Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Le sigarette elettroniche sono un’alternativa sicura al fumo?

Una sigaretta elettronica è un dispositivo alimentato a batteria che emette dosi di nicotina vaporizzata, o soluzioni non nicotiniche, che l’utente può inalare. Ha lo scopo di fornire una sensazione simile a inalare il fumo di tabacco, senza il fumo.

Conosciuto anche come e-sigarette, e-cigs, sistemi elettronici di consegna di nicotina, sigarette vaporizzanti e penne a vape, sono commercializzati come un modo per fermare o ridurre il fumo.

Le sigarette elettroniche sono state acquistate da milioni di persone in tutto il mondo da quando sono apparse per la prima volta sul mercato cinese nel 2004.

Nel 2014, circa il 3,7% degli adulti negli Stati Uniti (USA) li utilizzava e il 12,6% li aveva provati. “Vaping” è ora la forma più popolare di consumo di tabacco tra gli adolescenti negli Stati Uniti. L’uso di sigarette elettroniche è aumentato del 900% tra gli studenti delle scuole superiori dal 2011 al 2015.

Tuttavia, un numero crescente di ricerche suggerisce che lo svapo potrebbe essere pericoloso e, nel 2016, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha iniziato a far rispettare le regole relative alle vendite, al marketing e alla produzione di questi prodotti.

Fatti veloci sulle e-sigarette:

Ecco alcuni punti chiave sulle e-sigarette. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Le sigarette elettroniche mirano ad assomigliare alle sigarette, ma senza bruciare il tabacco.
  • Sono venduti come aiuti per ridurre o smettere di fumare, e alcune persone li trovano utili per questo.
  • Tuttavia, la ricerca mostra che possono avere un impatto negativo sulla salute.
  • Le autorità sanitarie stanno cercando di rafforzare i regolamenti per scoraggiare i giovani dall’utilizzare le e-sigarette.

Cosa sono le e-sigarette?

Vaping: è davvero più sicuro del fumo?

Una sigaretta elettronica è un lungo tubo che di solito assomiglia a una sigaretta, un sigaro, una pipa o una penna. La maggior parte sono riutilizzabili, con cartucce sostituibili e ricaricabili, ma alcuni sono usa e getta.

Il primo brevetto per una “sigaretta senza fumo e senza tabacco” fu richiesto da Herbert A. Gilbert nel 1963, ma il dispositivo attuale non apparve fino al 2003.

L’e-sigaretta che conosciamo è stata inventata da Hon Lik, un farmacista cinese, che lavora per Golden Dragon Holdings, ora noto come Ruyan. La società ha iniziato ad esportare nei principali mercati nel 2005-2006. Ora ci sono oltre 460 marchi diversi sul mercato.

Come funzionano

La maggior parte delle e-sigarette ha:

  • un boccaglio o una cartuccia
  • un elemento riscaldante
  • una batteria ricaricabile
  • circuiti elettronici

Mentre l’utente aspira il boccaglio, un sensore attiva un elemento riscaldante che vaporizza una soluzione liquida aromatizzata contenuta nel boccaglio. La persona quindi “svapa” o inala, la soluzione di aerosol.

Il contenuto di nicotina varia da zero a “extra-alto” o da 24 a 36 milligrammi (mg) per millilitro (ml).

Il boccaglio è una cartuccia fissata all’estremità di un tubo. Un piccolo bicchiere di plastica all’interno del boccaglio contiene un materiale assorbente inzuppato nella soluzione liquida. La cartuccia può essere ricaricata o sostituita con un’altra cartuccia preriempita quando necessario.

L’atomizzatore è un elemento riscaldante che riscalda il liquido, provocandone la vaporizzazione. La soluzione può quindi essere respirata o inalata.

La batteria alimenta l’elemento riscaldante. Questa è normalmente una batteria ricaricabile agli ioni di litio.

Il sensore attiva il riscaldatore quando l’utente succhia il dispositivo. Un LED può mostrare quando è attivato.

La soluzione, nota anche come e-liquid o e-juice, viene prodotta estraendo la nicotina dal tabacco e mescolandola con una base, solitamente glicole propilenico, e con l’aroma. Il glicole propilenico è utilizzato negli inalatori, ad esempio per l’asma. C’è una vasta gamma di sapori tra cui scegliere, con nomi come tradizionale, anguria, mentolo e flusso di lava.

Alcuni sapori, come una combinazione di tabacco e mentolo, cercano di assomigliare alle sigarette tradizionali. Alcuni di loro sostengono di imitare marchi specifici.

Benefici

Le sigarette elettroniche possono essere meno pericolose del tabacco per i fumatori esistenti, ma possono comportare pericoli.

Le sigarette elettroniche pretendono di bypassare molti dei rischi per la salute del fumo di tabacco e di offrire un’alternativa più salutare alle sigarette e ad altre forme convenzionali di assunzione di nicotina.

Alcuni studi hanno scoperto che l’uso delle e-sigarette può aiutare alcuni fumatori a smettere.

Altri suggeriscono di offrire “modesti” benefici a coloro che vogliono smettere di fumare, ma “un buon potenziale” per coloro che stanno abbattendo.

Tuttavia, il dispositivo non si rivolge solo alle persone anziane che cercano di smettere di fumare, e mentre le e-sigarette possono aiutare alcune persone a smettere di fumare, ci sono crescenti prove che lo svapo potrebbe essere dannoso in alcuni casi.

Commercializzando l’attività come fresca e sicura e offrendo una varietà di sapori, i produttori sono desiderosi di attrarre adolescenti e adolescenti, che spesso credono che lo svapo sia meno pericoloso del fumo.

Tuttavia, questo non è necessariamente vero, e nel 2016, il Surgeon General ha dichiarato che l’uso di sigarette elettroniche costituisce un “importante problema di salute pubblica”.

rischi

Ecco 10 motivi per cui le autorità sono interessate:

  1. La maggior parte delle e-sigarette contengono nicotina, che crea dipendenza e innesca cambiamenti nel cervello dell’adolescente. È pericoloso durante la gravidanza in quanto può influenzare lo sviluppo fetale.
  2. L’aerosol contiene solventi, aromi e sostanze tossiche, che il Surgeon General descrive come “dannoso” o “potenzialmente dannoso”.
  3. Le sigarette elettroniche espongono i polmoni a sostanze diverse. Uno di questi è dicetile, che può causare “polmone pop corn”, una malattia polmonare grave e irreversibile.
  4. Avvelenamento potenzialmente fatale è il risultato di ingestione accidentale e di inalazione di liquido per sigarette.
  5. Le persone che cercano di smettere di fumare smetteranno di usare metodi convenzionali e monitorati da un medico per farlo.
  6. Coloro che usano o che hanno usato le sigarette elettroniche hanno meno probabilità di smettere del tutto di fumare.
  7. Gli adolescenti che usano i prodotti di sigarette elettroniche hanno maggiori probabilità di iniziare a usare regolarmente tabacco.
  8. L’uso continuato della nicotina può rendere più piacevoli altri farmaci, come la cocaina.
  9. Gli aromi, il marketing e il concetto che non è dannoso fanno tutti tentare agli adolescenti di iniziare a svapare. C’è preoccupazione che ciò accresca la possibilità che fumino sigarette convenzionali in seguito.
  10. Il fumo passivo non viene eliminato con lo svapo, poiché lo svapo libera emissioni cancerogene.

Inoltre, l’uso sperimentale di materiali vaping può mettere i ragazzi a più alto rischio. Il National Institute on Drug Abuse (NIDA) indica la pratica del “gocciolamento”, che comporta l’inalazione di soluzioni che vengono gocciolate direttamente sulla batteria del riscaldatore. Le ragioni includono “per produrre un colpo di gola più forte”.

Porta via

Anche se lo svapare può aiutare le persone a smettere di fumare, non è stato certificato come sicuro ed efficace dalla FDA, e non ci sono prove che funzioni a lungo termine.

Secondo il NIDA, “Ricerche finora suggeriscono che le sigarette elettroniche potrebbero essere meno dannose delle sigarette quando le persone che fumano regolarmente passano a loro come un sostituto completo”.

Tuttavia, aggiungono, “la nicotina in qualsiasi forma è una droga molto coinvolgente”.

Il rapporto del Surgeon General richiede un’azione per ridurre il rischio di vaping.

“Le azioni potrebbero includere l’incorporazione di e-sigarette in politiche senza fumo, impedendo l’accesso alle e-sigarette da parte dei giovani, le politiche sui prezzi e fiscali, il licensure al dettaglio, la regolamentazione del marketing delle sigarette elettroniche che potrebbe attrarre i giovani e iniziative educative rivolte ai giovani e ai giovani adulti”.

Dipartimento di salute e servizi umani degli Stati Uniti

Nel 2016, la FDA ha reso le sigarette elettroniche soggette alle stesse regole dei prodotti del tabacco. Uno dei risultati è che gli acquirenti devono avere almeno 18 anni.

L’American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda vivamente che l’età minima per acquistare qualsiasi prodotto del tabacco, comprese le e-sigarette, sia portata a 21 anni in tutti gli stati.

Nove stati hanno già vietato l’uso di sigarette elettroniche negli stessi luoghi in cui non è permesso fumare, e vi è un crescente bisogno di regole di vaping più severe.

Le sigarette elettroniche sono un prodotto del tabacco e nessun uso del tabacco è sicuro. Fino a quando non ne sapremo di più, è probabilmente meglio usarli con cautela.

Like this post? Please share to your friends: