Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le sigarette elettroniche possono danneggiare i polmoni, dice lo studio

Le sigarette elettroniche, viste da molti come una sana alternativa al fumo di tabacco, possono essere dannose per i polmoni, gli scienziati dell’Università di Atene, in Grecia, hanno spiegato al Congresso annuale della European Respiratory Society 2012, Vienna, domenica 9 giugno 2012.

Le sigarette elettroniche, dette anche e-sigarette, sono state comunemente commercializzate come dispositivi efficaci per smettere di fumare. Tuttavia, i medici sono attualmente profondamente divisi sul fatto che le sigarette stiano dando alle compagnie di tabacco i mezzi per apparire benigni mentre in realtà “uccidono le persone dolcemente” o sono un’alternativa genuina che offre le migliori possibilità di ridurre i danni causati dal fumo di sigaretta.

In questo particolare studio, la professoressa Christina Gratziou e il suo team hanno cercato di determinare quali potrebbero essere gli effetti a breve termine del fumo con le sigarette elettroniche su individui diversi, compresi quelli senza problemi di salute noti, così come i fumatori esistenti con e senza condizioni polmonari .

Hanno effettuato esperimenti su 32 volontari; di cui 8 erano non fumatori durante la vita e 24 erano fumatori regolari. Alcuni di loro avevano polmoni sani, mentre altri vivevano con asma o BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva).

Gli è stato chiesto di usare una sigaretta elettronica per 10 minuti, inalando i vapori nei polmoni. Un test spirometrico, così come alcune altre procedure diagnostiche sono state utilizzate per misurare la resistenza delle vie aeree. La resistenza delle vie aeree viene utilizzata nella fisiologia respiratoria per misurare la resistenza delle vie respiratorie al flusso d’aria che entra durante l’inspirazione (inalazione) e durante l’espirazione (espirazione).

Hanno scoperto che l’uso di una sigaretta elettronica ha causato un aumento istantaneo della resistenza delle vie aeree che è durato per 10 minuti nella maggior parte dei partecipanti. Di seguito sono riportati alcuni dei risultati principali:

  • I non fumatori – anche tra le vite non fumatori, usando una sigaretta elettronica per dieci minuti hanno aumentato la resistenza delle vie aeree al 206% dal 182% (media media); i ricercatori hanno descritto questo come un “aumento significativo”.
  • Attuali fumatori regolari – tra i fumatori regolari esistenti, i test spirometrici hanno rivelato un aumento significativo della resistenza delle vie aeree al 220%, dal 176% dopo aver usato una sigaretta elettronica per dieci minuti.
  • I pazienti con BPCO e asma non hanno riscontrato un aumento significativo della resistenza delle vie aeree dall’uso di una sigaretta elettronica per dieci minuti.

In uno studio separato, i ricercatori del Roswell Park Cancer Institute, Buffalo, New York, hanno riportato nell’American Journal of Preventive Medicine (numero di febbraio 2013) che un numero crescente di persone usa le sigarette elettroniche per smettere di fumare o ridurre i loro consumo di sigarette di tabacco.

La professione medica e gli scienziati concordano generalmente sul fatto che le sigarette elettroniche, se rappresentano un pericolo per la salute, sono molto meno dannose del fumo di tabacco.

La professoressa Christina Gratziou, che è presidente del comitato per il controllo del tabacco della European Respiratory Society, ha dichiarato:

“Non sappiamo ancora se i prodotti di somministrazione di nicotina non approvati, come le e-sigarette, siano più sicuri delle normali sigarette, nonostante le dichiarazioni di marketing siano meno dannose. Questa ricerca ci aiuta a capire in che modo questi prodotti potrebbero essere potenzialmente dannosi.

“Abbiamo riscontrato un aumento immediato della resistenza delle vie aeree nel nostro gruppo di partecipanti, il che suggerisce che le sigarette elettroniche possono causare danni immediati dopo aver fumato il dispositivo.Un ulteriore ricerca è necessaria per capire se questo danno ha anche effetti duraturi a lungo termine [.. .] L’ERS raccomanda di seguire linee guida per il trattamento dell’abbandono del fumo efficaci basate su prove cliniche che non sostengono l’uso di tali prodotti. “

Cosa sono le sigarette elettroniche (e-cigarettes)?

Le sigarette elettroniche, note anche come sigarette vaporizzanti e e-sigarette, sono dispositivi che le persone usano, spesso invece delle sigarette di tabacco, che rilasciano dosi di vapore acqueo che possono o meno includere nicotina. Le sigarette elettroniche sono alimentate da una piccola batteria.

Produttori, distributori e venditori di sigarette elettroniche affermano che sono un’alternativa efficace e più sana al fumo di tabacco, perché l’utente non inalare il fumo di tabacco nocivo, che contiene oltre 4.000 sostanze chimiche tossiche.

Gli utenti regolari di sigarette elettroniche dicono che il dispositivo offre loro una sensazione simile al fumo di sigarette. Tuttavia, poiché non vi è alcuna combustione in gioco, non c’è fumo.

Sigaretta elettronica

Le sigarette elettroniche sono dispositivi a tubo lungo che sembrano sigarette di tabacco o biros (penne a sfera). Molti di questi hanno cartucce sostituibili; alcuni sono quelli usa e getta.

L’utente posiziona il dispositivo tra le labbra e succhia, questa azione attiva un elemento riscaldante che vaporizza immediatamente una soluzione liquida. Il vapore viene inalato. Imparare a usare le e-sigarette, specialmente per un fumatore regolare di tabacco, è semplice perché l’azione è praticamente identica a ciò che si fa quando si fuma una sigaretta di tabacco.

Una tipica sigaretta elettronica ha i seguenti componenti:

  • Il boccaglio: la cartuccia sostituibile è posizionata qui. L’utente fa schifo o inspira dal boccaglio.
  • L’atomizzatore – un elemento riscaldante che vaporizza la soluzione liquida. I vapori sono inalati. Nella maggior parte dei dispositivi, l’atomizzatore deve essere sostituito ogni tre o sei mesi.
  • La batteria: si tratta in genere di una batteria ricaricabile agli ioni di litio ricaricabile. La batteria è la fonte di energia per l’elemento riscaldante. Nel dispositivo sono presenti anche alcuni circuiti elettronici, come il sensore del flusso d’aria, un interruttore temporizzato per evitare il surriscaldamento e un LED colorato (diodo ad emissione luminosa) per indicare che il dispositivo è stato attivato.

Le sigarette elettroniche stanno diventando sempre più popolari, specialmente nell’Europa occidentale. Si stima che molte decine di milioni di persone in tutto il mondo siano utenti regolari.

Ulteriori letture sulle e-sigarette

Un rapporto pubblicato dal CDC e dal Centro per i prodotti del tabacco della FDA ha rivelato che l’uso delle sigarette elettroniche è triplicato tra gli studenti delle scuole medie e superiori tra il 2013 e il 2014.

Gli e-cigs sono efficaci quanto i cerotti alla nicotina nell’aiutare i fumatori di tabacco a smettere, ha trovato uno studio condotto presso l’Università di Auckland in Nuova Zelanda.

Like this post? Please share to your friends: