Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Le sigarette elettroniche sono sicure?

Le sigarette elettroniche sono state introdotte per la prima volta nel mercato statunitense nel 2007 come dispositivo per aiutare i fumatori a ridurre le loro abitudini. Nonostante la crescita drammatica della popolarità, le opinioni rimangono divise riguardo al loro impatto a lungo termine sulla salute. Le e-sigarette sono sicure o le persone dovrebbero essere preoccupate di usarle?

Donna che usa una sigaretta elettronica.

Molte delle preoccupazioni derivano da un’apparente mancanza di prove per gli effetti dell’uso di sigarette elettroniche. Poiché l’uso di sigarette elettroniche si sta spostando verso l’ubiquità, le lacune nella conoscenza dei loro effetti stanno diventando sempre più preoccupanti per gli esperti di salute.

Che si tratti di come vengono commercializzate le e-sigarette o di quali ingredienti siano contenuti all’interno di questi dispositivi, le persone stanno diventando diffidenti nei confronti di dispositivi che in origine sembravano essere completamente innocui.

In uno studio sugli adulti americani pubblicato lo scorso anno, il 37% si è opposto all’uso delle sigarette elettroniche nelle aree senza fumo, con circa il 40% di incertezza. Questa scoperta suggerisce sia cautela che incertezza riguardo alla sicurezza delle e-sigarette.

Per questa caratteristica di Spotlight, diamo uno sguardo a quali sono gli apparenti pericoli associati all’uso di sigarette elettroniche, allo scopo di valutare quanto preoccupati, se non del tutto, dovremmo parlare di e-cigarette.

E-sigarette e loro regolazione

Quindi quali sono esattamente le sigarette elettroniche che potrebbero renderle pericolose? La maggior parte dei dispositivi ha un boccaglio o una cartuccia, un atomizzatore e una batteria. La cartuccia contiene una soluzione liquida (solitamente contenente nicotina) che viene riscaldata e vaporizzata dall’atomizzatore. Una volta che il liquido è stato vaporizzato, l’utente può inalarlo, imitando il processo del fumo.

Le soluzioni all’interno delle cartucce hanno concentrazioni variabili di nicotina – le quantità possono variare da nessuna nicotina a concentrazioni elevate (24-36 mg / ml).

Un rapporto del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) pubblicato lo scorso anno ha rivelato che le chiamate relative alle sigarette elettroniche nei centri antiveleni negli Stati Uniti sono aumentate drasticamente negli ultimi 5 anni. Nel 2010, c’era una chiamata al mese, ma questo è salito a circa 215 chiamate al mese entro il 2014.

Questo aumento segnala una pericolosa tossicità nelle e-sigarette? Il Dr. Tom Frieden, direttore del CDC, ha affermato che il rapporto “solleva un’altra bandiera rossa sulle e-sigarette: la nicotina liquida utilizzata nelle e-sigarette può essere pericolosa”.

I difensori del dispositivo potrebbero indicare come si sono verificati questi avvelenamenti. Più della metà delle chiamate ai centri per l’avvelenamento riguardavano bambini di età pari o inferiore a 5 anni, il che suggeriva che l’uso improprio di un prodotto destinato agli adulti era da biasimare.

Una sigaretta elettronica con i suoi accessori.

Secondo gli inquirenti, tuttavia, l’intossicazione infantile era solitamente dovuta al contatto diretto con il liquido della cartuccia, sia attraverso l’ingestione, l’inalazione o l’esposizione al liquido sulla pelle o sugli occhi.

“L’uso di questi prodotti sta schizzando alle stelle e questi avvelenamenti continueranno”, afferma il dott. Frieden. “I liquidi di sigaretta elettronica attualmente venduti sono una minaccia per i bambini piccoli perché non sono tenuti a essere a prova di bambino, e sono disponibili in gusti di caramelle e frutta che attirano i bambini”.

Il fatto che le e-sigarette non siano richieste per essere a prova di bambino deriva dalla loro posizione in un’area grigia regolamentare. Al momento, la FDA (Food and Drug Administration) statunitense può solo regolamentare le sigarette elettroniche che i produttori commercializzano come terapeutici, dando a coloro che scelgono di non commercializzare i loro prodotti in questo modo più libertà di costruirli a loro piacimento.

L’anno scorso, la FDA ha annunciato una proposta per estendere l’attuale regolamentazione del tabacco per includere tutte le sigarette elettroniche e altri prodotti che soddisfano la definizione legale di un prodotto del tabacco. Ciò consentirebbe loro di limitare il modo in cui le e-sigarette sono pubblicizzate e promosse, in particolare le campagne destinate ad attrarre i giovani.

Finché questa regola proposta non sarà finalizzata, gli aspetti della presentazione di sigarette elettroniche a cui il Dr. Frieden è maggiormente preoccupato potrebbero continuare. I consumatori dovranno anche attendere una serie accettata di misure per confermare la purezza delle e-sigarette e dei liquidi utilizzati all’interno.

Sostanze nelle e-sigarette

In termini di sostanze chimiche contenute nelle e-sigarette, non si sa ancora molto su ciò che è presente e quali sono i loro effetti a lungo termine. Mentre i produttori affermano che i loro dispositivi sono sicuri, vari studi hanno messo in dubbio questa presunzione.

La stessa FDA ha analizzato campioni di due marchi famosi di e-cigarette. Gli investigatori hanno trovato livelli variabili di nicotina – forse non tanto una sorpresa – ma hanno anche identificato tracce di sostanze chimiche tossiche, inclusi agenti cancerogeni, sostanze note per provocare il cancro. Esempi di queste sostanze chimiche includono formaldeide e acetaldeide.

Dopo aver fatto questi risultati, la FDA ha emesso un avvertimento sui potenziali pericoli dell’utilizzo di e-sigarette.

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università della California meridionale ha rilevato che il vapore prodotto da una marca di sigarette elettroniche conteneva livelli tossici di alcuni metalli molto maggiori di quelli riscontrati nel fumo delle sigarette tradizionali.

“I nostri risultati dimostrano che, nel complesso, le sigarette elettroniche sembrano essere meno dannose delle sigarette normali, ma il loro elevato contenuto di metalli tossici come nichel e cromo sollevano preoccupazioni”, afferma il Prof. Sioutas, coautore dello studio.

I ricercatori ritengono che queste particelle metalliche, principalmente cromo e nichel, probabilmente provenissero dalle cartucce di sigarette elettroniche, suggerendo che potrebbero essere necessari standard di produzione migliori per i dispositivi.

Un altro studio, pubblicato all’inizio di quest’anno, ha rilevato che l’esposizione alle sigarette elettroniche potrebbe compromettere le difese antimicrobiche dei polmoni in un modello murino.

Questo studio è stato criticato solo per confrontare le conseguenze dell’uso di sigaretta elettronica con aria fresca e non con il fumo, nonché per l’utilizzo di topi, noti per essere influenzati in modo diverso dalla nicotina rispetto agli umani.Tuttavia, i ricercatori affermano che le loro scoperte servono semplicemente a illustrare la necessità di ulteriori test prima che le e-sigarette possano essere ritratte come un’alternativa sicura al fumo tradizionale.

Infine, i ricercatori hanno anche sottolineato i pericoli della nicotina, che si trova nella maggior parte delle e-sigarette. Uno studio pubblicato lo scorso anno ha scoperto che l’esposizione alla nicotina ha causato la mutazione delle cellule in modo simile allo stress ossidativo, un precursore del cancro.

Gli autori hanno concluso che l’esposizione alla nicotina per un lungo periodo potrebbe portare a geni mutati che aumentano la probabilità di sviluppare il cancro, anche se la nicotina stessa non è ancora considerata cancerogena.

Sebbene le e-sigarette non contengano alcune delle sostanze più dannose presenti nelle sigarette tradizionali – tabacco, catrame e sostanze chimiche prodotte dalla combustione del tabacco – e sono quindi più sicure da usare, vi sono prove che suggeriscono che le sigarette elettroniche non dovrebbero essere visto come privo di rischi.

Le sigarette elettroniche sono un aiuto per smettere di fumare o una porta per il tabacco?

L’argomento principale utilizzato a sostegno delle e-sigarette – e di conseguenza spesso il loro principale punto di forza quando si parla di marketing – è che possono aiutare le persone a smettere di fumare. Questo vantaggio significa che anche se ci sono alcuni rischi per il loro uso, è molto più preferibile che le persone li usano rispetto alle sigarette tradizionali.

Secondo il National Institute on Drug Abuse (NIDA), tuttavia, non è chiaro se le e-cigarette possano essere efficaci come aiuti per smettere di fumare.

Al contrario, una revisione Cochrane – ampiamente riconosciuta come forme complete e affidabili di revisione sistematica – pubblicata a dicembre ha rivelato che le e-sigarette possono aiutare i fumatori a ridurre o smettere di fumare. I risultati della revisione hanno seguito l’analisi di due studi randomizzati e 11 studi osservazionali.

Gli autori della rivista hanno riferito che le loro scoperte erano incoraggianti, sebbene il numero di partecipanti arruolati in ciascuno degli studi fosse limitato.

Una ragazza che usa una sigaretta elettronica.

La revisione Cochrane può attenuare le preoccupazioni sull’efficacia delle e-sigarette, ma alcuni esperti di salute pubblica sono anche preoccupati che l’uso dei dispositivi possa funzionare anche nell’altro modo, agendo come un “gateway” o un prodotto introduttivo per le persone – in particolare i giovani – provare le sigarette tradizionali.

Questo particolare timore è cresciuto a causa dell’aumento del marketing che potrebbe attrarre gli adolescenti. Uno studio pubblicato lo scorso anno ha rivelato che l’esposizione alla pubblicità di sigarette elettroniche in televisione ai giovani adulti (età 18-24) è aumentata del 321% tra il 2011 e il 2013.

Allo stesso tempo, il CDC ha riferito che l’uso di sigaretta elettronica era più che raddoppiato tra gli studenti delle scuole medie e superiori negli Stati Uniti dal 2011-12, con oltre 1,78 milioni di studenti delle scuole medie e superiori che hanno utilizzato i dispositivi nel 2012. Mentre alcuni gli stati hanno proibito la vendita di e-sigarette ai minori, i dispositivi sono facilmente acquistabili via Internet.

“Il maggiore uso di e-cigarette da parte degli adolescenti è profondamente preoccupante”, afferma il Dr. Frieden. “La nicotina è una droga molto coinvolgente: molti adolescenti che iniziano con le sigarette elettroniche possono essere condannati a lottare con una dipendenza per tutta la vita dalla nicotina e dalle sigarette convenzionali”.

Tuttavia, molte persone contestano l’idea che le sigarette elettroniche possano portare alle sigarette tradizionali, compresi alcuni gruppi antifumo.

“È stato dimostrato che le sigarette elettroniche aiutano le persone a smettere di fumare e non ci sono prove che suggeriscano attualmente che fungano da porta d’accesso al fumo per i giovani nel Regno Unito”, ha dichiarato l’Action on Smoking and Health (ASH). per eliminare il danno causato dal tabacco.

“La ricerca suggerisce che le percentuali di fumo tra i bambini del Regno Unito nel complesso, mentre sono ancora troppo alte, hanno continuato a diminuire dall’emergenza delle e-sigarette lo scorso decennio”, riferisce il dottor Penny Woods, direttore esecutivo della British Lung Foundation, sottintendendo che le sigarette elettroniche potrebbe contribuire a ridurre i tassi di fumo.

La Mayo Clinic suggerisce che fino a quando non si conosceranno questi potenziali rischi, ci sono molti altri farmaci approvati dalla FDA che hanno dimostrato di essere sicuri ed efficaci nell’aiutare le persone a smettere di fumare.

Un interessante pezzo di curiosità che può o non può essere pertinente è che l’inventore delle e-cigarettes, un farmacista cinese chiamato Hon Lik, sperava di smettere di fumare, ma ora usa sia le e-sigarette che le sigarette tradizionali. Dichiara di fumare solo tabacco per controllare gli aromi nei suoi dispositivi, comunque.

Mancanza di prove sulle e-sigarette

Una cosa che è chiara dal guardare a ciò che è stato scritto finora sulle e-sigarette è che la mancanza di prove solide sta stimolando il dibattito sul loro uso e ostacolando le argomentazioni avanzate da entrambe le parti.

I politici che stanno limitando l’uso delle sigarette elettroniche nei luoghi pubblici sono stati criticati a causa delle forti prove che hanno scoperto che i dispositivi sono pericolosi. I produttori che promuovono le sigarette elettroniche come dispositivi per smettere di fumare sono a loro volta criticati per la mancanza di prove evidenti che dimostrino la loro efficacia.

In questa indagine, sembra che le e-sigarette siano più sicure delle sigarette tradizionali, ma possono avere i loro rischi che vale la pena considerare.

Il dott. Nick Hopkinson, consigliere onorario della British Lung Foundation, suggerisce che siccome le sigarette elettroniche sono certamente molto meno dannose delle normali sigarette, la sostituzione completa del tabacco con i dispositivi elettronici dovrebbe migliorare la salute. Tuttavia, è preferibile evitare sia le sigarette elettroniche che quelle tradizionali.

“Sebbene sia più sicuro del fumo, l’impatto a lungo termine sulla salute delle e-sigarette non è ancora del tutto noto e necessita di ulteriori ricerche”, aggiunge. “Raccomanderemmo che chiunque usi le e-sigarette per smettere di fumare, specialmente se hanno una malattia polmonare, alla fine dovrebbe provare a smettere di usare anche [e-sigarette]”.

Like this post? Please share to your friends: