Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le sigarette elettroniche perdono metalli tossici, lo studio trova

Diversi studi recenti hanno suggerito che le sigarette elettroniche potrebbero non essere così sicure come potremmo pensare, e un nuovo studio ora aggiunge che questi dispositivi popolari perdono metalli nocivi, alcuni dei quali altamente tossici.

vapori di sigaretta elettronica

Fin dalla loro uscita sul mercato globale, le sigarette elettroniche (e-cigarettes) sono state salutate, generalmente, come un’alternativa più sicura a quelle normali.

Questi dispositivi funzionano riscaldando un liquido aromatizzato che a volte – anche se non sempre – contiene nicotina.

Invece di fumare, le e-sigarette rilasciano aerosol, o “vapori”, motivo per cui gli utenti di e-sigarette vengono spesso definiti “vapers” e l’atto di “fumare” con questo dispositivo viene soprannominato “vaping”.

Nonostante la credenza popolare che le e-sigarette siano migliori per la nostra salute di quelle tradizionali, recenti ricerche hanno indicato che questi dispositivi potrebbero portare a rischi freschi e poco compresi.

È stato suggerito che le persone che usano e-cigatattes potrebbero avere un rischio più elevato di problemi cardiovascolari e di cancro, e uno studio pubblicato all’inizio di questo mese ha rilevato che alcuni sapori di alcune sigarette elettroniche sono particolarmente tossici.

Ora, un team di scienziati della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, MD, conclude che i vapori di sigaretta elettronica potrebbero essere dannosi. L’autrice senior dello studio Ana María Rule e il team ipotizzano che il pericolo possa derivare dal contenuto tossico delle bobine di riscaldamento delle sigarette elettroniche.

“È importante per la FDA [Food and Drug Administration], le società di sigarette elettroniche, e si rende conto che queste bobine di riscaldamento, come attualmente fatte, sembrano perdere metalli tossici – che poi penetrano negli aerosol che si svuotano. “

Ana María Rule

I risultati dei ricercatori sono ora pubblicati sulla rivista.

Concentrazione “superiore ai limiti di sicurezza”

In uno studio precedente, Rule e colleghi hanno identificato una serie di metalli tossici – cadmio, cromo, piombo, manganese e nichel – nei liquidi per sigarette elettroniche.

La nuova ricerca ha preso questi risultati e si è spinto oltre, testando le sigarette elettroniche degli utenti effettivi per cercare di capire come le persone esposte erano a queste sostanze tossiche e in quali circostanze.

Regola e squadra hanno lavorato con 56 partecipanti che hanno utilizzato le e-sigarette su base giornaliera. I ricercatori hanno testato le sigarette elettroniche dei partecipanti, verificando la presenza di 15 metalli nei dispenser di ricarica, i liquidi vaping “caricati” nelle e-sigarette e i vapori derivanti dal riscaldamento dei liquidi.

I ricercatori sono stati in grado di confermare che i metalli tossici erano presenti negli e-liquid dai distributori di ricarica, sebbene in concentrazioni piuttosto ridotte. Ma una storia completamente diversa si è sviluppata nel caso di soluzioni di riempimento dei serbatoi che erano già state riscaldate dalle bobine incorporate.

Questi e-liquidi avevano concentrazioni molto più alte di metalli tossici, che – dicono i ricercatori – suggerisce che le soluzioni stesse non sono la fonte di queste sostanze. Invece, Rule e colleghi deducono che i metalli tossici possono provenire dalle serpentine di riscaldamento.

A causa della contaminazione dell’e-liquido, tracce di metalli tossici sono state trovate anche negli aerosol rilasciati dalle e-sigarette.

I metalli su cui gli autori dello studio esprimono maggiore preoccupazione sono il piombo, il cromo, il nickel e il manganese, tutti associati a importanti rischi per la salute, tra cui cancro, danni cerebrali e disturbi dell’apparato respiratorio.

Negli aerosol, la concentrazione media per il piombo da solo era di circa 15 microgrammi per chilogrammo e il 48 percento dei campioni di vapore testati dal team aveva concentrazioni di piombo che eccedevano il limite raccomandato dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti.

“Questi erano solo livelli mediani”, dice Rule. “I livelli effettivi di questi metalli [compresi quelli di nichel, cromo e manganese] variavano molto da un campione all’altro, e spesso erano molto più alti dei limiti di sicurezza.”

Misteriose fonti di metalli tossici

Come confermato da precedenti ricerche, le serpentine di riscaldamento contenute nelle e-sigarette sono spesso costituite da una combinazione di nichel e cromo e altre sostanze. Questo supporta la tesi che molti dei metalli tossici le cui tracce sono state trovate negli e-liquidi e negli aerosol devono essere trapelate da quelle bobine.

Tuttavia, non è chiaro da dove proviene il piombo o come tutti questi metalli contaminano l’e-liquid.

“Non sappiamo ancora se i metalli stanno chimicamente lisciando dalla bobina o vaporizzando quando è riscaldato”, dice Rule.

La coautrice dello studio Angela Aherrera ha inoltre condotto un’indagine separata utilizzando i dati degli stessi 56 partecipanti. La sua indagine aggiuntiva ha rivelato che gli utenti di sigarette elettroniche avevano aumentato i livelli di nichel e cromo nelle urine e nella saliva.

Questi erano coerenti con la concentrazione di questi metalli identificati nei vapori di sigaretta elettronica.

È interessante notare, tuttavia, tracce di metalli tossici sono stati trovati in concentrazioni più elevate in vapori prodotti da e-sigarette le cui bobine di riscaldamento sono stati frequentemente sostituiti.

Ciò suggerisce che le perdite probabilmente si verificano da nuove serpentine di riscaldamento, e forse meno nel caso di elementi più vecchi.

Un altro risultato preoccupante ha indicato che l’arsenico – una sostanza altamente tossica – è stato trovato nella ricarica di liquido e-liquido, liquido per bombole e vapori in non meno di 10 dei 56 gruppi di campioni forniti dai partecipanti allo studio. Perché l’arsenico era presente resta da chiarire.

“Abbiamo stabilito con questo studio che ci sono esposizioni a questi metalli, che è il primo passo”, afferma Rule, aggiungendo che c’è “bisogno anche di determinare gli effettivi effetti sulla salute”.

Like this post? Please share to your friends: