Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

“Le sigarette elettroniche possono fare più male che bene”, suggerisce lo studio

Recentemente, abbiamo esaminato una serie di studi che hanno valutato i potenziali danni e benefici delle e-sigarette. Ora, riportiamo su un nuovo studio pubblicato che suggerisce che l’uso di questi dispositivi potrebbe essere più dannoso che vantaggioso.

una sigaretta e liquidi

Le sigarette elettroniche, dette anche e-sigarette, sono dispositivi alimentati a batteria che riscaldano una soluzione liquida, che può o meno includere nicotina, in un vapore che viene inalato – o “svapato” – dall’utente.

I dispositivi sono diventati un’alternativa popolare alle sigarette convenzionali negli ultimi anni, in parte a causa del fatto che presentano minori rischi per la salute rispetto a quelli normali.

L’uso delle e-sigarette sta crescendo rapidamente negli Stati Uniti. Tuttavia, questo aumento di popolarità è controverso – non solo per le domande poste dai ricercatori più o meno vaping è dannoso, ma anche a causa delle preoccupazioni che gli adolescenti possono fare uso di e-sigarette come un gateway tra fumatori regolari.

La Food and Drug Administration (FDA) ha vietato la vendita di e-sigarette a persone di età inferiore ai 18 anni. Ma sono necessarie ulteriori prove scientifiche per informare il dibattito pubblico sugli effetti delle sigarette elettroniche a livello di popolazione.

Uno studio recente ha rilevato che gli adolescenti che avevano usato le e-sigarette avevano una quantità di composti tossici tre volte maggiore rispetto agli adolescenti che non avevano mai svapato.

E un altro recente articolo scientifico che abbiamo analizzato suggerisce che le serpentine di riscaldamento nelle e-sigarette possono contribuire a questi alti livelli di composti tossici.

Gli autori di quel documento hanno scoperto che piccole concentrazioni di metalli tossici erano presenti nelle soluzioni liquide nei distributori di ricarica di sigarette elettroniche, ma che questi livelli erano molto più alti nelle soluzioni che erano già state riscaldate all’interno delle e-sigarette.

Gli autori spiegano che questa scoperta indica che sono le serpentine di riscaldamento – piuttosto che le soluzioni stesse – che sono la principale fonte di metalli tossici.

“Più danni a livello di popolazione che benefici”

Il nuovo studio ha analizzato i dati che sono stati ricavati dai conteggi del censimento, dalla letteratura scientifica precedentemente pubblicata e dalle indagini sull’uso della salute e del tabacco a livello nazionale.

Gli autori dello studio hanno soppesato i danni relativi all’uso delle sigarette elettroniche e li hanno confrontati con quelli delle sigarette normali.

Gli scienziati concludono che l’uso delle sigarette elettroniche è attualmente associato a maggiori danni a livello di popolazione rispetto ai benefici.

Inoltre, gli autori osservano che le sigarette elettroniche potrebbero rallentare o invertire la sostanziale riduzione del fumo tra i giovani, secondo cui gli sforzi per il controllo del tabacco hanno avuto inizio dagli anni ’90.

L’autore Samir Soneji – un professore associato presso l’Istituto Dartmouth per la politica sanitaria e pratica clinica al Dartmouth College in Libano, NH – dice che anche se i mercati del settore del tabacco e-sigarette come strumenti per smettere di fumare, relativamente pochi gli utenti di e-sigaretta sono in grado di smettere di fumare con successo. Piuttosto, l’uso di sigarette elettroniche può effettivamente portare a persone che iniziano a fumare.

“Le sigarette elettroniche potrebbero portare a oltre 1,5 milioni di anni di vita persi perché il loro uso potrebbe aumentare notevolmente il numero di adolescenti e giovani adulti che alla fine diventeranno fumatori di sigarette”.

Samir Soneji

Gli autori raccomandano che si debbano compiere sforzi a livello nazionale, statale e locale per ridurre l’uso di sigarette elettroniche tra i giovani. Ciò potrebbe includere l’adozione di misure per rendere le e-sigarette meno attraenti per gli adolescenti, ad esempio rendendo meno disponibili i “sapori di frutta adatti ai bambini”.

“Le sigarette elettroniche probabilmente causeranno più danni alla salute pubblica che benefici per la salute pubblica”, conclude Soneji, “a meno che non si riesca a trovare modi per ridurre in modo sostanziale il numero di adolescenti e giovani adulti che svuotano e aumentano il numero di fumatori che usano e-sigarette per smettere di fumare con successo. “

Like this post? Please share to your friends: