Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le proteine ​​del grano possono causare infiammazioni oltre l’intestino

Una nuova ricerca rivela che una famiglia di proteine ​​nel grano può essere responsabile di attivare l’infiammazione in condizioni di salute croniche come la sclerosi multipla, l’asma e l’artrite reumatoide. Gli scienziati hanno scoperto che le proteine ​​potrebbero anche contribuire allo sviluppo della sensibilità al glutine non celiaca.

[Grano in una borsa]

I risultati sono stati presentati alla settimana UEG 2016 a Vienna, in Austria, un incontro organizzato dalla Gastroenterologia degli Stati Uniti per specialisti per comunicare le ultime ricerche sulle malattie del fegato e digestive.

Sebbene il grano sia stato aggiunto alla dieta umana solo circa 12.000 anni fa, è diventato un importante alimento dietetico ed è ampiamente utilizzato nei prodotti alimentari trasformati. Un gruppo di proteine ​​trovate negli inibitori del grano – amilasi-tripsina (ATI) – ha dimostrato di innescare una risposta immunitaria nell’intestino che può diffondersi ad altri tessuti del corpo.

Le ATI sono proteine ​​derivate dalle piante che inibiscono gli enzimi dei parassiti comuni – come i vermi della farina e le cocciniglie – nel grano. Le ATI hanno anche un ruolo importante nei processi metabolici che si verificano durante lo sviluppo del seme.

Molti studi precedenti si sono concentrati sull’impatto del glutine sulla salute dell’apparato digerente. Tuttavia, il ricercatore capo Prof. Detlef Schuppan, dell’Università Johannes Gutenberg in Germania, e il team hanno cercato di evidenziare il ruolo che gli ATI svolgono nella salute dell’apparato digerente e oltre.

Le ATI costituiscono solo una piccola quantità di proteine ​​del grano – circa il 4% – eppure la risposta immunitaria che esse inducono influenza in modo significativo i linfonodi, i reni, la milza e il cervello in alcune persone, causando infiammazione. Le ATI sono state anche suggerite per esacerbare l’artrite reumatoide, la sclerosi multipla (SM), l’asma, il lupus e la steatosi epatica non alcolica, così come le malattie infiammatorie dell’intestino.

“Oltre a contribuire allo sviluppo di condizioni infiammatorie correlate all’intestino, riteniamo che le ATI possano promuovere l’infiammazione di altre condizioni croniche immuno-correlate al di fuori dell’intestino.Il tipo di infiammazione intestinale osservata nella sensibilità al glutine non celiaca differisce da quella causata dalla celiachia, e non crediamo che questo sia innescato dalle proteine ​​del glutine. “

Prof. Detlef Schuppan

“Invece, abbiamo dimostrato che gli ATI del grano, che stanno anche contaminando il glutine commerciale, attivano specifici tipi di cellule immunitarie nell’intestino e in altri tessuti, con un conseguente potenziale peggioramento dei sintomi di malattie infiammatorie preesistenti”, aggiunge il professor Schuppan.

La dieta priva di proteine ​​può aiutare a trattare i disordini immunologici

Alcuni individui avvertono sintomi di stomaco quando mangiano cibi con ingredienti contenenti glutine – come grano, orzo e segale – anche se non hanno la malattia celiaca. Le ATI possono contribuire a questa sensibilità al glutine non celiaca (NCGS). Quest’area di ricerca è relativamente nuova e occorre condurre ulteriori ricerche per comprendere l’NCGS e chi è a rischio.

Attualmente non ci sono biomarker per NCGS per monitorare lo stato di un paziente, e in base alla comprensione corrente, nessun danno intestinale è stato indicato nelle persone con NCGS dopo l’esposizione al glutine. Gli operatori sanitari, di conseguenza, si basano esclusivamente sulla risoluzione dei sintomi per osservare se l’intervento migliora la condizione.

Mentre il glutine non si ritiene che causi NCGS, le persone con la condizione sono state segnalate per beneficiare di una dieta priva di glutine. Alcuni dei loro sintomi – come dolore addominale e movimenti intestinali irregolari, mal di testa, dolori articolari ed eczema – migliorano rapidamente quando si mangiano cibi privi di glutine.

Il prof. Schuppan osserva che la ricerca del team potrebbe aiutare a ridefinire la condizione a un termine più appropriato: “Piuttosto che la sensibilità al glutine non celiaca, che implica che il glutine causi solitariamente l’infiammazione, dovrebbe essere preso in considerazione un nome più preciso per la malattia.”

I ricercatori stanno attualmente preparando degli studi per studiare ulteriormente l’effetto degli ATI sulle condizioni di salute croniche. “Speriamo che questa ricerca possa portarci ad essere in grado di raccomandare una dieta ATI-free per aiutare a trattare una varietà di disturbi immunologici potenzialmente gravi”. Il prof. Schuppan conclude.

Leggi come la dieta priva di glutine sta guadagnando popolarità, nonostante nessun aumento della celiachia.

Like this post? Please share to your friends: