infermieri registrati maschi guadagnano di più delle infermiere registrate da donne in contesti, specialità e posizioni, e questo divario di retribuzione non si è ridotto nel tempo, afferma una nuova analisi delle tendenze salariali pubblicata nel 2006.

infermiera maschio che tiene cento fatture del dollaro

Sebbene il divario salariale tra uomini e donne si sia ristretto in molte occupazioni dall’introduzione della Equal Pay Act 50 anni fa, affermano gli autori dello studio, la disuguaglianza salariale persiste in medicina e in assistenza.

Precedenti studi hanno rilevato che gli infermieri registrati maschi (RN) hanno stipendi più alti rispetto ai RN registrati da donne. Nel loro nuovo studio, i ricercatori dell’Università della California, San Francisco, hanno cercato di indagare su quali fattori di occupazione potrebbero spiegare queste differenze salariali utilizzando dati recenti.

I ricercatori hanno analizzato i dati rappresentativi a livello nazionale degli ultimi sei studi quadriennali di indagine campionaria nazionale sugli infermieri registrati (1988-2008, compresi 87.903 RN) e i dati dell’American Community Survey (2001-13, compresi 205.825 RN). In entrambi gli studi, la percentuale di uomini nel campione era del 7%.

Durante ogni anno, entrambi gli studi hanno dimostrato che gli stipendi per i RN maschili erano superiori ai salari delle RNs femminili. Inoltre, i ricercatori non hanno riscontrato cambiamenti significativi in ​​questo divario retributivo – che si è quantificato in una differenza di guadagni aggiustata complessiva di $ 5.148 – durante il periodo di studio.

Nell’assistenza ambulatoriale il divario salariale era di $ 7.678 e nelle strutture ospedaliere era di $ 3.873. Il minor divario retributivo è stato riscontrato nell’assistenza cronica ($ 3’792) e il più grande è stato in cardiologia ($ 6.034). L’unica specialità in cui non è stato rilevato alcun divario retributivo significativo tra uomini e donne RN era l’ortopedia. Si è inoltre riscontrato che la differenza salariale si estende su tutta la gamma di posizioni, compresi ruoli come middle management e anestesisti dell’infermiere.

I datori di lavoro e i medici hanno bisogno di esaminare le strutture salariali

“I ruoli dei RN si stanno espandendo con l’implementazione della Affordable Care Act e l’enfasi sulla fornitura di assistenza basata sul team”, scrivono gli autori.

Concludono:

“Un divario salariale per genere è particolarmente importante nell’assistenza infermieristica perché questa professione è la più grande nell’assistenza sanitaria ed è prevalentemente femminile, colpisce circa 2,5 milioni di donne. Questi risultati possono motivare i datori di lavoro infermieri, inclusi i medici, ad esaminare le loro strutture salariali e ad agire per eliminare disuguaglianze “.

I risultati di un sondaggio del 2010 che esamina l’impatto della crisi economica sui salari degli infermieri pubblicati hanno rilevato che il salario medio di un infermiere è sceso di $ 4000 tra il 2007 e il 2010. Nello stesso sondaggio, quasi il 60% dei dirigenti infermieri ritiene di non essere ricevere un adeguato compenso per il loro livello di responsabilità organizzativa.

Tuttavia, tale sondaggio non ha rilevato alcuna prova che il carico di lavoro per i dirigenti infermieri fosse aumentato. Gli intervistati hanno riferito che stavano ancora lavorando lo stesso numero di ore settimanali che avevano tradizionalmente e non erano responsabili di più membri dello staff rispetto a prima della crisi economica.

“Se pensavi che l’assistenza infermieristica fosse immune dalla crisi, ripensaci: la scarsa economia ci sta mantenendo più a lungo di quanto avessimo previsto”, ha detto il caporedattore Richard Hader, “e oltre ai tagli dei salari, le organizzazioni si stanno congelando o eliminando i benefici pensionistici, incidendo ulteriormente negativamente sul morale dei dipendenti “.

Like this post? Please share to your friends: