Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Le mele sono buone per il diabete?

Le mele sono uno spuntino nutriente, ma gli zuccheri e i carboidrati in una mela sono buoni o cattivi per i livelli di zucchero nel sangue e di insulina se una persona ha il diabete?

Secondo l’American Diabetes Association, anche se contengono zuccheri e carboidrati, mangiare mele e altri frutti non è un problema per una persona con diabete di tipo 1 o diabete di tipo 2.

Le mele contengono un diverso tipo di zucchero per gli alimenti con zuccheri aggiunti e contengono anche fibre e sostanze nutritive. Una persona con diabete dovrebbe essere consapevole di come le mele le influenzano al fine di includere questo frutto in una dieta sana per il diabete.

In questo articolo, esaminiamo gli effetti di mele e altri frutti sui sintomi del diabete.

Le mele sono buone per le persone con diabete?

Primo piano di mele

Le persone con diabete devono controllare l’assunzione di carboidrati per assicurarsi che i loro livelli di zucchero nel sangue rimangano stabili per tutto il giorno. Ha senso, quindi, monitorare tutti gli alimenti che contengono carboidrati e zuccheri.

Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), ci sono circa 25 grammi (g) di carboidrati in totale in una mela di medie dimensioni, e circa 19 g di quello è zucchero.

La maggior parte dello zucchero in una mela è sotto forma di fruttosio naturale, tuttavia, e questo può avere un effetto diverso sul corpo rispetto ad altri zuccheri. Inoltre, il fruttosio è diverso dagli zuccheri raffinati e lavorati che si trovano negli alimenti confezionati come cioccolatini e biscotti.

Una recente recensione pubblicata sul fatto che la sostituzione di glucosio o saccarosio con fruttosio ha portato a meno zucchero e insulina nel flusso sanguigno dopo un pasto.

L’USDA riferisce che una mela media contiene circa 4 g di fibra alimentare, e questa fibra può aiutare a rallentare l’assorbimento degli zuccheri nel corpo, che potrebbe aiutare a prevenire i picchi di zucchero e insulina.

Inoltre, l’associazione di frutta con un grasso o una proteina salutare può anche abbassare il picco di zucchero nel sangue e far sì che una persona si senta più piena più a lungo.

Complessivamente, le mele possono avere un impatto relativamente basso sui livelli di insulina e di zucchero nel sangue nel corpo e sono considerate un frutto a basso indice glicemico adatto alle persone con diabete.

È ancora essenziale per qualcuno monitorare i cambiamenti che hanno dopo aver mangiato una mela, in modo che sappiano cosa aspettarsi nel loro corpo quando lo fanno.

Benefici delle mele

Molte persone amano le mele per la loro semplicità, ma sono anche molto nutrienti.

Una mela media contiene circa 100 calorie, 25 g di carboidrati e quasi il 20 percento del valore giornaliero raccomandato per la fibra. La carne e la buccia delle mele contengono acqua, vitamine A e C e altri antiossidanti e oligoelementi.

Una persona si sente più piena dopo aver mangiato una mela a causa della combinazione di fibre, acqua e sostanze nutritive. Questo potrebbe essere il motivo per cui così tante persone apprezzano le mele come spuntini veloci per tenerle tra i pasti.

I flavonoidi specifici, come la quercetina presente nelle mele, possono, infatti, proteggere una persona dal diabete. Una recensione del 2011 riporta che mangiare mele è associato a un rischio ridotto di diabete.

Mangiare una dieta varia ricca di verdure e frutta, comprese le mele, è buona per tutti ma forse anche più importante per una persona con diabete o un alto rischio per il disturbo.

Diabete e altri frutti

Una dieta ricca di frutta e verdura è benefica per tutti e alcuni frutti offrono più benefici di altri, in particolare per una persona con una condizione di salute cronica.

Mangiare frutta nella loro forma intera e cruda offre i maggiori benefici perché quando il frutto viene lavorato, le fibre, gli antiossidanti e altri nutrienti possono essere ridotti.

Bacche e ciliegie

Una varietà di bacche su una tavola

Le bacche hanno meno zuccheri rispetto ad altri frutti. Sono naturalmente ricchi di antiossidanti, flavonoidi e sostanze nutritive che aiutano a rafforzare il sistema immunitario e la salute generale del corpo.

Come le mele, le ciliegie contengono quercetina, che può essere utile per una persona con diabete.

Le bacche ricche di colori possono fare scelte salutari, tra cui:

  • fragole, lamponi e more
  • uva e ribes
  • mirtilli
  • mirtilli
  • ciliegie acide

È possibile acquistare bacche fresche o congelate. Le versioni essiccate possono essere meno ripiene, ma sono anche un’opzione salutare, anche se qualcuno con il diabete dovrebbe cercare prodotti a base di zuccheri aggiunti, poiché non è sempre ovvio.

Altri frutti

Qualsiasi frutto dovrebbe andare bene per una persona con diabete, purché non abbia un’allergia.

L’American Diabetes Association consiglia i seguenti frutti per le persone che usano l’indice glicemico nelle loro scelte alimentari:

  • avocado
  • Banana
  • Mango
  • papaia
  • Kiwi
  • ananas
  • melone cantalupo, anguria e melata
  • agrumi, come pompelmo, arance e mandarini
  • frutta a nocciolo, tra cui albicocche, prugne e pesche

Una persona dovrebbe monitorare come i diversi frutti influenzano i loro sintomi e lo zucchero nel sangue, poiché la sensibilità di ciascuna persona può essere diversa. Per alcuni, i frutti che sono più alti in zucchero possono aver bisogno di essere mangiati di meno o evitati, a seconda di come influenzano lo zucchero nel sangue.

Dovresti evitare i succhi di frutta?

I succhi di frutta che contengono il 100% di frutta vera dovrebbero essere adatti per una persona diabetica, anche se potrebbero voler limitare l’assunzione, poiché i succhi di frutta possono contenere una maggiore concentrazione di zucchero e meno fibre rispetto ai frutti freschi. Questo può causare un picco più alto di zucchero nel sangue.

Quattro once di succo di frutta contengono circa 15 g di carboidrati. Essere consapevoli dell’assunzione totale di carboidrati durante il pasto è importante per gestire il diabete, e il succo di frutta nel tracciamento dei carboidrati è essenziale.

I succhi di frutta con zuccheri aggiunti dovrebbero essere evitati. Alcuni succhi di frutta possono iniziare come frutta, ma il processo di trasformarli in succo può rimuovere gran parte della fibra e dei nutrienti.Ciò che rimane dopo l’elaborazione è spesso più elevato in zuccheri e calorie rispetto al frutto stesso.

Altri “succhi di frutta” contengono poco o nessun frutto reale. Leggere gli ingredienti e concentrarsi su succhi reali al 100% è fondamentale per garantire un apporto di nutrienti più elevato.

prospettiva

Le mele sono una scelta alimentare molto nutriente e fanno un ottimo spuntino sano. Dovrebbero avere un effetto minimo sui livelli di zucchero nel sangue e di insulina, che li rende uno spuntino perfetto per le persone con diabete.

Il regolare monitoraggio dei livelli di zucchero nel sangue e dell’insulina dopo aver mangiato le mele può aiutare a far sapere a una persona in che modo le mele possono influire su di loro, e si consiglia sempre di mangiare una varietà di cibi freschi e sani.

Like this post? Please share to your friends: