Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le infezioni da HPV possono tornare nelle donne anziane

L’infezione da HPV (papillomavirus umano) nelle donne durante o dopo la menopausa può effettivamente essere un’infezione che è stata acquisita quando erano più giovani.

La scoperta è arrivata da una nuova ricerca, pubblicata su The Journal of Infectious Diseases, che suggerisce che dopo uno o due anni, l’HPV potrebbe esistere al di sotto dei limiti di rilevamento. Questo è paragonabile ad altri virus, come la varicella zoster, che porta al fuoco di Sant’Antonio.

Il rapporto sottolinea che devono essere condotti ulteriori studi per acquisire maggiori conoscenze sulle infezioni da HPV e comprendere la parte che la persistenza e la riattivazione dell’HPV giocano, specialmente nelle femmine dell’età del baby boom.

Una ricerca precedente ha dimostrato che circa una donna su quattro tra i 14 ei 59 anni negli Stati Uniti ha l’HPV, e rapporti precedenti hanno rilevato l’HPV in circa il 25-50% delle giovani donne che sono sessualmente attive. Tuttavia, nella maggior parte di queste donne, il virus viene “eliminato” dopo due anni e non può più essere identificato nei loro campioni.

La ricerca ha dimostrato che l’infezione da HPV è più comune nelle giovani donne quando diventano sessualmente attive. La prevalenza tende quindi a ridursi una volta che raggiungono i loro ultimi anni ’20 e ’30.

È stato dimostrato che anche l’HPV è molto comune intorno all’età della menopausa in paesi come il Centro e il Sud America. Tuttavia, è stato dimostrato che l’incidenza dell’HPV negli Stati Uniti e in Europa diminuisce con l’invecchiamento delle donne.

Un team di esperti, guidato da Patti E. Gravitt, PhD, della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e della Perdana University Graduate School of Medicine di Serdang, in Malesia, ha voluto esaminare quali fattori influenzano queste dissimilarità.

Hanno analizzato le differenze nei comportamenti sessuali recenti e durante la vita nelle donne di diverse fasce di età per osservare l’esistenza di un effetto di coorte nelle donne a Baltimora.

Circa 850 donne tra i 35 ei 60 anni sono state coinvolte nello studio sottoposto a screening di routine per cancro del collo dell’utero dal 2008 al 2011.

I risultati hanno mostrato che le donne che avevano un nuovo partner sessuale 6 mesi prima dello studio hanno avuto una maggiore prevalenza di HPV, tuttavia, meno del 3% ha riferito di avere un nuovo partner in quel periodo.

Quasi il 90% delle infezioni da HPV sono state riscontrate in donne che hanno dichiarato di avere più di un partner sessuale nella loro vita, e il 77% è stato trovato in donne che avevano cinque o più partner sessuali.

“Nel loro insieme, i nostri dati aumentano la possibilità che il rischio di riattivazione possa aumentare intorno ai 50 anni e contribuisca a una maggiore frazione del rilevamento dell’HPV in età avanzata, rispetto a una nuova acquisizione”, hanno scritto gli scienziati.

I risultati hanno mostrato che le donne che sono diventate sessualmente attive durante e dopo la rivoluzione sessuale degli anni ’60 e ’70 hanno un rischio considerevolmente aumentato di infezione da HPV rispetto alle donne che hanno avuto il loro esordio sessuale prima del 1965. Gli autori ritengono che il motivo sia dovuto a una maggiore numero di partner sessuali per tutta la loro vita.

Il dott. Gravitt ha spiegato:

“La nostra esperienza storica con HPV e neoplasie cervicali nelle donne in postmenopausa potrebbe non essere molto predittiva dell’esperienza della generazione di baby boomer di donne che ora stanno entrando nella transizione della menopausa a un rischio più elevato rispetto alle madri”.
Darron R. Brown, MD, e Bree A. Weaver, MD, della Indiana University School of Medicine, hanno spiegato in un editoriale di accompagnamento che la ricerca precedente che indicava che l’HPV scompare dopo due anni era basata solo su una o due proiezioni che su negativo.

Molti rapporti hanno dimostrato che l’HPV specifico per tipo può essere nuovamente rilevato dopo non essere rilevato per un lungo periodo. Tuttavia, gli scienziati non sono sicuri se sia a causa di un’infezione persistente a basso livello o di una nuova infezione.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per aiutare a comprendere meglio la storia naturale dell’infezione da HPV nelle donne anziane e per capire l’importanza della persistenza e riattivazione dell’HPV in tutte le donne”, hanno scritto gli autori.

Al fine di verificare i loro risultati, il Dott. Gravitt ed i suoi colleghi proseguiranno le loro ricerche e osserveranno ulteriormente le donne nelle indagini.

Per determinare se i risultati di questa ricerca possono essere generalizzati alla più ampia popolazione americana, le esigenze di ricerca future consistono in un campione più rappresentativo a livello nazionale di femmine.

Gli esperti hanno detto:

“Un follow-up a lungo termine delle donne precedentemente molto esposte che passeranno attraverso la menopausa nel prossimo decennio è urgentemente necessario per stimare accuratamente il potenziale rischio di cancro cervicale invasivo postmenopausale nella popolazione baby boom negli Stati Uniti e strategie di prevenzione guida”.
Scritto da Sarah Glynn

Like this post? Please share to your friends: