Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le nanoparticelle di zenzero mostrano una promessa per la malattia infiammatoria intestinale

Lo zenzero sta vivendo la ricerca di una cura per la malattia infiammatoria intestinale, secondo la ricerca pubblicata in. Consegnati sotto forma di nanoparticelle, i ricercatori ritengono che lo zenzero possa offrire un rimedio mirato ed efficace per questa condizione potenzialmente debilitante.

[radice di zenzero]

La malattia infiammatoria intestinale (IBD) si riferisce a un gruppo di disturbi in cui l’intestino si infiamma. La causa dell’IBD è sconosciuta, ma gli scienziati ritengono che potrebbe essere una condizione autoimmune, in cui il sistema immunitario del corpo attacca erroneamente se stesso. Le due forme principali di IBD sono la malattia di Crohn e la colite ulcerosa.

Le persone con IBD spesso soffrono di diarrea e dolore – che può essere grave – e possono perdere sangue attraverso il retto. Sono anche più inclini a complicazioni come l’anemia, in quanto il loro intestino non assorbe efficacemente i nutrienti.

Gli scienziati hanno considerato la nanotecnologia come un modo per fornire farmaci, compresi i farmaci destinati al sistema digestivo.

Il vantaggio della nanotecnologia è che può fornire basse dosi di farmaci a specifiche aree, evitando così effetti indesiderati sul resto del corpo.

Benefici per la salute dello zenzero

Lo zenzero è noto da tempo per i suoi effetti terapeutici. È stato usato per migliaia di anni come rimedio per una serie di problemi di salute, tra cui raffreddori, nausea, artrite, emicrania e ipertensione.

È usato in una forma fresca, essiccata, in salamoia, conservata, cristallizzata, candita, in polvere o macinata, in cibi dolci e salati e come bevanda.

Si dice che il tè allo zenzero aiuti la digestione. Gli integratori di zenzero sono disponibili nei negozi di alimenti naturali sotto forma di masticature o miscelati con il miele come aiuto digestivo.

Tuttavia, il nuovo rimedio non sarà raggiunto attraverso i tè o le masticazioni. I ricercatori dell’Associazione dei veterani di Atlanta hanno utilizzato la centrifugazione ad altissima velocità per ottenere nanoparticelle derivate dallo zenzero (GDNP).

Creazione di nanoparticelle

Il team, guidato dal dott. Didier Merlin e dall’Istituto per le scienze biomediche della Georgia State University, ha iniziato a spremere la radice di zenzero fresco dal mercato degli agricoltori locali in un frullatore da cucina.

Fatti veloci su IBD

  • Tra 1-1,3 milioni di persone negli Stati Uniti vivono con IBD
  • Si ritiene che il morbo di Crohn colpisca 201 persone ogni 100.000
  • 238 persone su 100.000 hanno una colite ulcerosa.

Scopri di più sulla malattia di Crohn

Successivamente, hanno usato una centrifuga ad altissima velocità per ottenere la dispersione ultrasonica del succo di zenzero e creare palline.

Ogni nanoparticella aveva un diametro di circa 230 nanometri e oltre 300 di essi potevano adattarsi alla larghezza di un capello umano.

I risultati degli studi sui topi indicano che le particelle possono ridurre la colite acuta e prevenire la colite cronica e il cancro associato alla colite.

Le particelle sembrano aiutare nella riparazione intestinale incoraggiando la sopravvivenza e la proliferazione delle cellule nel rivestimento del colon. Sembrano anche ridurre la produzione di proteine ​​che promuovono l’infiammazione e aumentare i livelli di proteine ​​che combattono l’infiammazione.

Le particelle possono colpire efficacemente il colon, poiché vengono assorbite principalmente dalle cellule del rivestimento dell’intestino, dove si verifica l’IBD.

Inoltre sembrano non tossici.

Di conseguenza, i ricercatori suggeriscono che le particelle potrebbero essere utilizzate per trattare le due principali forme di IBD e il cancro legato alla colite.

Costituenti che aiutano ad alleviare l’IBD

Gli autori affermano che gli alti livelli di lipidi o molecole di grassi nelle particelle sono fondamentali per il loro effetto terapeutico. La pianta di zenzero contiene lipidi naturali, compreso l’acido fosfatidico. Questi sono importanti per la costruzione di membrane cellulari.

Altre sostanze attive chiave che si trovano naturalmente nello zenzero sono 6-gingerolo e 6-shogaolo. Ricerche precedenti hanno indicato che questi composti possono aiutare a prevenire l’ossidazione, l’infiammazione e il cancro.

Sono questi costituenti che rendono anche lo zenzero efficace contro la nausea e altri problemi digestivi.

Consegnare questi composti in una nanoparticella potrebbe essere un modo più efficace per colpire il tessuto del colon piuttosto che consumare lo zenzero naturale come alimento o integratore.

Lo zenzero potrebbe essere una fonte di medicina economica.

Il team di Merlin sta anche considerando altre piante, come potenziali “nanofattori per la fabbricazione di nanoparticelle mediche”.

Merlin e i suoi coautori hanno descritto le piante come una “piattaforma bio-rinnovabile, sostenibile e diversificata per la produzione di nanoparticelle terapeutiche”.

Scopri come le nanoparticelle vengono utilizzate in medicina per distruggere i coaguli di sangue.

Like this post? Please share to your friends: